Dominion: Capitolo 5 - Una fondazione di ossa

639Report
Dominion: Capitolo 5 - Una fondazione di ossa

Una fondazione di ossa

Tutti gli uomini di Lee attualmente ad Augusta erano nell'atrio della villa, spaventati a morte. Perfino i poliziotti sul suo libro paga erano stati coinvolti. Tutte le guardie della tenuta avevano già infranto la loro volontà, o per le ferite che Dominion aveva loro inflitto, o per gli orribili incubi in cui le aveva intrappolate. **********ione. Dominion aveva strappato le loro anime e le aveva gettate in un inferno di sua creazione. Rompere le ossa, strappare la carne, perforare gli organi, bruciare i tessuti, sentivano tutto, nonostante i loro corpi non mostrassero alcun danno. Quelli con ferite fisiche non erano esenti dall'assemblea. Dovevano semplicemente essere bendati dal medico della mafia.

In piedi alla base delle scale e di fronte a loro c'era Lee. Non guardò negli occhi nessuno, si limitò a fissare il pavimento stordito. Sembrava un cadavere appeso a dei fili. Come loro, la sua volontà era stata spezzata, incenerita dalla sete di sangue di Dominion. Ora capiva di cosa aveva parlato Eric, degli uomini nel bar e del perché si erano suicidati. Non c'era morte peggiore dell'essere uccisi da lui. Morire significava sfuggire al dolore di vivere, ma essere ucciso da lui significava essere divorato e passare l'eternità imprigionato. L'unico motivo per cui non si era già ucciso era a causa delle sue figlie, ora tenute in ostaggio. Se si fosse suicidato per sfuggire al Dominio, allora Cho e Hijiri avrebbero incontrato il destino di cui aveva tanta paura, ma la sua obbedienza non significava che i loro orrori sarebbero finiti. Dominion aveva chiarito che avrebbe continuato a violentarli e torturarli, e non c'era niente che Lee potesse fare per fermarlo.

Per ora solo chi ignorava la situazione osava parlare, chiedendo inutilmente cosa stesse succedendo, ma senza ricevere risposte. Quindi, tutto tacque, mentre il puro male e l'intento omicida inondavano la villa come gas velenoso. Era un miasma, rilevato non dai sensi fisici, ma dall'anima. Ha prosciugato gli uomini della loro forza, del loro coraggio, della loro capacità persino di pensare. Seduto sul pavimento nell'angolo, Eric si afferrò il cranio, affondando le unghie nel cuoio capelluto mentre soffriva di un crollo mentale indotto dal terrore. Tutti potevano sentirli, passi che echeggiavano nei corridoi superiori. Apparve in cima alla scala. Dietro di lui c'era una fila di grandi finestre, con la luce del sole al tramonto che gli illuminava la schiena, lasciandolo in sagoma con la sua ombra proiettata giù per le scale.

Dominio, gli uomini lo fissarono terrorizzati. Anche se in qualche modo erano ciechi alla sua sete di sangue, il male nei suoi occhi era innegabile, era palpabile. Lo sapevano tutti, non era una persona normale. Non era nemmeno umano.

“Signori, benvenuti. Ho chiesto a Misato di riunirvi tutti qui in modo da potervi aggiornare sui cambiamenti che sono stati fatti. Mi chiamo Dominion e da ora ho il controllo di questa operazione e delle vostre vite. Sono sulla buona strada per implementare un nuovo ordine mondiale, ma prima devo costruire le fondamenta. Puoi posare i mattoni o essere i mattoni. La resistenza non sarà tollerata, non ci può essere azione al di fuori dell'obbedienza totale. I tuoi amici, la tua famiglia, la tua comunità, li consegnerai al mio minimo capriccio.

Per coloro che mi sfidano, attendono solo agonia e morte, per te e la tua famiglia. Ma per i collaboratori le soddisfazioni saranno tante”.

Fece schioccare le dita, e dei rantoli riempirono l'ingresso quando Cho e Hijiri apparvero, nudi e striscianti a quattro zampe. Cho rimase in silenzio, il viso ancora macchiato di sperma secco, ma Hijiri continuò a piangere, con il sangue sulle cosce visibile a tutti. Al suo comando, si alzarono in piedi.

"Coloro che prestano servizio condurranno una vita confortevole, la sicurezza delle loro famiglie assicurata". Ha quindi inserito il dito medio nella figa di Cho senza nemmeno guardarla. Rabbrividì di disgusto, non solo per la sensazione fisica, ma anche per la disinvoltura con cui l'aveva fatto. Era come se stesse premendo lo starter su un tosaerba. “Avrai anche la tua scelta di schiavi da sfruttare e abusare come preferisci. Ho già rivendicato questi due come mia proprietà personale. Obbedisci alla mia volontà e potrei resistere a soggiogare allo stesso modo le tue mogli e le tue figlie.

Tutti gli uomini tremarono alle sue parole, al modo in cui trattava le due ragazze. Conoscevano tutti le figlie di Lee. È vero, la maggior parte di loro odiava Cho, ma nemmeno lei meritava questo destino, e sapevano che Hijiri era una ragazza timida ma dolce. E non era un bluff, potevano solo immaginare gli atti mostruosi che avrebbe compiuto sui loro cari se si fossero ribellati. La scelta era stata fatta per loro.

"E per assicurarmi di avere la tua condiscendenza..."

Schioccò di nuovo le dita e un'eruzione di oscurità scaturì dal suo corpo come un pozzo d'olio. Dall'oscurità presero forma spiriti grotteschi. Scheletri maciullati con muscoli marci e carne in muta, riempivano l'aria, volando come calabroni e urlando di rabbia e fame. Gli uomini urlavano di paura come bambini, molti addirittura estraevano le pistole e aprivano il fuoco, anche se i loro proiettili non avevano effetto. Gli spettri piombarono giù, ognuno affrontando un uomo diverso e scomparendo nella sua ombra.

«Quei fantasmi ti terranno d'occhio per me. Non c'è nessun posto sulla Terra dove tu possa scappare. Domani, tornerete tutti qui alle 7:00 per i vostri nuovi compiti. Ora siete tutti licenziati". Indicò lo chef nel retro. "Tranne te."

Gli uomini non potevano uscire di lì abbastanza velocemente. Sciamarono attraverso la porta d'ingresso, spingendosi a vicenda e urlando di paura. Eric è stato il primo a scappare. Ben presto la villa fu vuota, a parte Dominion, Misato, le sue figlie e lo chef. Dominion scese i gradini verso Misato, ma aveva troppa paura per guardarsi intorno.

«Anche tu sei licenziato.»

Ci è voluto tutto il suo coraggio, ma ha elaborato le parole "ma io..."

Un duro colpo al lato della testa lo fece cadere a terra.

"Papà!" gridarono le ragazze.

Dominion li fissò, la sua aura maliziosa li privava della capacità di respirare. “Non ricordo di aver detto che ti era permesso parlare. Vi punirò entrambi più tardi. Abbassò lo sguardo su Misato, sollevandosi lentamente dal pavimento. "Questa non è più casa tua." Misato si voltò a guardare le sue figlie che piangevano, e con il viso bagnato di lacrime, si alzò in piedi e uscì dalla porta principale. Dominion si rivolse allo chef. "Cena di bistecca, adesso", abbaiò.

