La mia grande famiglia felice! (Parte quarta)

801Report
La mia grande famiglia felice! (Parte quarta)

"Perché dobbiamo andare a casa loro?" Mi sono lamentato con mia madre mentre salivamo in macchina per andare a casa di mio cugino Jack e Mia.

"Perché tuo zio è via tutto il giorno oggi e hanno bisogno di qualcuno che si prenda cura di loro mentre la loro mamma è via a fare delle cose. Sarà solo per un po'." Ha detto mentre avviava la macchina, e stavamo arrivando.

Andare a casa di mio cugino è sempre stato davvero fastidioso per me. Non mi dispiaceva stare con loro, soprattutto dopo la serata speciale a casa mia con Mia, ma a volte Jack mi dava davvero fastidio. E a casa mia, almeno, potevamo occuparci di giocare ai videogiochi o qualcosa del genere, ma casa sua era così noiosa. E sua madre, mia zia, ha peggiorato le cose.

Mia zia Judy era di buon cuore, immagino si possa dire, e aveva buone intenzioni... Ma a mio avviso, non era una buona figura materna. Suona i favoriti. Mia era la sua figlia preferita perché Mia era normale. A volte, sembra che si sia pentita di aver mai avuto Jack. Ma non era giusto nei suoi confronti, forse sarebbe stato più normale se sua madre si fosse presa cura di lui. Ma a prescindere da quello che penso, ha fatto le cose come voleva, e suo marito, mio ​​zio, l'ha accettato.

D'altro canto, mia zia Judy era piuttosto carina da guardare. Aveva i capelli castani lunghi fino alle spalle, gli occhi nocciola, era piuttosto abbronzata, circa 5 piedi e 6, direi 140 libbre, ma le sue caratteristiche migliori erano sicuramente la sua cremagliera e il suo culo. Aveva un culo fantastico, lucido e pieno che ti faceva fissare quando passava. Ma, ancora meglio, era la mia parte preferita di lei. Aveva il portapacchi più sorprendente per una donna della sua età, non si piegava per le sue dimensioni e lo metteva in mostra a volte. Direi che era almeno una DD.

Arrivammo a casa sua e mia zia Judy aprì la porta. Ci fece entrare e chiamò Jack e Mia al piano di sotto, e uscì dalla porta per andare a fare shopping. Siamo rimasti un po' in giro a guardare la TV, ma sua madre ha bloccato tutti i canali divertenti. Quando è tornata a casa, era più tardi ed era quasi ora di andare. Proprio mentre mia madre mi ha suggerito di andarcene, ho sentito le parole che temevo tutto il giorno.

"Ehi John, perché non dormi?" chiese mia zia Judy.

Ho capito subito che una volta che l'avesse chiesto, avrebbe fatto di tutto per farlo funzionare, quindi ho accettato e ho salutato la mia famiglia, sapendo che avrei passato una serata noiosa. Jack e io siamo saliti nella sua stanza e abbiamo parlato un po', e anche Mia è venuta con noi. siamo usciti e abbiamo giocato un po' prima di entrare. Ormai era buio, quindi andammo tutti nelle nostre stanze. Stavo per dormire sul pavimento nella stanza di Jack.

Ancora una volta, io e Jack abbiamo litigato per qualcosa di stupido, quindi sono sceso a dormire sul divano. Ho preso una coperta e un cuscino e ho cercato di dormire sul mio letto nuovo e scomodo, ma mi è sembrato di sentire qualcosa provenire dall'altra stanza. Sapendo che non avevo niente da fare, mi alzai, andai alla porta e l'aprii, solo per vedere la cosa più incredibile che avessi visto in tutto il giorno.

Nella stanza, ho visto mia zia Judy sdraiata sul letto, con gli occhi chiusi, che gemeva rumorosamente mentre si toccava le dita. Ho sentito il mio cazzo diventare duro alla vista, ma non sapevo bene cosa fare. Mi sono abbassato e mi sono nascosto in bagno. Ho aperto un po' la porta per dare una sbirciatina. Ho iniziato da lei, le mani sui suoi incredibili seni sodi, con 2 dita dentro la sua figa. Mi è venuta in mente un'idea, ho tirato fuori il telefono e ho iniziato a registrare quello che vedevo. Ho impostato il mio telefono in una posizione in modo che lo registrasse senza che dovessi tenerlo in mano.

