Catturato Parcheggio I

667Report
Catturato Parcheggio I

Ho limitato la sezione dei commenti ai soli membri a causa di spammer e altri idioti. Non esitate a mandarmi i vostri commenti in PM. Fortunato Mann

Catturato Parcheggio I

Mi chiamo Jim e sono un poliziotto notturno di 30 anni in un grande complesso di magazzini. Parte dei miei compiti include il pattugliamento di un grande lotto dove molti dei camionisti che vengono ai magazzini lasciano i loro rimorchi vuoti.

Il parcheggio per roulotte è di proprietà privata della società di magazzini. Essendo al di fuori della recinzione di sicurezza del magazzino, vi si accede dalla strada provinciale che lo costeggia. C'è un cancello che di solito è ben chiuso. I segni sono affissi in quello stato. "Divieto di accesso" e "Divieto di parcheggio non autorizzato". I cartelli sono affissi in bella vista in diversi punti del lotto.

Mi stavo godendo la calda notte primaverile mentre facevo il mio giro. In quella particolare notte, sembrava che il cancello del parcheggio per roulotte fosse stato forzato.

Dopo aver messo in sicurezza il cancello aperto, ho iniziato un pattugliamento sistematico del parcheggio delle roulotte. Era da poco passata la mezzanotte quando, vicino a un angolo buio in fondo al parcheggio, vidi un'auto che non riconobbi. Non apparteneva a nessuno dei magazzinieri o dei camionisti autorizzati a stare nel lotto.

Mi sono avvicinato silenziosamente alla macchina da dietro. Mentre mi avvicinavo al retro dell'auto sospetta, annotai marca, modello, colore e numero di targa. Poi ho notato, con l'aiuto della luce fioca di una luce lontana da giardino, che il finestrino del guidatore era abbassato. L'auto era occupata da quello che sembrava essere un uomo seduto al posto di guida. Aveva la testa appoggiata al poggiatesta e sembrava che stesse lentamente muovendo il busto.

Non si è accorto di me, anche se mi sono avvicinato alla sua porta con la finestra aperta. A quel punto potevo vedere che i suoi occhi erano chiusi e sentire i suoi gemiti provenire dall'interno della macchina.

Guardando all'interno dell'auto, ho visto cosa aveva focalizzato la sua attenzione. L'autista non era solo. Stava accarezzando i lunghi capelli castani di una giovane donna. Era impegnata a dondolare la testa su e giù sul suo grembo. Gli stava facendo un pompino. Anche se lei stava prendendo solo pochi centimetri del suo cazzo in bocca, sembrava che si stesse godendo le sue azioni.

Non riuscivo proprio a disturbare il loro piacere.

In breve tempo, aveva raccolto nel pugno una ciocca dei suoi capelli e aveva cominciato a spingere rapidamente i fianchi verso il suo viso. Sembrava che stesse ingoiando il suo carico di sperma. Quando si è seduta, ho potuto vedere che una buona parte del suo sperma gli era effettivamente gocciolato lungo il cazzo fino alle palle.

Si alzò a sedere e gli sorrise. Mentre la stringeva al petto, lei mi notò in piedi vicino alla portiera della macchina. Rimase senza fiato e si bloccò sul posto.

chiese il ragazzo. "Cosa c'è, tesoro?"

Fissandomi, rispose. "La guardia." Lei non si mosse.

Scattò intorno con uno sguardo scioccato sul viso. "Oh merda! Quanto tempo sei stato lì?" Chiese.

“Abbastanza a lungo per vederti fare un pompino. Sai che questa è proprietà privata? Sai qualcosa su come è stato danneggiato il cancello?"

Lui, ovviamente, ha negato qualsiasi conoscenza di come il cancello sia stato danneggiato.

Gli ho detto che da allora non ho potuto provare che l'ha fatto
danni al cancello, non potevo addebitarglielo. Tuttavia, stavano sconfinando e avrei dovuto chiamare la polizia per farli citare per quel reato.

Entrambi mi hanno pregato di non chiamare la polizia.

“Considererò di non chiamarli. Vediamo un documento d'identità. Devo ancora scrivere un rapporto su questo incidente”.