=============

Scese la notte e, mentre Dominion si era goduto un sontuoso banchetto, ai gemelli era stato negato anche un pezzetto di cibo come parte della loro punizione. Tuttavia, la loro fame era l'ultima delle loro preoccupazioni. Erano appesi per i polsi nel seminterrato, incatenati con le catene che pendevano dai tubi del soffitto. Erano fianco a fianco ma rivolti in direzioni opposte, incapaci di guardarsi. I loro corpi nudi e non lavati tremavano per l'impotenza. Non potevano nemmeno chiedere pietà a causa dei bavagli fissati in bocca.

Dominion girò intorno a loro, i suoi occhi mostravano un misto di fastidio ed eccitazione. “Sembra che voi due non abbiate ancora imparato a stare al vostro posto. Hai parlato, cosa per la quale non ho mai concesso il permesso. Le tue voci non sono diritti che ti sono stati dati da Dio o dai tuoi genitori, sono il risultato della mia misericordia e che preferirei solo leggermente ascoltare le tue urla piuttosto che ritagliarti le corde vocali e mangiarle per uno spuntino. Pensi ancora che i tuoi corpi ti appartengano. Dovrò correggere questo malinteso.

Tese la mano e la chiuse a pugno. Come un animale catturato che cerca di scappare, ciocche di capelli neri cominciarono a sfuggirgli dalla presa. I fili, moltiplicandosi e crescendo ogni secondo, si intrecciavano in spire annodate. In pochi secondi, nella sua mano si era formata una frusta da fustigazione. Fece un altro giro intorno a loro, permettendo a entrambi di vederlo. Già gonfio per il pianto senza fine, il viso di Hijiri era inzuppato di lacrime indotte dalla paura, mentre Cho fissava la frusta con gli occhi spalancati e un urlo soffocato.

È stato così veloce, Dominion ha frustato Cho sullo stomaco senza alcun accenno o preavviso. Gridò in agonia, sia per la forza dell'impatto che per il danno alla sua pelle. Il pelo usato per fare la frusta, era affilato e abrasivo, come una sega a filo. Il suo ventre liscio aveva una striscia rossa come se fosse stata appena strofinata con della carta vetrata ruvida. Dominion poi si voltò e colpì Hijiri, colpendola sotto il braccio e facendola urlare come sua sorella.

Camminò dietro a Cho, la ragazza iperventilata dal terrore, che aspettava solo di sentire la frusta sulla schiena. Invece, girò intorno alla sua parte anteriore e le diede un taglio verso il basso sul seno sinistro. Un urlo, a un tono non ancora sentito oggi, scivolò oltre il bavaglio dai nervi della sua areola sentendosi come se stessero andando a fuoco.

Poi, è tornato a Hijiri, e un colpo particolarmente duro contro il suo sedere. Nel dolore, si contorceva e dondolava il corpo da una parte all'altra come un pesce che tira contro l'amo che ha in bocca, ma l'agonia di un'altra frustata soffocò il suo movimento. Girò intorno a lei, fissandola negli occhi pieni di terrore. Un terzo colpo, frustandole entrambi i seni piatti. Saliva, lacrime e moccio le sgorgavano dal viso mentre lui urlava. Cho ricevette una frustata sulla schiena, proprio come si aspettava, ma questo non lo rese meno doloroso.

Ciò è continuato senza alcuna misura del tempo nota. Ancora e ancora, li colpì, lasciando pochi punti intatti. Il sangue comparve rapidamente, germogliando sulla pelle graffiata come condensa su una finestra fredda. Per Cho, i suoi seni hanno avuto la peggio. Le loro dimensioni oltraggiose li hanno resi un bersaglio facile e il grasso ha appena assorbito l'abuso. La maggior parte delle fruste di Hijiri erano concentrate sulle sue labbra. La sua maggiore gonfia proteggeva il sancta sanctorum, ma le terminazioni nervose erano altrettanto sensibili e attiravano altrettante lacrime. Poiché erano uno di fronte all'altro, nessuno dei due gemelli ha mai visto dove l'altro è stato colpito. Potevano solo sentire l'urlo mentre la paura li costringeva a riflettere sull'area ea chiedersi se il Dominio li avrebbe colpiti nello stesso punto. La curiosità, l'anticipazione, che di per sé era agonia

Poi, quando finalmente le loro urla cessarono, si fermò. I due erano madidi di sudore per il calvario. La lucentezza salata impregnava le loro ferite e le faceva pungere di nuova furia, quel tanto che bastava a tenerle coscienti dopo tutto quello che avevano sopportato. I loro capelli e le loro facce erano appiccicosi a causa dei vari fluidi corporei, incluso lo sperma di quando li aveva violentati la prima volta. Ancora più disordinato era il pavimento, inzuppato di due pozzanghere di urina.

“Molto bene, credo che voi due abbiate imparato la lezione. Ma tanto per essere sicuri, ti lascerò qui a pensarci da un giorno all'altro.

E proprio così, salì i gradini del seminterrato, spense la luce e li abbandonò. Passarono la notte appesi al soffitto, ancora con i bavagli in bocca, ma quello era il piano di Dominion. Incapaci di parlare, incapaci persino di vedersi in faccia, non c'era modo per loro di comunicare, non c'era modo di confortarsi a vicenda. Potevano solo crogiolarsi nella propria miseria, pur dolorosamente consapevoli l'uno dell'altro, senza modo di fare nulla al riguardo.

=============

La luce del sole entrava dalla finestra del seminterrato, illuminando direttamente gli occhi di Cho. Tuttavia, a causa di quanto i suoi occhi fossero gonfi per il pianto, la presenza della luce non significava che potesse effettivamente vedere. Poi è caduta a terra, liberata dalle sue catene, insieme a Hijiri. Se ciò non bastasse a svegliarli, lo fu l'improvviso spruzzo di acqua fredda. Entrambi sono stati spruzzati con un tubo, lavando via la sporcizia che aveva incrostato i loro corpi. Si ripararono con le mani, alzando lo sguardo solo quando finalmente si fermò. Ma mentre si aspettavano il Dominio, quello che videro li fece urlare di terrore.

Era una creatura, simile a un essere umano ma senza pelle. Gli arti erano contorti e piegati, molte ossa della lunghezza sbagliata. I suoi muscoli scoperti erano neri, quasi in cancrena, e i suoi occhi erano vitrei come se fossero cataratte.

"È ora... di... rompere... velocemente..." gemette la creatura.

Poi è scomparso, tornando a Dominion. Le sorelle si strinsero l'una all'altra sul pavimento, tremando per il freddo e la paura. Avevano già visto gli animali domestici non morti di Dominion, ma questa era la prima volta da vicino. Non volevano alzarsi, non volevano affrontare un nuovo giorno di questo incubo. Volevano rimanere nascosti, invisibili e poi dimenticati, ma il Dominio non avrebbe permesso loro di sfuggire al dolore così facilmente. Se lo avessero fatto aspettare, li avrebbe sicuramente torturati di nuovo come la scorsa notte.

