Una fantastica vacanza

1KReport
Una fantastica vacanza

Cosa fa una donna di circa 30 anni divorziata di recente quando il suo posto di lavoro ha una vacanza di 2 settimane? Beh, vai in vacanza, naturalmente. Il mio ex marito era una persona controllante, aveva bisogno di fare le cose a modo suo nel suo programma. Ma mi aveva fatto sentire a mio agio, immagino che stare con qualcuno dai 20 ai 30 anni lo faccia. Ma sono contento che quel capitolo della mia vita sia finito. Ho potuto vedere i segni un paio di anni fa e penso che inconsciamente volevo comunque uscire dal matrimonio.

Ma è stata una benedizione avere questa libertà adesso. Con lui non avevo mai viaggiato o fatto una vera vacanza, ma ora che ero single e pronta a socializzare ero ansiosa di uscire ed esplorare il mondo. Il mio primo viaggio è stato una crociera ai Caraibi, ho vissuto nell'emisfero settentrionale tutta la mia vita e ho sempre sognato le spiagge bianche e l'acqua limpida che vedo su quei siti web di viaggi e film.

Il giorno della partenza era un po' sfocato, stavo correndo a fare le valigie e non sapevo davvero cosa avevo bisogno o volevo portare. Ho deciso che viaggiare leggeri sarebbe stata la strada migliore e ho preparato solo pochi vestiti, alcuni prodotti per l'igiene e il mio migliore amico negli ultimi 5 anni circa, il mio vibratore. Il primo giorno di mare sono rimasto per lo più nella mia cabina e ho guardato l'acqua. Avevo problemi a uscire dalla mia zona di comfort, immagino. Ma verso le 7 di sera ho sentito bussare alla mia porta seguito da qualcuno che diceva "Asciugamani o biancheria signora?". Sono rimasto un po' sorpreso perché non aspettavo nessuno, ma guardando nel mio bagno mi sono reso conto che avevo bisogno di asciugamani. Mi sono alzato per aprire la porta, ma mi sono fermato a metà passo quando ho notato che non indossavo nulla. Ho chiesto alla persona dall'altra parte della porta di aspettare un momento mentre mi mettevo in fretta l'accappatoio di cotone bianco in omaggio appeso alla porta del bagno. Ho aperto lentamente la porta e ho sorriso al giovane sulla soglia mentre lo ringraziavo per gli asciugamani.

Sembrava avere poco più di 20 anni, ma l'uniforme tutta bianca che fanno indossare allo staff probabilmente li fa sembrare un po' più giovani di quanto non siano. Era a poco meno di 6 piedi da quello che potevo dire, non era buff ma si potevano vedere alcuni muscoli definiti sotto la polo attillata che indossava. La sua camicia era ben infilata nei pantaloni bianchi, che gli avvolgevano la vita con l'aiuto della cintura nera piatta che indossava. L'uniforme lo costringeva anche a indossare un cappello con il logo delle linee di crociera ricamato sul davanti, ma potevo vedere dei ciuffi di capelli biondi ricci che facevano capolino dai lati e dal retro del berretto. Si è trasferito nella cabina successiva, mi sentivo un po' fiducioso così ho osato fissarlo mentre procedeva. Quando ha bussato alla porta del mio vicino, mi ha guardato e mi ha rivolto un sorriso. Ne ho sparato uno e mi sono ritirato nella mia stanza.