Entrambi mi hanno consegnato la patente di guida. Fu allora che notai una fede nuziale sulla sua mano ma non sulla sua. Prendendo appunti dalle loro licenze, ho visto che il signor Robert Clayton aveva 28 anni e viveva dall'altra parte della città. La signora Alexandra Boyd aveva appena compiuto 18 anni e aveva un indirizzo a soli due isolati dal complesso del magazzino.

ho chiesto loro. "Perché sei venuto qui? Perché non vai in una delle tue case?

disse il signor Clayton. "Non possiamo!"

"E perchè no?" chiesi piuttosto sarcastico.

"Non sono affari tuoi." sbottò Clayton.

"Bene! Se non vuoi rispondere alle mie domande, forse risponderai alle domande del poliziotto.» Presi il cellulare per chiamare la polizia locale.

"No per favore! Sono sposato e mia moglie mi ucciderebbe se lo scoprisse. Alex è la nostra baby sitter e avrei dovuto solo accompagnarla a casa. Per favore, non chiamare la polizia".

«E qual è la sua storia, signorina Boyd?» Ho chiesto.

Quasi in lacrime, rispose. “Vivo ancora a casa con i miei genitori. Mio padre mi manderà in castigo per sempre se lo scopre. Devo restare a casa, così potrò andare al college il prossimo autunno. È un predicatore fondamentalista dal cuore duro. Mi taglierebbe i soldi per il college e probabilmente mi caccerebbe di casa, se lo scopre. Per favore, per favore non chiamare la polizia. Farò qualsiasi cosa, solo non denunciarci. Ha implorato.

Fermandomi a pensarci per qualche secondo, mi è venuto in mente un pensiero malvagio. Con un sorriso sempre più ampio, le feci una domanda mirata. "Nulla?"

La signora Boyd ha risposto immediatamente. "Sì, qualsiasi cosa se non chiami la polizia."

Ho restituito le loro patenti di guida e l'ho detto al signor Clayton. “Stai fermo. Signorina Boyd, si accomodi dietro l'auto, per favore. Dobbiamo parlare."

Mentre scendeva dall'auto, il signor Clayton si prese la testa tra le mani.

Ho incontrato la signorina Boyd sul retro della macchina e mi sono appoggiato al bagagliaio. È venuta intorno e si è fermata a circa mezzo metro davanti a me. Anche nel parcheggio buio, potevo vedere che era una ragazza adorabile. Era alta circa 5'5 "e pesava qualcosa come 110 libbre. Morbidi riccioli scuri circondavano il suo viso carino e rotondo.

Allungai la mano per stringerle entrambe le tette. Si irrigidì e fece un passo indietro.

Le ho detto. “Puoi salire in macchina e andartene quando vuoi. Tuttavia, prima che tu possa tornare a casa, informerò tuo padre e sua moglie di questo piccolo incidente.

"Per favore, non chiamarli." Abbassò la testa e fece un passo avanti.

Questa volta, quando ho raggiunto per le sue tette, si fermò. Aveva un paio di tette di dimensioni decenti. Ho immaginato che fossero coppe C. Rimase in silenzio mentre li accarezzavo attraverso il reggiseno e la camicetta. Alla fine le ho detto. "Non chiamerò la polizia se fai per me quello che hai fatto per il tuo ragazzo."

"Che cosa? Non posso... non posso...».

“Voglio un pompino. Non fingere di non dare la testa. Ti ho appena visto succhiarlo. Ora, datti da fare, signorina. Le mie parole suonavano come ordini. Intendevo che suonassero aspri.

Lei chinò la testa e lentamente cadde in ginocchio. Si è inginocchiata sull'erba, mi ha aperto la cerniera dei pantaloni e mi ha tirato fuori il cazzo. Ho avuto solo mezza erezione. Tenendolo davanti al viso, lo fissò per diversi secondi. Sembrava pensare. Poi ha aperto le labbra e lentamente ha preso il mio cazzo in bocca.

Il mio cazzo era completamente eretto in pochi secondi. Le ho preso la testa e l'ho tirata delicatamente in avanti finché non si è imbavagliata. Poteva prendere solo circa la metà del mio cazzo senza soffocare.

"Dai amore. Succhiami!» chiesi.

Alex ha iniziato a dondolare su e giù sul mio cazzo, ma non ha succhiato e ha usato pochissimo la lingua. Tutto sommato, Alex ha fatto un pompino terribilmente sciatto.

"Andiamo ragazza. Succhialo! chiesi.

Strinse leggermente le labbra e succhiò leggermente. Ancora non un bel pompino, ma era meglio di niente.