Hijiri voleva piangere, ma non riusciva a produrre altre lacrime.

"Ce la faremo." Cho voleva dirlo, dire qualsiasi cosa che potesse risollevare il morale di sua sorella, ma le ferite sui loro corpi erano il risultato delle loro parole a sproposito. Gli animali domestici di Dominion potrebbero guardarli, lui potrebbe sapere se lei parla, il che porterebbe a entrambi un'ulteriore punizione. Le loro voci non appartenevano più a loro. Allo stesso modo, i bavagli erano ancora nelle loro bocche, e mentre le loro mascelle pulsavano per essere state forzate ad aprirsi tutta la notte, Dominion non aveva dato il permesso di rimuoverli. Tutto ciò che Cho poteva fare era abbracciare sua sorella e tirarla in piedi.

Al piano di sopra, Dominion sedeva a capotavola, godendosi un sontuoso banchetto. Poteva percepire Cho e Hijiri salire i gradini del seminterrato. Bene, i wraith avevano fatto il loro lavoro. Sfortunatamente, sembrava tutto ciò che poteva fare. Aveva fatto esperimenti con i suoi animali domestici, vedendo i limiti delle loro capacità al di là del semplice raccogliere anime. Non importava se le loro personalità fossero state spogliate o meno, i demoni e gli spiriti umani erano naturalmente esistenze goffe e instabili.

A diversi aveva affidato il compito di imitare lo chef mentre preparava la colazione, ma erano come bambini piccoli. L'unico modo in cui potevano compiere azioni precise era controllare telepaticamente i loro movimenti, ma semplicemente non era fattibile. Aveva solo così tanta attenzione che poteva dirigere, e più sforzo metteva nel controllare i suoi burattini, meno poteva mettere nel controllare il proprio corpo. Nel prossimo futuro, non sarebbe saggio assegnare tutti i compiti complessi a lavoratori umani e lasciare ai suoi animali domestici solo il compito di cacciare. Avrebbe dovuto trovare un modo per migliorare le loro capacità autonome.

“Ah, buongiorno. Spero che tu abbia dormito bene la notte.

All'ingresso della sala da pranzo, Cho e Hijiri erano in piedi. I loro corpi nudi tremavano per il gelo dell'acqua sulla pelle e per la sensazione della sua presenza. Tenevano gli occhi bassi, con Hijiri parzialmente nascosto dietro la sorella. I loro corpi erano coperti di croste e lividi per tutte le frustate che avevano ricevuto. Non hanno risposto.

“Capisco, ora sai che la capacità di parlare è un lusso che ti ho concesso. Sono contento che la lezione sia stata assorbita e che tu abbia imparato il giusto ordine delle cose. Credo di aver detto buongiorno. Ti permetto di toglierti quei bavagli e dire "buongiorno, Maestro".

Si tolsero i bavagli di gomma chiusi in bocca, sussultando per il dolore. “Buongiorno, M-Maestro,” mormorarono entrambi.

“Non si dovrebbe borbottare quando ci si rivolge al proprio superiore. Ancora."

"Buongiorno, Maestro", dissero, questa volta più forte.

"Grazie. Ora, credo che siamo partiti con il piede sbagliato. I vostri corpi e le vostre anime appartengono a me, sono di mia proprietà da usare come ritengo opportuno. Ogni giorno sarai soggetto alla mia ira, alla mia lussuria, alla mia curiosità e ai miei capricci. Tuttavia, ciò non significa che le tue esistenze non saranno altro che dolore. L'obbedienza e la sottomissione saranno ricompensate con un trattamento più gentile, un dolore a un livello che ti piacerà. Ti suggerisco di sviluppare un senso di masochismo.

Hai imparato la lezione sul parlare a sproposito. Direi che merita una ricompensa.

Tese la mano e una nebbia luminosa si riversò dal suo palmo come se stesse tenendo in mano un pezzo di ghiaccio secco. Era pura energia spirituale, fornita dalle anime umane incontaminate della sua collezione. La nebbia scorreva verso Cho e Hijiri, che si rannicchiavano insieme nella paura dell'ignoto, ma quando li avvolse, le loro ferite guarirono e le loro bocche e spalle smisero di dolere.

“Come puoi vedere, comando non solo il potere della morte, ma anche il potere della vita. Ora, posso immaginare che siate entrambi affamati. Puoi mangiare.

Le ragazze guardarono il tavolo, vedendo solo il piatto di Dominion. I loro occhi erano attratti dal pavimento, dove su entrambi i lati di lui erano state sistemate due ciotole per cani con del cibo. Lo stomaco di entrambe le ragazze bruciava, prima per la fame e ora per l'umiliazione. Almeno era vero cibo per la colazione, non cibo freddo per cani da una lattina. Con riluttanza, si separarono, ciascuno inginocchiato a quattro zampe accanto a una ciotola ai piedi di Dominion. Sapevano come voleva che mangiasse, come gli animali. Tutto quello che potevano fare era ingoiare il loro orgoglio e abbassare la testa.

Dominion bevve un sorso di caffè. "Ah, sono qui."

Fuori, tutti gli scagnozzi di Lee, beh, tecnicamente ora erano gli scagnozzi di Dominion, stavano arrivando alla villa. Si era aspettato che molti cercassero di lasciare la città, o almeno che alcuni arrivassero in ritardo, ma sembrava che gli spettri con cui li aveva etichettati facessero un buon lavoro nell'instillare l'obbedienza. Con un movimento del polso, Dominion aprì le porte d'ingresso e fece entrare gli uomini. Entrarono nervosamente nella villa, pellegrini in una terra profana. I non morti nascosti nelle loro ombre li colpirono e li pungolarono, guidandoli verso la sala da pranzo.

Prima che arrivassero, Cho e Hijiri alzarono la testa dalle loro ciotole, istintivamente volendo sfuggire agli occhi degli uomini mentre erano nudi, ma Dominion diede un forte colpetto del piede. Lo sapevano senza che glielo dicessero, era il suo modo per dire loro di restare dov'erano e continuare a mangiare. Insieme al suono del cibo che veniva masticato, ci fu un singhiozzo lacrimoso, entrambe le ragazze piangevano per l'umiliazione. Gli uomini entrarono nella sala da pranzo, Lee e John per primi, così come gli altri scaglioni del sindacato. I gemelli potevano sentire gli occhi sui loro corpi nudi. Nonostante fossero costretti a lavorare per Dominion e il terrore degli spettri si aggrappasse a loro come un parassita, gli uomini non erano liberi dalla loro lussuria e, nonostante la situazione, i loro occhi leccavano le ragazze dalla testa ai piedi. Ancora peggiore era lo stato in cui venivano visti, mangiare dalle ciotole del cibo come una coppia di cani. Ancora una volta, Dominion stava mostrando come li aveva soggiogati.

Era doloroso sapere che il padre li stava osservando. Speravano disperatamente, pregavano che fosse arrivato con un modo per salvarli. Che avrebbe estratto la sua pistola e piantato un proiettile magico o una sacra reliquia tra gli occhi di Dominion e sarebbero stati liberi dalla sua ira. Volevano scusarsi, scusarsi per lo stato vergognoso in cui li stava vedendo. Com'era facile che i sentimenti di umiliazione si trasformassero in sensi di colpa. Si sentivano come se li stesse giudicando, delusi e disgustati da loro. Volevano dirgli che avevano cercato di resistere, che avevano cercato di reagire, che erano dispiaciuti. Non potevano nemmeno alzare la testa per guardarlo, ma anche se potessero, la loro vergogna non glielo permetterebbe.