Lo scambio potrebbe sembrare uno scherzo senza senso ai più, ma non mi sentivo attraente da tempo e il breve sguardo di quel giovane è stato sufficiente per ricordarmelo. Mi sdraiai sul letto e presi il vibratore dal bagaglio. Ero abituato all'amor proprio, quindi sapevo di aver bisogno di un po' di preparazione prima di iniziare. Ho iniziato facendo scorrere leggermente il dito medio su e giù per la fessura, sono rimasto un po' sorpreso da quanta umidità si fosse già accumulata. Potrei accelerare un po' il processo qui, quindi ho affondato il dito nella mia vagina. Ho sentito il mio dito allungare la mia apertura e ho sentito che mi aprivo e lasciavo il posto al mio dito. Ho piegato il dito verso l'alto e ho accarezzato lentamente la parte superiore delle mie pareti. Questo era il mio posto preferito per stuzzicare, mi piaceva comportarmi come se fosse qualcun altro che giocava con me, stuzzicandomi la figa anche quando chiedevo loro di diventare più rudi. Mi stavo agitando più del solito a quel punto e potevo sentire i miei succhi iniziare a scorrere lungo il dorso della mia mano. Con il pollice ho iniziato a fare piccoli cerchi intorno al mio clitoride, all'inizio dolcemente ma applicando più pressione man mano che mi abituavo alla sensazione. Sincronizzerei il movimento circolare e il movimento di curling per mantenere un ritmo costante. Potevo sentire parti del mio corpo iniziare a irrigidirsi, il mio corpo mi diceva che si stava avvicinando al climax. Ho aumentato un po' il ritmo, le mie guance si stavano scaldando e potevo sentire una piccola macchia bagnata sotto la mia mano. Ho iniziato a contrarre l'addome mentre mi sollevavo lentamente in aria per seguire il ritmo che creavo con le dita. Potevo sentire la pressione iniziare a salire, mi stavo avvicinando molto al venire. Questo è il momento in cui il mio migliore amico entra in gioco. La mia mano sinistra aveva stretto saldamente le lenzuola fino a questo punto, ma ora stava raggiungendo il mio vibratore e lo accendeva alla sua massima potenza. Con un movimento rapido ho tirato fuori il mio dito medio dalla mia figa mentre continuavo a lasciare il pollice sul mio clitoride e ho immerso il giocattolo in profondità nella mia vagina. La sensazione mi fece tremare gli occhi per un attimo. Il mio collo si tese e la mia bocca si aprì leggermente. Ho usato l'indice e l'anulare per guidare il mio amico ronzante dentro e fuori di me a un ritmo rapido. Potevo sentire la punta stessa del giocattolo sfiorarmi la cervice. L'ho sentito arrivare, ho inspirato profondamente mentre sentivo la pressione nell'inguine esplodere mandandomi onde fino alla testa e giù fino alle dita dei piedi. Mi irrigidii mentre lasciavo che queste onde attraversassero il mio corpo, questo orgasmo è durato più a lungo del solito. Mentre si stava calmando, rabbrividii ed espirai rumorosamente. Il mio corpo era floscio, le mie ossa sembravano gelatina e gocce di sudore mi rotolavano lentamente lungo la fronte.

Rimasi lì per qualche istante prima di riuscire a riprendermi e ad alzarmi dal letto. Guardando in basso avevo combinato un po' di confusione. C'era un punto visibilmente bagnato proprio dove si trovava il mio sedere e c'era una leggera umidità nell'area in cui si trovava il resto del mio corpo. Una doccia veloce e un po' di televisione a tarda notte hanno riempito il resto della mia notte.

La mattina dopo, faremmo la nostra prima tappa a San Juan in Porto Rico. La mia missione era quella di non rimanere nella mia cabina quel giorno. Volevo esplorare e vedere cose nuove e questa era la mia opportunità. Quando sono uscito sul ponte il sole mi ha accecato, dopo un momento i miei occhi si sono adattati e ho potuto vedere uno stuolo di persone che scendevano dalla barca e scendevano la rampa verso il molo. Indossavo una maglietta attillata a righe, pantaloncini color cachi che si fermavano a metà coscia e delle infradito di pelle. C'era un cartello alla fine della rampa che indicava in dettaglio quando la crociera sarebbe proseguita verso il punto successivo, questa era la prima tappa, quindi ci hanno dato circa 6 ore per uscire e tornare.

Non avevo nessun posto in particolare in cui volevo andare, quindi mi sono limitato a girovagare, principalmente seguendo un folto gruppo di persone che erano anche loro in crociera. Alcuni si staccarono ed entrarono in una piccola panetteria. L'odore del pane fresco mi riempì le narici e mi catturò. La pasticceria era decorata con tenui colori pastello e disegni di cupcakes e ciambelle. Il bancone era rivestito di vetro con più pasticcini e diversi tipi di pane disposti. Ho aspettato in fila per qualche minuto e quando mi sono alzato per ordinare la mia mente si è svuotata. C'erano così tante opzioni che non sapevo cosa scegliere. Dopo un minuto passato a fissare i prodotti da forno, ho chiesto "Cosa mi consigli?"