Dopo diversi minuti in cui Alex ha fatto oscillare la testa sul mio cazzo, ho sparato il mio carico nella sua bocca rilassata. Ha lasciato che la maggior parte del mio sperma gocciolasse dalla sua bocca e cadesse a terra.

Quando alzò lo sguardo, io la stavo guardando dall'alto in basso. I nostri occhi si sono incontrati e ho chiesto. "Quanti pompini hai fatto?"

Lei disse. «Due, Robert, e ora tu.»

“Devi insegnarti come succhiare correttamente un cazzo! Non è vero?

Abbassò la testa e rispose piano. "Credo di sì."

Le ho dato un altro ordine. "Ottimo! Sii qui domani all'1:00 per una lezione.

"Che cosa? non posso. Non lo farò. protestò Alex.

"Bene! Quindi, mi assicurerò di inviare copie del mio rapporto a tuo padre e a sua moglie.

"NO! Per favore, non farlo. Ha implorato.

"BENE?" Ho chiesto.

"OK! Sarò qui." Si era rassegnata a fare come le avevo ordinato.

Non lo sapeva ancora, ma Alex era appena diventato mio. Mentre l'aiutavo a mettersi in piedi e la conducevo alla portiera del passeggero dell'auto, le dissi. "Non fare tardi, o i rapporti escono."

Mentre Alex si sedeva, parlai di nuovo con il signor Clayton. "Ora, vattene da qui e non tornare mai più." Con un ampio sorriso, aggiunsi sarcasticamente. «Guida con prudenza, adesso. Hai sentito?

La notte successiva, stavo finendo un giro di pattuglia quando l'ho notata. Erano passati solo pochi minuti dall'una di notte e Alex era seduto sui gradini davanti al mio ufficio. È rimasta sorpresa quando mi sono avvicinato in silenzio a lei e ho detto. “Alex, sono contento che tu ce l'abbia fatta. Vieni nell'ufficio di sicurezza.

Senza una parola, si alzò e mi seguì dentro. Quando siamo entrati nell'ufficio ben illuminato, ho potuto vedere che Alex era davvero un ragazzo adorabile. Aveva lunghi capelli castani che le incorniciavano il viso tondo. I suoi occhi nocciola erano incantevoli. Aveva indossato una camicetta blu scuro e una gonna al ginocchio abbinata. Gambe ben modellate portavano alle sue scarpe da tennis bianche.

Quando mi sono seduto alla mia scrivania per scrivere i miei appunti di pattuglia, Alex si è messa in ginocchio e ha iniziato ad aprirmi i pantaloni.

L'ho fermata e ho detto. "Aspetta, non ancora e non qui."

Sembrava un po' confusa. "Non vuoi un pompino?"

“Sì, ma non quella cosa sciatta che dai. Fammi finire il mio rapporto di pattuglia. Allora inizieremo.

Alex chinò la testa. "Si signore."

Dopo aver terminato le annotazioni sul diario, le presi la mano e condussi Alex nella cucina dell'ufficio. Quando si è seduta su una sedia, ho aperto il frigorifero dietro di lei e le ho offerto un bicchiere di succo d'arancia.

Bevve un sorso del succo e poi lo guardò con aria interrogativa.

"Sarà la vodka." Ho detto. “C'è un po' di vodka dentro per aiutarti a rilassarti. Puoi anche goderti le tue lezioni di pompino tanto quanto me.

Mentre Alex sedeva in silenzio e lentamente beveva il suo cacciavite. Io, in piedi dietro di lei, mi allungai sopra le sue spalle e le strinsi e massaggiai delicatamente entrambe le tette.

Bevve un grosso sorso del suo drink e mi guardò. Era quello l'inizio di un sorriso che ho visto? In breve tempo, i suoi capezzoli induriti erano evidenti attraverso il reggiseno e la camicetta. Finì il suo drink e appoggiò la testa sul mio petto. In effetti, stava sorridendo.

Parlava dolcemente. "È bello."

Le preparai un altro drink e tornai a massaggiarle le tette. Non avevo fretta. Quando ha iniziato a sorseggiare il suo drink, le ho sbottonato la camicetta. Tirando su il reggiseno ha esposto un bel paio di tette sode. Erano sormontati da capezzoli duri delle dimensioni di grossi piselli.