Dominion poteva vedere Lee, vedere il conflitto dentro di lui. Sembrava che stesse per vomitare di rabbia, ma la sua paura era reale come lo era il giorno prima, la sua anima era ancora carbonizzata dalla sete di sangue e dall'intento omicida di Dominion. Era completamente impotente, lo sapeva. Era impossibile per lui fare qualsiasi cosa per salvare le sue figlie. Si odiava, anche più di quanto odiasse Dominion. Odiava quanto fosse debole, incapace di tenere al sicuro Cho e Hijiri.

Invece di proteggerli, era come se li avesse appena dati al Diavolo per salvarsi la pelle. Lo sapevano? Voleva disperatamente dire loro che gli dispiaceva, che voleva salvarli, quanto faceva male essere così impotente? Voleva che lo guardassero, in modo che forse potessero vedere l'angoscia nei suoi occhi, vedere che li amava ancora, vedere che voleva salvarli. Ma non era sicuro di poter sopportare i loro sguardi, gli sguardi delle sue figlie rese schiave dalla sua impotenza.

“Devo intendere che voi uomini prima di me formate la casta superiore di questa organizzazione? I manager, per così dire, sotto Misato?" Le sue parole scossero Misato dai suoi pensieri, mentre intorno a lui, i suoi amici annuivano impauriti. “Bene, allora ti assegnerò i tuoi nuovi compiti. Prendi tutti i lacchè di cui hai bisogno, puoi decidere i numeri tra di voi. Ora che sei arrivato, possiamo metterci al lavoro.»

Dominion picchiettò sul tavolo e dalla punta delle sue dita linee di luce rossa si allungarono sul legno come scie di olio in fiamme. Gli uomini guardarono scioccati mentre le linee bruciavano il tavolo, formando una mappa della città. Dominion indicò alcuni degli uomini.

“Voi cinque, vedete questi grandi edifici e magazzini lungo il fiume? Tutto ciò che questo sindacato non possiede già, devi acquisire, così come le proprietà circostanti. Catturali e cancellali. Usa qualunque mezzo necessario; corruzione, estorsione, omicidio, non mi interessa. Prendi tutti gli uomini di cui hai bisogno. Ne indicò altri tre. “Devi acquisire tutti i terreni agricoli entro un centinaio di miglia. Ancora una volta, usa tutti i mezzi necessari. Altri tre. “Voglio attrezzature per il movimento terra e l'edilizia, macchinari per il disboscamento, tecnologia agricola. Qualunque cosa tu possa trovare, prendimi. Spostò lo sguardo su un altro gruppo. «Voglio informazioni su ogni singola persona che vive nel raggio di cento miglia da questa villa. Registri fiscali, registri del censimento, registri delle votazioni, procurami nomi, età e indirizzi. Voglio sapere chi lavora in medicina, chi lavora in ingegneria, edilizia, agricoltura, qualsiasi militare ed ex militare, catalogateli tutti. Vai di porta in porta, se devi. Poi guardò Misato. “Tu, prepara una mappa di tutto il territorio che questo sindacato controlla, oltre a un elenco di proprietà e attività commerciali. Allora procurami un registro di tutti quelli che lavorano per te e di tutti i legami d'affari.

Gli spiriti che ho assegnato a tutti voi daranno assistenza se necessario. Tuttavia, ti terranno d'occhio, quindi se perdi il lavoro, ti puniranno al posto mio. Gestirò tutti i costi, basta portare a termine il lavoro. Ora, dividete la forza lavoro tra di voi e datevi da fare. Licenziato.

Gli uomini non potevano uscire da lì abbastanza in fretta, ma Misato lottò inutilmente contro la sua paura. Voleva parlare alle sue figlie, ma lo sguardo che Dominion gli stava inviando diceva che non sarebbe stato saggio mettersi contro di lui. Una volta che Misato se ne fu andata, Dominion si rivolse a Cho e Hijiri, ancora con le facce nelle loro ciotole, anche se avevano smesso di mangiare.

"Voi due siete confinati nelle vostre stanze fino a nuovo avviso." Poi li ha etichettati con due spettri, incaricati di assicurarsi che non entrassero in contatto con nessuno e che non potessero uccidersi.

=============

La paura guidava gli uomini di Misato, il respiro degli spettri sulla nuca affrettava ogni loro movimento. Sul fiume, i vecchi edifici del mulino erano stati riconvertiti in magazzini e spazi per uffici, il più grande dei quali era un'azienda di costruzione di yacht. Li fabbricavano e li facevano navigare lungo il fiume verso gli acquirenti e i commercianti sulla costa. Il lavoro era come al solito, anche d'inverno. Avevano ordini da eseguire in primavera. Ma sopra il suono del legno e della fibra di vetro che venivano tagliati e imbullonati insieme, ci fu l'inconfondibile rumore della porta d'ingresso che veniva spalancata in fretta.

Un uomo di nome Harrison, il secondo in comando di Misato, fece irruzione nella fabbrica con altri due membri di livello dirigenziale del sindacato e una dozzina di lavoratori di livello inferiore. Era un tipo burbero, di quelli che davano sempre l'impressione di essere arrabbiati, mentre il suo abito nero era sempre tenuto in perfette condizioni. Tutti i suoi uomini erano armati e portavano apertamente. Harrison sapeva esattamente dove andare e tutti quelli che lo vedevano si allontanavano dalla vista e correvano. Si diressero verso l'ufficio principale, superando la segretaria che istintivamente si tenne alla larga. Harrison aprì a forza l'ufficio dell'uomo e attaccò, l'unico ragazzo nell'edificio che non lo temeva, o, almeno, non lo temeva tanto quanto gli altri.

«Harvey, vattene da qui. Stiamo sequestrando questo edificio ", ha detto Harrison.

"Ehi, ti ho già pagato la protezione per questo mese!" abbaiò mentre si alzava in piedi.

“Non si tratta di soldi per la protezione. Abbiamo nuovi ordini. Questo edificio appartiene a noi e puoi uscire di qui o far gettare il tuo cadavere nel fiume.

“Col cavolo ti lascerò cacciare di qui! Ho sopportato le tue minacce e le tue estorsioni per anni, ma dovrai strappare i miei affari dalle mie mani fredde e morte!

Harrison puntò la pistola contro Harvey. “Dannazione, ascoltami! Le cose sono cambiate! Fidati di me, hai molto di più di cui aver paura che morire.