Ha risposto con un forte accento ispanico "Dhis one berry good.". Aveva appoggiato una ciambella all'acero e cannella su un pezzo di carta oleata e aveva chiesto: “Qui o dove andare?”. Ho detto che sarebbe stato fantastico e darmi un tovagliolo dopo che mi sarei frugato nelle tasche alla ricerca della valuta corretta da dargli. Ci siamo ringraziati a vicenda prima che passasse al cliente successivo e io mi sedetti. All'inizio non me ne sono accorto ma ero l'unico che è rimasto a mangiare nella panetteria, quindi per il momento eravamo solo io e l'operaio in bottega. Gli ho chiesto se era il proprietario del negozio e lui ha risposto "Jes" in tono gioioso. Gli ho fatto un altro paio di domande, principalmente sulla sua vita lì e alcuni complimenti per le sue abilità di panificatore. Mi sorrise e agitò la mano mentre diceva "È facile, vuoi vedere?". Mi alzai e lo seguii nella metà posteriore della panetteria, in cucina. Potevo vedere sacchi di farina e altri ingredienti accasciati sul muro accanto ai suoi forni. Mi ha dato una rapida dimostrazione di come ha ricoperto le ciambelle di glassa e di come ha iniettato la gelatina nelle ciambelle ripiene di gelatina. Poi bruscamente ha detto "Ju are berry beautifoo".

Il commento mi ha fatto arrossire quasi all'istante. Non sapevo davvero come rispondere, quindi l'ho solo timidamente ringraziato e ho sorriso. Fece qualche passo verso di me e lo vidi che lottava per trovare le parole. Attraverso un mix di parole spagnole e inglesi combinate con alcuni umms e pause mi è venuta l'idea che volesse vedere o toccare i miei seni. Normalmente sarei un po' scoraggiato da una richiesta sfacciata, ma non sembrava voler mancare di rispetto. E visto che sono in vacanza il mio pensiero era "fanculo", non era difficile da guardare e faceva dei deliziosi prodotti da forno, una ragazza potrebbe fare di peggio. Non stava facendo alcun progresso fisico, quindi ho deciso di aiutare il ragazzo e abbassare lentamente un lato della mia maglietta. Potevo vedere i suoi occhi spalancarsi e la sua attenzione attirata dalla mia mano. Ho infilato il tessuto sotto il seno e ho sentito l'aria calda sfiorare dolcemente la mia pelle nuda. Mi guardò negli occhi per un secondo prima di accarezzarmi dolcemente il seno con la mano destra. Mi ha massaggiato il seno per qualche secondo prima di abbassare la testa e posare le sue labbra sul mio capezzolo. La sua lingua dapprima sfiorò leggermente il mio capezzolo indurito e poi più rudemente ad ogni leccata. Le sue labbra si sono poi chiuse intorno alla mia areola, ha iniziato a succhiare il mio capezzolo in bocca e la sua lingua ha ballato intorno ad esso.

Si stava davvero appassionando e stava iniziando a spingermi di nuovo sul bancone di legno. Premette il suo corpo contro il mio e potevo sentire la sua erezione spingermi attraverso il suo grembiule. La sua mano sinistra si avvicinò all'altro mio seno e lo raccolse dalla mia maglietta. La sua bocca era ancora occupata dall'altra mia tetta, ma la mano sinistra mi ha massaggiato il seno e mi ha tirato il capezzolo. Le sue mani erano ruvide e un po' asciutte per la farina, ma si sentiva benissimo. Mi sembrava che fosse pieno di passione carnale mentre giocava con le mie tette. Mi piaceva la sensazione di essere desiderata e, cosa più importante, di essere stata rapita. Volevo vedere il suo cazzo però, era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo un cazzo duro che mi picchiava dentro. Ho allungato la mano intorno al suo grembiule per tastare la sua cintura. Indossava pantaloni della tuta, quindi ho potuto semplicemente infilare la mano dentro e tastare. Non mi ci è voluto molto per trovare quello che stavo cercando, il suo cazzo carnoso. Era così caldo e tremava. Lasciai che la mia mano scendesse completamente oltre la sua asta fino ai suoi testicoli. Le sue palle erano ricoperte di peli ma riuscivo ancora a distinguere la forma circolare dei suoi testicoli e la pelle elastica in cui risiedono. Dopo averle palpate un po' tornai al suo cazzo. Con una presa salda alla base del suo pene ho piegato il mio avambraccio per abbassare un po' i suoi pantaloni e tirare fuori il suo cazzo. Era ancora dietro il suo grembiule ma lo vedevo piantare una tenda nel grembiule e cominciai ad accarezzarlo. Potevo sentire il suo respiro cambiare mentre accarezzavo più velocemente. Poi ha tolto la bocca dal mio seno e ha urlato "Conyo" mentre sentivo il suo cazzo espandersi e contrarsi mentre respirava pesantemente. Ho guardato in basso e ho visto un punto fisso sul suo grembiule e gocce di sperma sul pavimento. Lo accarezzai per alcuni secondi mentre sentivo il suo pene restringersi nella mia mano. Gli ho tirato indietro il grembiule così ho potuto vedere il casino che gli ho fatto fare ed è stato meraviglioso. Era difficile da capire perché era sperma bianco su un grembiule bianco, ma potevo globi di sperma che correvano lungo il grembiule.