Quando finì il suo secondo drink, cominciai a pizzicarle i capezzoli e ad arrotolarli tra il pollice e l'indice. Alex gemeva a ogni pizzicotto. Premette la testa contro il mio petto, alzò lo sguardo e fece un ampio sorriso.

Mi chinai su di lei e le baciai le morbide labbra. Potevo sentire il sapore del succo d'arancia sulle sue labbra mentre ricambiava il mio bacio.

Poi mi sono spostato davanti ad Alex e mi sono seduto sul bordo del tavolo. Strofinando il mio cazzo attraverso i miei pantaloni le disse che era tempo per un pompino.

Si è chinata in avanti, mi ha aperto la zip dei pantaloni, ha allungato la mano e ha tirato fuori il mio cazzo mezzo duro. Alex ha subito messo il mio cazzo in bocca e ha iniziato a muovere la sua bocca sciatta su e giù.

Mettendo le mie mani su entrambi i lati della sua testa, l'ho tirata via delicatamente dal mio cazzo e le ho detto. “Alex, facciamolo bene. Inizia leccando tutto il mio cazzo come un cono gelato, solo dal basso verso l'alto. Quando arrivi in ​​cima, bacia e lecca la testa. Allora succhiami la testa nella tua bocca. Succhia lentamente quanto più cazzo puoi nella tua bocca. Usa la tua lingua per tamponare il mio cazzo mentre è nella tua bocca. Continua a tamponare mentre fai schifo. Muovi lentamente la testa su e giù prendendo più cazzo che puoi in bocca.

Alex era un ottimo studente. Quasi istantaneamente, fece come le era stato detto.

La sua tecnica orale migliorata presto mi ha fatto scoppiare le palle. L'ho avvertita. “Alex, sto per venire. Tieni circa metà del mio cazzo in bocca, sigillalo con le labbra e succhialo con decisione. Ingoia tutto il mio sperma che puoi.

Come la ragazza obbediente che era, Alex ha obbedito a ogni mia istruzione.

Mentre pompavo il mio carico di sperma nella sua bocca, Alex deglutì rapidamente. Ne ha ingerito la maggior parte e ha lasciato uscire solo una piccola bava dall'angolo della bocca.

Quando ho finito di venire, ha baciato la testa del mio cazzo e si è seduta. L'ho abbracciata e gliel'ho detto. “Così era molto meglio. Adesso devo fare un'altra pattuglia, ma tornerò presto per un altro pompino. Ti rilassi per un po'. Bevi un altro drink. Ho fatto sedere il suo terzo drink davanti a lei mentre lasciavo la stanza.

Sono tornato dalla pattuglia circa quarantacinque minuti dopo. Alex aveva finito il suo drink. Sorrideva, aveva gli occhi chiusi, la testa reclinata all'indietro e si accarezzava lentamente e dolcemente le tette ancora scoperte.

Aprì gli occhi e sorrise quando entrai. Mi avvicinai dietro di lei e sostituii le sue mani sulle sue tette con le mie. Con una stretta decisa alle sue tette, ho chiesto. "Sei pronto a farlo di nuovo?"

La vodka doveva aver avuto l'effetto desiderato. Lei ridacchiò e disse allegramente. "Sì! Vieni qui."

"Bene! Vediamo se ricordi cosa hai fatto l'ultima volta
tempo." Le ho detto.

Si è ricordata! Mi ha fatto un bel pompino ed è riuscita a ingoiare tutto il mio carico di sperma. Ha baciato la testa del mio cazzo mentre se lo lasciava scivolare fuori dalla bocca. Lei ridacchiò di nuovo e disse. “È piuttosto divertente. Un po' salato, ma divertente.

"Se ti piace, amerai ciò che verrà dopo."

"C'è più?" chiese con gli occhi spalancati.

"Molto di più." Ho detto. «Ho intenzione di servirmi di te per qualche giorno. Poi distruggerò il rapporto sulle tue buffonate nel parcheggio. Ora, salta sul tavolo.

Sempre sorridendo, saltò sul tavolo e chiese. "OK. Posso avere un altro drink, per favore? Le ho offerto una bibita fresca e lei ha bevuto un lungo sorso. Spinsi delicatamente al centro del suo petto e lei si sdraiò rapidamente sul tavolo.