Harvey lo guardò, vedendo qualcosa che pensava che l'assassino incallito fosse incapace di provare: paura. Sembrava sinceramente terrorizzato, come se fosse stato cronometrato su quanto velocemente avrebbe potuto affrontare Harvey. Era un uomo che si guadagnava da vivere rompendo le rotule, eseguendo questioni in sospeso e bruciando tutto dietro di sé, ma era spaventato, e sicuramente non era Misato a causare questo improvviso cambiamento. Harvey rimase fermo, fissando il mirino della pistola puntata alla sua fronte. Aveva investito tutto ciò che aveva in questa attività, aveva lavorato tutta la vita per arrivare dov'era, e anche se fosse stato in qualche modo disposto a ignorare tutti i sacrifici che aveva fatto, abbandonare questo edificio sarebbe stato un suicidio. Fallimento, cause legali, una spirale oscura che si conclude con lui che muore nel fango. Almeno questo è stato rapido e indolore.

"Mi dispiace", mormorò Harrison, qualcosa che non diceva da quando era bambino. Quindi ha premuto il grilletto, schizzando il cervello di Harvey contro il muro di fondo. Poi guardò di nuovo i suoi subordinati. “Svuota questo edificio, uccidi chiunque si metta sulla tua strada. Poi passeremo al prossimo".

=============

Giù al municipio stava accadendo una scena simile. A Larry Mercer, originariamente uno dei riciclatori di denaro di Misato, era stato ora assegnato il compito di raccogliere documenti pubblici su tutti in città. Era abituato a lavorare dietro una scrivania in un ufficio climatizzato, al sicuro da eventuali nemici del sindacato, ma ora era sul campo e aveva due pistole puntate contro di lui. Lui e più di una mezza dozzina di uomini erano semplicemente entrati nel municipio, si erano diretti al dipartimento dei registri e ora stavano rubando tutto ciò su cui potevano mettere le mani.

Il sindaco non si sarebbe mai messo contro Misato, e le guardie di sicurezza avrebbero dovuto saperlo, ma sembrava che non potessero semplicemente ignorare quello che stava succedendo.

"Metti giù la scatola e alza le mani!" abbaiò la guardia donna. Intorno a loro, la gente stava fuggendo dall'edificio, non volendo essere coinvolta in ciò che stava per accadere.

"Non posso farlo!" gridò di rimando Larry, madido di sudore freddo.

“Voi idioti avete idea per chi lavoriamo? Questo non finirà bene per te ", ha detto un altro membro del sindacato.

"Il tuo capo non sta mettendo le mani queste!" disse l'altra guardia.

Allungò la mano per strappare la scatola di fascicoli dalle mani di Larry e, con la coda dell'occhio, Larry vide la sua ombra oscurarsi improvvisamente.

"No, non farlo!" gridò.

È successo prima che la guardia potesse persino elaborare le parole. Ci fu uno schizzo di sangue quando la sua mano mozzata cadde a terra. Era successo così in fretta che non aveva nemmeno visto cosa l'avesse tagliato, non l'aveva nemmeno sentito accadere. Si limitò a fissare incredulo il moncone insanguinato, poi inspirò e lanciò un urlo terrorizzato. Spaventata quanto la sua compagna, la guardia femminile premette accidentalmente il grilletto della sua pistola, sfiorando l'orecchio di Larry. Sembrava una provocazione sufficiente, perché in quel momento un braccio fatto di ossa nodose e carne in putrefazione colpì l'ombra di Larry. Allungandosi come gomma, colpì il petto della donna e le strappò il cuore.

Gli amici di Larry tornarono di corsa urlando alle loro macchine, mentre Larry, ora schizzato di sangue e sordo da un orecchio, svenne.

=============

Mentre tutto questo accadeva, Dominion era impegnato nel seminterrato della villa. In cima a un grande tavolo da lavoro giaceva uno dei suoi demoni. Il torso e gli arti erano stati tutti tagliati e ora Dominion stava lavorando sul suo cranio. Si contraeva e gorgogliava a ogni fetta del suo coltello d'argento, l'unica cosa che poteva effettivamente tagliargli la carne. Lo scopo di questo era studiare la fisiologia dei demoni e dei non morti, una volta che avesse dato loro una forma. Li aveva resi schiavi e padroneggiava l'uso dei loro poteri, ma era evidente che gli mancava ancora una comprensione della loro natura.

Con un po' di olio di gomito, è riuscito a staccargli la parte superiore del cranio, rivelando così il suo cervello. Lo strappò e lo esaminò alla luce, mentre il demone continuava a contorcersi e fare i gargarismi. Come non morto, era quasi impossibile da uccidere. Poteva solo indebolirsi, diventando una versione più debole della sua esistenza. Il suo corpo attuale era come il ghiaccio, la sua forma eterea era l'acqua e poteva essere danneggiato all'infinito fino alla forma di vapore, ma non poteva mai essere distrutto e si sarebbe sempre riformato.

Mentre esaminava il cervello, Dominion fece una smorfia di delusione. Non era tanto materia grigia piegata quanto... un groviglio di tubi pieni di liquido. Piuttosto che cambiamenti chimici e bioelettrici tra le sinapsi, i suoi pensieri sembravano esistere attraverso il flusso di questo fluido proveniente da diverse aree del cervello. Se un cervello umano era un supercomputer, allora un cervello di demone era come un calcolatore meccanico. In base alla progettazione, era primitivo e malformato, come tutte le altre parti del suo corpo. I suoi organi non mostravano alcun segno di funzionalità, sembravano solo tumori giganti che penzolavano nella cavità toracica. Il suo sistema circolatorio era un disastro e le sue fibre muscolari sembravano fatte di puro tessuto canceroso. Dominion era persino riuscito a mettere le mani su un microscopio ed esaminare un campione di tessuto, ma non c'erano cellule distinguibili. Il suo corpo era fatto di una specie di materia nera sconosciuta.

Per essere un predatore così squisito, aveva la costituzione di un crack baby di Chernobyl.

Eppure non era al di là della comprensione. Queste creature erano fondamentalmente pura sensibilità, le loro forme fisiche solo una manifestazione del loro potere, permettendo loro di interagire con il mondo materiale, più un'identità piuttosto che una vera risorsa anatomica. I loro corpi contorti e malformati erano i resti delle loro origini umane, diversi elementi fisici che venivano sbattuti insieme in un gran casino. Era come se fossero fatti esclusivamente dell'inutile DNA spazzatura negli umani, combinato con cose che naturalmente spaventavano le persone, e poi ulteriormente distorte dall'oscurità della morte.

Sfortunatamente, quella spiegazione non lo aiutò. Erano ottimi generatori di energia, ed erano un ottimo mezzo per raccogliere anime, ma aveva bisogno che fossero pedine più affidabili, soldati autonomi in grado di svolgere compiti complessi. Era possibile per lui cancellare le personalità degli spiriti, rendendoli così una tabula rasa da coltivare in un suddito leale, ma le loro capacità si abbassarono drasticamente. Forse se avesse usato demoni con personalità intatte? No, perché anche se li rendeva schiavi, non poteva cancellare il loro risentimento senza buttare via tutto il resto. Se avesse dato loro un centimetro, avrebbero impiegato un miglio. Aveva bisogno di un modo per stabilizzarli, per dare loro intelletto e creatività, ma con totale obbedienza. Right now, it was like he was running the Iditarod with rabid dogs and dogs that couldn’t even remember how to walk.

He then looked up, hearing Misato come down the stairs. Upon entering, he stopped, staring in horror at the vivisected monstrosity on the table.