Abbiamo sentito la porta d'ingresso aprirsi e si è infilato di nuovo il cazzo nei pantaloni prima di uscire per salutare il cliente. Ho preso il mio tempo per sistemarmi e dare un'occhiata alla piccola pozzanghera di sperma sul pavimento. Prima che potesse finire con il cliente, sono uscito dalla panetteria e sono uscito in strada. Mi restavano ancora altre 5 ore su quest'isola e non avevo intenzione di sprecarle.

Storie simili

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

1.1K I più visti

Likes 0

Spostare mobili

Prima di iniziare voglio iniziare descrivendo me stesso. Sono un ragazzo di 17 anni in buona forma. Ho lunghi capelli biondi che lascio crescere fino a coprirmi quasi gli occhi. Sono alto circa 6 '3 e ho un cazzo molto grande. E per questo non sono vergine. In effetti penso di aver scopato ogni ragazza del mio liceo. Suonai il campanello e poi spostai nervosamente i piedi. Dopo un momento o due la porta si aprì. In piedi c'era la ragazza più sexy che avessi mai visto. Non c'è altro modo per descriverla. Aveva circa venticinque anni ed era alta con...

1.1K I più visti

Likes 0

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

1.2K I più visti

Likes 0

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

1.1K I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

997 I più visti

Likes 0

Lo spettacolo via webcam di Tasha

La trasmissione sexy della webcam della diciottenne Tasha viene interrotta dall'animale domestico di famiglia. Sono Tasha, ma tutti mi chiamano Ta-Ta. A causa dei miei seni al cioccolato 38 C. Ho 18 anni e sono piccola, alta 5'6 pollici, 115 libbre di cioccolato fondente. Faccio un taglio di capelli corto alla Halle Berry. Con un fondoschiena di mela che farebbe dire a J-Lo Dannazione Vivo ancora con i miei genitori e il mio stupido fratellino quindicenne Calvin Jr (soprannominato C.J) Inoltre, abbiamo un pitbull di 3 anni di nome Bullet. Di chi mi fissa costantemente con quei penetranti occhi azzurri, mentre...

1.1K I più visti

Likes 0

Fare da babysitter con Tara pt.2

Quindi, eccomi qui, in piedi nella stanza della mia migliore amica, il mio cazzo semiduro ancora nella sua mano, un po' del mio sperma ancora sulle sue labbra e sulla sua lingua. Mi sentivo come se la mia stessa forza vitale si fosse trasformata in sperma e fosse stata risucchiata fuori dal mio cazzo tutto in una volta. Eppure, volevo di più. Mi aveva appena fatto il pompino più incredibile della mia vita e ora volevo ricambiare il favore. Si distese sul letto, scivolando fuori dalle sue mutandine che erano già impregnate di anticipazione, dandomi la prima visione completa di lei...

1K I più visti

Likes 0

Aiuto voluto parte 7

Mi chiedevo se avessi imparato la lezione mentre tornavamo a casa. Non solo, ho iniziato a calcolare quanto è costata la mia stupida avventura con Caitlyn. Tra il suo vestito, le scarpe e la roba, i miei vestiti nuovi, la cena e la mancia, il biglietto del taxi per cui le ho dato i soldi, e la benzina; doveva essere vicino a nove fatture. Inoltre la frikkin' pneumatico doveva essere riparato. Ho guardato Caitlyn. Stava dormendo. C'è stato qualcosa di positivo che è emerso da tutta questa disavventura? La sua figa è stata rasata. Ma stasera non vedrei niente di tutto...

987 I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

940 I più visti

Likes 0

Il mistero del ritiro parte 2_(0)

Il mistero del pickup parte 2 Cindy era stata un'accompagnatrice occasionale che era diventata un'avventura notturna per John, ma dopo che se ne era andata c'era un vero vuoto nella sua vita. Poi l'aveva vista di nuovo alla parata e aveva scoperto che era la figlia diciassettenne del capo della polizia e la sensazione di vuoto era stata sostituita dalla paura. Poi di punto in bianco si era presentata a casa sua e gli aveva detto che sarebbe tornata tra un paio di mesi quando avrebbe compiuto 18 anni. John non riusciva a togliersela dalla testa e in realtà è passato...

1.3K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.