Immediatamente sono andato di nuovo dietro alle sue tette. Baciare, succhiare, mordicchiare e pizzicare quei teneri cumuli di carne presto la fece gemere rumorosamente. La sua testa girava da una parte all'altra. I suoi occhi erano chiusi. Un ampio sorriso era sul suo volto.

Non credo che se ne sia nemmeno accorta quando le ho sollevato la parte anteriore della gonna e le ho messo in mostra le mutandine bianche di seta. Ho succhiato un capezzolo molto forte e ho pizzicato l'altro mentre le tiravo su la gonna e gliela mettevo sulla pancia. Le sue mutandine di cotone bianco erano tutto ciò che proteggeva la sua giovane figa. C'era una grande macchia bagnata sopra la sua figa. Presi la mia mano libera e la posai delicatamente sul suo tumulo pubico. Ho arricciato le dita e le ho coperto completamente la figa.

Alex ha aperto gli occhi, si è seduta sui gomiti e ha detto. “Per favore, non farlo. Sono vergine. Nessuno mi ha mai toccato lì. Non mi tocco nemmeno laggiù, tranne quando faccio il bagno.

Accarezzandole delicatamente la figa, dissi a bassa voce. "Va bene. Non ho intenzione di fotterti. Sarai ancora vergine quando te ne andrai da qui. Mi hai fatto due pompini abbastanza decenti. Voglio solo ricambiare il favore. Ti meriti una ricompensa per aver imparato così in fretta.

Sembrò sorpresa e chiese. "Vuoi dire che un ragazzo può fare un pompino a una ragazza?"

“Più o meno, ma la maggior parte di noi lo chiama mangiare figa. Ora sdraiati, rilassati e lascia che ti mostri qualcosa.

Dopo un altro lungo sorso di cacciavite, si sdraiò sul tavolo. Qualche minuto in più di accarezzamento delle tette presto Alex era di nuovo gemendo e gemendo. Accarezzare delicatamente la sua figa coperta di mutandine ha aggiunto alla sua stimolazione. I suoi gemiti si fecero sempre più forti. Mentre continuavo a sottoporre il suo corpo a molte nuove sensazioni, le sue mutandine si inzupparono dei naturali succhi lubrificanti della sua figa.

Alex si è bloccata quando ho spostato il cavallo delle sue mutandine di lato e ho esposto le sue tenere labbra della figa. "Mi prometti che non mi entrerai?"

Nessun bambino. Non ho intenzione di fotterti. Sto per mangiarti. Ora stai zitto e rilassati”.

Finì il suo drink e si sdraiò di nuovo.

Tirai delicatamente le mutandine bianche da sotto quelle di Alex
culo, e li fece scivolare giù e giù dalle sue gambe tornite. Mi sono mosso per mettermi tra i suoi piedi e ho ammirato brevemente il suo corpo con il suo cespuglio pubico scuro. Anche se preferisco la figa calva, Alex stava bene con il suo cespuglio intatto.

Senza preavviso, le ho allargato le ginocchia e le ho coperto completamente la figa con la bocca. Le labbra della sua figa vergine rimasero ben chiuse. Alex rimane senza fiato, quando l'ho leccata dal fondo della fessura della sua figa fino vicino al suo clitoride. Le labbra della sua figa si aprirono leggermente. "OH!" esclamò Alex senza fiato.

Le diedi un'altra lunga leccata. Le sue labbra esterne si aprirono leggermente. Alex sobbalzò quando le sfiorai delicatamente la clitoride con la lingua. Dopo molte altre leccate simili, sollevò lentamente e allargò le ginocchia. Ha poi inclinato il bacino verso l'alto. Questo mi ha dato un accesso più facile alla sua figa gonfia.

Poi ho iniziato a leccare e succhiare la sua figa sul serio. Di tanto in tanto, immergendo la mia lingua nel suo buco dell'amore e succhiandole delicatamente la clitoride, Alex si contorceva sul tavolo. Mi ha afferrato la testa e mi ha tirato forte verso la sua figa che si stava svegliando. Ho succhiato il suo clitoride nella mia bocca e ci ho passato sopra ripetutamente la lingua.

Alex ha afferrato i miei capelli con due mani e mi ha stretto ancora di più alla sua figa vergine mentre spingeva il bacino verso il mio viso. Gridò senza fiato. "SÌ! Proprio qui!" Iniziò ripetutamente a spingere i fianchi verso l'alto per incontrare la mia bocca.