“I have the information you requested.” He spoke without his eyes leaving the beast. Were it not for the demon, he probably would have spoken with a begrudging tone rather than a fearful one.

Dominion snatched a map out of his hands and raised it up to the light to examine it. It showed the lower half of the state, with the shaded areas being Misato’s territory. Something up north caught his eye, a little sovereign island in the syndicate sea.

“What’s this open spot up here, a city-state? I haven’t seen it on any other maps.”

“It is a neo-nazi colony. As you can imagine, they refuse to take orders from a Jap,” he muttered. Just talking to the man who raped his daughters in anything other than swears and curses made him sick.

Hearing his words, Dominion cracked a grin. "Veramente? Nazis? This is going to be a fun afternoon.”

=============

“Reich”, it was a town even smaller than Senner. Actually, it wasn’t a town, so much as a compound. It was originally the site of a military base built during the Cold War and later abandoned. After the apocalypse, a band of skinheads moved in and turned it into an Aryan sect. All of the underground bunkers and concrete buildings were repurposed and used to train the future soldiers of their WASP utopia. Stomping out these cretins was on the to-do list of the US government, but they had stolen lots of heavy artillery, machineguns, and antiaircraft weaponry during the chaotic decades, making them the best-armed city-state in New England.

To Dominion, the sight of the nazi flags was an eyesore, along with the Confederate flags below them, especially considering that Maine was a northern state. But still, he was in a good mood. Taunting idiots was one of his favorite hobbies. He approached the front gate of the compound, sided by two watchtowers with armed guards. The original wire fencing from the old military base had been weathered by time and eventually ripped away for a new encircling barrier. It was replaced with high fencing that was topped with barbed wire and reinforced with everything from wood sheeting to junked cars, making it impossible to see through and large enough for patrols to walk atop. It was plastered with swastikas, threats, and German phrases.

"Fermare! Hold it right there!” one of the guards shouted with an assault rifle aimed at him. He was dressed in paramilitary garb, a design mixing WWII German uniforms and modern American uniforms, with a bold swastika armband.

Ok, time to fire up those acting skills.

“I’m here to join up with you!” said Dominion with his hands raised.

"Come ti chiami?" the other guard asked.

Dominion picked one from one of the souls he had collected. “Brian Donnelly.”

The first one climbed down from his tower and approached, gauging Dominion’s skin tone to see if he qualified. “And why would you want to join us?”

“I shot the nigger that banged my sister and the best my kike lawyer could do was get me out on bail. I’ll do time for killing a monkey in a zoo, but not for killing one in the street.” He considered making up something about Hispanics as well, but that would probably be overplaying it.

The guard lowered his rifle to shake Dominion’s hand. “I’m proud to meet a fellow hero of the white race.” He looked up to the guard in the other watchtower. “Open the gate, I’ll show him to the mayor.”

The gate was opened and the guard led him inside. Dominion knew that this was a military base, but he was rather surprised by the number of houses he saw. These people were making the most of the room they had, so any open space not used for farming was used to build homes. For all intents and purposes, it didn’t appear that different from a standard city-state. They did everything they could to reach self-sufficiency, even using wind turbines and solar panels for power. He had to give them credit for the rooftop vegetable gardens, very space conscious. The remains of the old military base were clear as day, huge concrete bunkers and buildings, entrances to subterranean chambers. Built to withstand an atomic blast, it had withstood the effects of time quite well.

The citizens were as he would expect, white as a snowbank. The darkest ethnicity he saw was Italian, and from the looks of it, north Italian only. These days, especially in areas like this, it was common for people to openly carry, but here, everyone had an assault rifle slung over their shoulder, even women with infants. There was a clear distinction between those who were born and raised in Reich and those who joined later in life. The natives were prim and proper, dressed nicely with combed hair, like a commercial in 1950’s suburbia. The new recruits had more of a fringe punk look, with lots of tattoos and piercings, along with shaved heads, even the women. To Dominion, it was a bad joke.

The guard leading him was going on and on about Reich’s history and its future, preaching about the supremacy of white protestants and then demonizing everyone else. Luckily, he was so caught up in his own fervor that Dominion didn’t need to respond to anything.

He, at last, arrived at a large house in the center of the base, right next to the Town Hall. The guard led him up to the porch and knocked on the front door. A pretty blonde woman, late thirties, answered the door, immediately stirring Dominion’s collector instincts. Lovely face, nice rack, great figure, and he could see two young kids reading inside. A nazi milf would make a fine addition to his slave harem.

“Mary, we have a new member of our town. Joe will definitely want to meet him,” said the guard.

“I’ll go get him. Sir, please take a seat, my husband will be right out.” She beckoned to a porch swing by the door and Dominion sat down, glad to be rid of the guard now returning to the station.

Moments later, a man stepped out, and it took everything Dominion had not to laugh. He was dressed in a black SS officer’s uniform, from hat to boots, every prop and detail added. He even had the matching trench coat hanging off his shoulders and the saber at his hip. The outfit was surely a reproduction, but it looked no different from the real deal. He was a good-looking man, fit, but annoyingly clean-cut, suggesting intense narcissism. He was a rich frat boy kind of sociopath, contrary to Dominion, who was an ambitious, predatory sociopath.

“Welcome to Reich!” Joe said as he shook Dominion’s hand. He had a German accent, probably learned before English.

“Glad to be here.”

“Another strong ally in our fight for the survival of the white race. Tell me, what do you think of our town?”

“It’s great. I can really see the supremacy of everyone here.”

“You’re right about that. Not one drop of inferior blood. Come on, let me give you a tour.” Dominion followed Joe around town, and everyone they passed gave the mayor a nazi salute. Unfortunately, Dominion had traded in the yammering guard for a yammering officer. Between pointing out areas of the town and introducing fellow nazis, he was spouting his ideals without bothering to see if Dominion was listening. “Beautiful, isn’t it? Decades of blood, sweat, and tears to produce this paradise, free of the violence and corruption you’ll see in those nigger-loving government cities. We’re small now, but Reich will be the seed from which the tree of Yggdrasil will grow anew, and our superior white race will take its rightful place as the rulers of this world.”

After circling the town, they returned to the center, in front of Joe’s house.

“You came just in time, the feds have been putting the squeeze on us, and we need all the manpower we can get. But we’re going to fight back. This country is just waiting to be taken and turned into a new Fatherland. We’re going to make America great again! I’ve been planning it for years, how we can take control and resume the Führer’s Final Solution. I’ve spent my life studying our glorious history, memorizing every detail of the Holocaust so that we can succeed where our predecessors failed.

A muscular man like you will be able to do great things here, and we need virile soldiers to ensure that our next generation is born to continue our work. Why don’t you head down to the barracks? They’ll get you a nice bed and a hot meal while we find a more permanent place to put you.”

“I’m going to have to refuse your offer. On a related subject, I must confess to you…” Having been lost in his own speech, Joe turned back to Dominion, who had been fairly quiet since he arrived. “I’m giving very serious thought to eating your wife.”

“Wha—”

Joe was silenced, Dominion giving him a solid jab straight to the Adam’s Apple. Robbed of his breath, he fell to his knees, clutching his throat and looking like a dying fish.