Ho risucchiato con decisione il suo clitoride nella mia bocca e rapidamente ci ho passato sopra la lingua.

Le spinte di Alex divennero quasi violente. Gridò di nuovo. “Oh Dio, sì! Succhiami! Mangiami! Ooooooh!”

Quando Alex ha iniziato a calmarsi dal suo orgasmo, ho rilasciato la sua clitoride. Ho guidato rapidamente e ripetutamente la mia lingua nel suo buco vergine.

"Ummmmmmm, Dio che si sente così bene." Lei tubava.

Quando il suo respiro è tornato quasi normale, le ho baciato con fermezza la figa un'ultima volta. Poi mi sono allontanato da esso. Le ho baciato tutto il viso e le labbra.

Alex mi ha gettato le braccia al collo e ha ricambiato con fermezza i miei baci. "Oh! Non ho mai provato niente del genere prima d'ora.

"Vuoi dire che non hai mai avuto un orgasmo prima di stasera?" Ho chiesto.

"NO! Papà mi ha sorpreso a giocare con me stesso diversi anni fa. Mi ha detto che quello che stavo facendo era sporco, e solo una puttana giocava con se stessa. Ha persino costretto la mamma a darmi la pillola anticoncezionale. Ha detto che non voleva i bastardi di nessuna puttana in casa sua. Da allora, non mi sono più toccato laggiù, nemmeno quando ho provato quelle strane sensazioni lì”. Alex era quasi in lacrime mentre mi raccontava come la trattava suo padre.

"Questa è una stronzata!" Le ho detto. “Questi sentimenti sono naturali per una giovane donna. Li avrai, che piaccia o no a tuo padre.»

Le accarezzai delicatamente la figa un'ultima volta, le baciai le labbra e l'aiutai a sedersi ea vestirsi. allora ho chiesto. "Ti è piaciuta la tua lezione di pompino?"

Alex ha risposto con entusiasmo. “Oh sì, ma ho amato ancora di più quello che mi hai fatto. Possiamo farlo di nuovo?

Sono fuori per i prossimi due giorni. Quindi, forse la prossima settimana prima o poi.

Un'espressione di delusione offuscò il viso di Alex.

"Se vuoi, puoi venire a casa mia domani sera."

Alex si illuminò immediatamente e accettò di rivedermi. “Oh sì, mi piacerebbe. Specialmente se mi prometti di rifarmelo.

"Affare! Tu mi succhi il cazzo e io ti mangerò la figa. A che ora vuoi che ti venga a prendere?"

Lei disse. “Non puoi venire a casa mia. Ci vediamo al Wally World verso le 18:00. Ti seguirò a casa tua da lì.

Le ho dato una bella pacca sul sedere, l'ho baciata sulla guancia e l'ho mandata via. Uscì dalla porta e camminò per due isolati fino a casa.

Non vedevo l'ora di rivedere Alex.








.

Storie simili

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

500 I più visti

Likes 0

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

328 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

903 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Madeliene è solo deserti

Correndo verso la sua macchina con un vestito nero attillato e tacchi alti con cinturino alla caviglia, Madeliene non si accorse dell'uomo in piedi nell'ombra finché non si schiarì la voce. Voltandosi per affrontarlo, vide un uomo alto e muscoloso in pantaloni neri, maglietta e berretto da baseball. Prima che possa reagire, c'è uno scoppio del dispositivo nella sua mano e il suo mondo esplode mentre i dardi del taser la colpiscono nelle costole, erogando 10,00 volt. Crolla sul pavimento del garage, contorcendosi ma incapace di muovere un muscolo da sola. L'uomo la gira rapidamente e le ammanetta le mani dietro...

1.3K I più visti

Likes 0

Una notte sorprendente

I miei amici e io ci siamo sempre divertiti a sperimentare nuovi modi di intrattenerci a vicenda, ma fino a poco tempo fa eravamo a corto di vapore. Io e Dave abbiamo lavorato nella stessa azienda negli ultimi quattro anni, mentre le nostre rispettive amiche, Susan e Jenny, possiedono una piccola boutique di moda. Di solito dopo aver visitato un wine bar o un club, tornavamo a casa mia per un bicchierino o due. Dopo il viaggio di sabato scorso in un wine bar spagnolo locale, eravamo tutti abbastanza allegri e abbiamo deciso di comprare dell'altro vino e tornare a casa...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.