“That seemed like the only way to shut you up. Honestly, do you usually blather on like that? I don’t know how your wife stands it. Though, once I have her bent over with her legs spread, I’m sure your incessant bragging will be the last thing on her mind.”

While nearly crippled by agony, rage flashed through Joe’s eyes. With one hand still trying to ease the pain in his throat, he drew his sidearm, an authentic Luger pistol, and emptied the entire clip at Dominion. The bullets bounced off him without doing any damage, but the entire town heard the shots. Everyone rushed towards the scene, and seeing Dominion standing over their wounded mayor, they opened fire, though their attempts were equally fruitless. As the bullets ricocheted off his chest and head, Dominion leaned down towards Joe.

“You people are total morons. All you do is blame all your problems on some other group of people, always looking for some new boogeyman to hang your insecurities on. Race, ethnicity, religion, you think it actually matters? It doesn’t, when death arrives. In the face of death, all are equal, and everything you quibble about is stripped away. I believe in equality, for I know that the people on Earth, no matter their creed, all are equally inferior to me.”

He then held out his hands and a ripple of power expanded from him like a shockwave. It washed over everyone without leaving the smallest mark, then, their stomachs lurched, as everyone outside began to rise into the air. Men, women, children, they floated like bubbles, screaming in terror. Joe and those who had been inside buildings watched in horror as their friends and local townspeople were raised into the sky as if by the Rapture. It was immediately apparent, everyone floating was about to die. They had passed the height survivability, so even if there was a way to stop this phenomenon, they would simply fall to their deaths.

“Now, let me show you all that pure blood you were bragging about.”

With a flick of his wrist, all the screams were ended, for in a single moment, everyone exploded like a field of paint balloons, hurling vaporized viscera in all directions. The town was cast in a crimson aura, as the mist of gore floating over Reich acted like tinted glass for the sun’s rays. Those who had survived stared at that bloody sky in horror, their minds unable to form a single coherent thought. This had come out of nowhere, no sign or warning, just a biblical disaster happening in the blink of an eye. There was no way to process it.

“The nazis were a bunch of narrow-minded fools, ignorant to the true order of things.” He then crouched down and straightened Joe’s tie. “But I’d be lying if I said they didn’t know how to make a damn good-looking suit. Now, here’s a question. Should I kill you here and rape your wife atop your corpse, or force you to watch as I make her my property and kill you after? Hmmm, I suppose I can just make your kids watch.” Claws extended from Dominion’s fingers and he pulled back his hand, but before he could deliver a killing blow, something stopped him, an idea. “Now that I think about it, killing you really would be a waste of a good suit.”

A malicious grin crossed his face and he turned his hand over, his palm to a sky. A sphere of blackness, that’s all it could be described as, floating above his hand. It was the souls of everyone he had so far killed in Reich, already tainted into the wraiths and with their personalities bleached. Now, they were just generators of unholy power. He also mixed in around a dozen demons for extra strength. Dominion took the sphere and slammed it into Joe’s face, injecting all those evil souls into his body.

Joe writhed and screamed, his face melting as pure malice was forced into him like a dose of steroids. At the same time, Dominion seized Joe’s soul, but rather than remove it, he altered it. He erased all memories and feelings, leaving only coordination, processing abilities, improvisation and creativity, language, and any useful knowledge. Everything else was stamped over, branding his soul with the order of ‘total obedience to Dominion’.

Biology, that’s what was missing, that’s what he needed to improve the autonomy of his pets. True, when he granted them corporeal form, their hunting and combat abilities were unsurpassable, but their bodies were too malformed and grotesque for anything else, and their defective brains made them unfit soldiers and disloyal. It was simply their existence. But if he gave them an actual physical body, flesh and blood, that biological component would act as a skeleton for all actions. A physical brain of real neurons would be able to support a much higher level of thoughts than the grotesque imitation they had, and it would be easier to shape and control to fit his needs. A physical body, but infused with any number of pure souls, wraiths, and demons, shaped like clay to do his bidding and fulfill any task. The potential was limitless.

At last, the process was complete and Dominion pulled his hand away, staring at his creation, kneeling like a puppet with its strings cut. Joe no longer existed. “From this day forth, your name is… Blight. What is your reason for existing?”

“To serve and obey Lord Dominion.” The voice was heard, but it was different from the body’s original voice. It was wispy and inhuman, sounding not like an actual voice, but artificial notes mimicking words.

“On your feet.” Blight stood up, assuming a military posture. Dominion took one look at his new face and smiled, then ripped the swastika armband off his sleeve and the insignia on his hat. “You won’t be needing those anymore. Your orders are to hunt down everyone remaining in this settlement. Execute them and steal their souls. There are to be no survivors, no one escapes. Am I understood?”

“I will fulfill your command, my Master.”

Finally, real loyalty and competence. Blight then turned around and rocketed off in search of survivors. Already, he was running faster than any human could possibly match, and his body was enshrouded with darkness, a sign of his unholy powers ready for use.

Dominion turned around and faced Joe’s former home, where his former wife and children were huddling in terror.

=============

Dragged into her bedroom, Mary, screaming, was thrown onto the mattress, with Dominion immediately upon her. He tore off her clothes like a child unwrapping a Christmas present, using claws at the tips of his fingers. She tried fighting him off, but even if he were a normal person, she’d have failed. Her movements were clumsy and erratic, her thought process was a total mess. Not seconds ago, Dominion had broken into her home and executed her son and daughter in front of her. Her face, Swedish white but with a farmer’s tan, was peppered with their splattered blood. Watching them die, watching the light leave their eyes, something inside her broke. Adrenaline, grief, terror, it left her barely able to think. Her flaccid attempts to push Dominion away might as well have been muscle spasms, for her mind was too busy trying to process the death of her children.

With one hand around her throat, he kept her pinned, and with the other hand, he removed her shredded dress, exposing her curvaceous figure and bodacious tits. She would have made a killing had she had gone into porn. He retracted his claws and went to work groping and abusing her breasts. He grabbed them with a strangling grip, swelling the veins underneath her vanilla skin, and smacked them to discipline her. He loved the way they bounced and rolled, begging him for abuse.

He thrust his fingers into her slit, making her cry out from the violation, but with his other hand locked tightly around her throat, she couldn’t reach a volume to truly describe her anguish. He violently fingered her, forcing her body to prepare itself for the main event. It was like a game to see how much pain he could inflict with just his fingers; how rough he could be. His digits penetrated her over again, becoming slick with her building lubrication. Repeatedly, he removed his fingers and smacked her labia, drawing a fresh scream and making her curl up to try and defend herself. He’d just force her legs apart and start over. Each strike wetter than the last, with her scream never-ending.

He leaned down and licked the tears of her face, tears of pain, fear, humiliation, and loss. “I bet your husband never took you like this.” In reply, she spat at him and shrieked at the top of her lungs, far too anguished to actually shape words. The spittle never reached him, but he responded with a harsh smack across the face. “You’re going to hate this, you’re going to curse me and wish for my death, along with your own. But in time, I will train you to love it. I will train you to beg for pain, for abuse. You’ll dream of violation, to be drenched in your master’s cum. Your body will ache for it, crave it like a drug. Then I’ll have a whole new way to torment you.”

He then whipped out his cock and forced it inside her. She screamed and gnashed against him as she was penetrated, but Dominion simply ignored her and began his thrusts. The king-sized bed rocked and creaked as he brutalized her, hitting all the key spots with cruel strength. She screwed her eyes shut and replaced her cries of agony with a furious growl.

To be raped by her children’s killer, it was too much to bear. She tried to ignore the sensations she was feeling, quarantine this physical abomination from her mind. Wearing a poker face, blocking it all out, that was the only way she could try to survive. Dominion refused to give her that, easing and tightening his grip on her throat sporadically. He’d strangle her so tightly that she felt like her windpipe would cave in, then, before she could pass out, he’d let go and air would rush through her windpipe, forcing her awake and trapping her within the hell of lucidity. While she caught her breath, he’d go to work on her breasts, either with his hands or his tongue. He’d bite down on her supple flesh, not hard enough to draw blood, as per his routine, but enough to heighten the taste of her skin and make her scream. Then, once she was fully awake, he’d resume strangling her.

She didn’t know how long he raped her, minutes felt like hours. His thrusts were too fast to use as a measure of time, and each impact to her cervix would scramble her thoughts. Eventually, he rolled her onto her side and made her lift her leg for a better angle. Rather than strangling her, he just kept her wrists pinned, but even if he didn’t, she was too browbeaten to resist.

“Just as I thought, your pussy can take the abuse. I have two younger slaves back home, and they just cry as I rape them. They have no pain tolerance. Those kids definitely made things easier.”

“Fuck you!” she finally screamed, wailing with her tears soaking the sheets.

“Oh, that’s not very dignified. Give me a nice “sieg heil”. I bet you say that crap every day.” She silently refused, searching for a bastion within her mind where she could hide from the horror. “Ah, so you can still resist me to that level. Well, I know one place that will break your will.”

He then rolled her all the way over onto her stomach, and before she could react, drove deep into her anus in a single shove. Her resulting scream could have shattered glass, the pain and humiliation demolishing every mental barrier she had formed. She reached back and spread her ass cheeks, trying to lessen the pain. Dominion went to work, sodomizing her at his maximum speed and depth. She screamed endlessly, feeling as though his cock were instead a dagger slicing through her flesh. He was throwing her full weight against her, raping her ass with such brutality that she was even starting to bleed.

He had his fingers wrapped around her goldenrod hair, either pulling her head back so that she could scream at full volume, or pushing her face into the mattress to soak it with her tears. After several minutes, he grabbed her hips and pulled her off the bed. He dropped her onto the floor, her face to the floor but her ass in the air. His throat quivered and he spat into her gaping asshole, then resumed raping her. This time, his weight was dropping straight downwards, every impact like a pole driver.

“You like that, don’t you? You love being taken like a filthy whore,” he said as she sobbed in agony. “Say “rape my ass harder, mein führer”. I want to hear you say it.” She didn’t respond, and without pausing the sodomy, he put his foot on her head, grinding her face harder against the floor. “Say it.” Again, she refused, or perhaps she simply didn’t hear him. Her anguish was so intense that it was hard for her to pay attention to what he said. Annoyed, Dominion held out his hand and the tip of his index finger began to glow red, his flesh resembling the cigarette lighter from an old car. He reached down and jammed his finger into the underside of her right breast, like he was putting out a cigar. “Say it!” he barked as she shrieked in agony.

“R-rape my ass-s harder, m-mein führer!”

“I’m sure your Aryan ancestors would applaud your loyalty.”

He resumed fucking her, but not for much longer. One minute and a hundred rapid thrusts later, Dominion stopped and shuddered, with Mary whimpering as she felt him pump her anus full of semen. He pulled out of her, and even with her ass raised in the air, a white river poured out of her and splattered on the floor. She was barely conscious, her strength drained by physical and emotional horror. She then heard something that awoke her, loud footsteps coming up the stairs. She’d recognize that sound anywhere, the thumping of her husband’s boots! He had arrived to save her!

“You’re late, Blight. You took longer than I expected,” Dominion said as the figure approached the bedroom.

“Please forgive me, my Master. I killed all of the survivors in three minutes and eight seconds. I simply didn’t want to interrupt your entertainment. If that was a mistake, I humbly apologize for my foolishness and await punishment.”

Dominion’s creation stood in the doorway, and seeing what her husband had become, Mary screamed in terror. Joe’s, or rather, Blight’s face was completely gone. Not just the skin, but the muscles, tendons, and most of the bone structure. It was like his face had been pressed to a belt grinder until the entire front portion of his skull was erased. The inside of his brain, eye sockets, sinuses, and mouth was fully exposed, his tongue just a stump. His cheeks were gone, along with his chin, revealing only his back teeth and the hinges of his jaw. Just looking at him, one would think he was about to start hemorrhaging blood, saliva, and brain fluid, but despite looking like a fresh cut, there was absolutely no mess. His white collar was completely unblemished, his severed veins not shedding a single drop of gore. He had no eyes, just the sockets, but he appeared to see some other way. The only issue was that his hat was a bit lopsided.

“Ah, then well done. And the souls?”

Blight got down on one knee, his head bowed and one of his hands raised. A sphere of white energy appeared above his palm, the pure souls of all of the survivors of Reich. “For you, oh Lord.”

Dominion took the sphere and absorbed it into his body. “You’ve met and surpassed my expectations. Bene. Grab my slave, we’re returning home. We need to prepare for the next stage.”

Please comment! Tell me your thoughts!

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

1.4K I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

1.3K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.8K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.1K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

821 I più visti

Likes 0

Orrori combinati - cap. 02 - La caccia

Orrori combinati. Se questo è il tuo primo capitolo da leggere, sarebbe meglio leggere prima il capitolo 1, per digerire questa storia, grazie per la tua preoccupazione.. http://www.sexstories.com/story/83926/ Capitolo 2: la caccia. Nella stessa notte (Mado) non era ancora sicuro di cosa intendesse la creatura dicendo ... AVRAI POTERI SULLE FEMMINE, NESSUNA FEMMINA SAREBBE MAI IN GRADO DI RESISTERE AL TUO FASCINO... Cosa diavolo significa? Aveva bisogno di provare prima di mettersi in viaggio con (Noga). Non riusciva a pensare a una vittima migliore della giovane cameriera che avevano in casa, e per giovane significa che era più giovane di (Noga)...

998 I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

831 I più visti

Likes 0

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

731 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

196 I più visti

Likes 0

Mio marito non lo sa_(0)

Ciao a tutti, beh, questa è la mia prima storia che scrivo sulle mie esperienze sessuali e spero che vi piaccia. Mi chiamo Kristy, ho 29 anni, vivo sulla costa settentrionale del NSW, molto piccola solo circa 5 piedi 2, ho un seno estremamente grande per la mia taglia, una bella figa e un culo piccoli da abbinare, questa storia parla di un incontro sessuale che ho avuto con un ragazzo con cui sono diventato amico mentre lavoravo per una grande azienda di vendita al dettaglio. Era il nostro fattorino ed era molto più anziano, sulla cinquantina ma sembrava molto più...

642 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.