Ho aspettato qualche minuto che si fermasse, ma poi l'ho vista alzarsi, ancora nuda, per andare in bagno. Sapevo di non avere praticamente nessun posto dove andare, ma ho cercato di nascondermi negli armadietti sotto il lavandino. è andata in bagno e ho sentito la sua pipì. Il suono si placò, lei si alzò, ma prima di andarsene ci fu un lungo silenzio. Le ante dell'armadio si sono aperte e io sono caduto, insieme ad alcune bottiglie che non riuscivo a leggere. Mi sono sdraiato sul pavimento e ho guardato mia zia nuda, mentre agitava il telefono davanti a sé.

"John, stavi spiando?" Ha schernito

"Ehm... Sì." Ho confessato, sapendo che non potevo mentire nella mia posizione.

"John, è molto lusinghiero che tu voglia ricordarlo." mi disse, facendomi l'occhiolino.

"Oh, um, sì, io uh..." balbettai, completamente ipnotizzato dal suo fantastico corpo sospeso sopra di me.

"Ah, vieni qui." disse, raddrizzandosi e camminando verso il suo letto. Mi alzai e mi sdraiai accanto a lei.

"John, lo faccio solo perché tuo zio è... beh, non è abbastanza per soddisfarmi." mi ha confidato. "Non è molto... grosso e non è disposto a darmi quello che voglio. Ed è per questo che sono sempre arrapato, John."

Ero senza parole. Non potevo credere a quello che stavo ascoltando. Chi non vorrebbe scoparsi sempre mia zia Judy?

"Allora John, ho qualcosa da chiederti. Potresti fottermi per favore? Ne ho davvero bisogno John, davvero." Mi ha implorato e ho capito che avevo il controllo della situazione.

Senza dire niente, mi sono tolto la maglietta e sono venuto verso di lei, baciandola con attenzione, ma poi più forte mentre premevo il suo corpo nudo contro di me. Ho sentito il calore della sua figa tra le mie gambe, facendo impazzire il mio cazzo, mentre le toglievo le braccia dalla schiena e le usavo per togliermi il resto dei vestiti. Il mio cazzo duro come una roccia si sfregò contro la sua gamba mentre ci baciavamo di più.

"John! Oh cielo, sei abbastanza grande per un ragazzo della tua età! Unghh non ce la faccio più! SCOPAMI!" Disse mentre guidava il mio cazzo con la mano nella sua figa bagnata

La sensazione era come niente che avessi mai provato prima. L'interno della sua figa era un paradiso per il mio cazzo. faceva caldo e umido come non potevo credere. Era come se la sua figa fosse fatta per adattarsi al mio cazzo dentro di lei, mentre la spingevo più a fondo. Mi tirai parzialmente fuori e mi spinsi dentro di lei ancora una volta, già consumato dalla sensazione travolgente dei nostri corpi insieme. Abbiamo scopato duramente per qualche minuto mentre le afferravo e stringevo le tette, succhiandole i capezzoli mentre lei gemeva rumorosamente.

"Unghh! John! Sto per venire!" mi sussurrò all'orecchio

Ha guidato sul mio cazzo, macinando via come mai prima, la sua figa consumando ogni centimetro di me. Ho sentito i suoi muscoli pulsare mentre cadeva in un incredibile orgasmo, le sue gambe tremavano in risposta. I suoi succhi sono fuoriusciti e hanno lasciato una grande macchia bagnata sul letto. Le ho detto che anch'io ero quasi pronto a venire e lei ha preso il mio cazzo in bocca. Lo ha succhiato come un'esperta e quando stavo per scaricarglielo in bocca, l'ha tirato fuori e se l'è puntato contro le tette. Ho fatto esplodere un carico enorme su tutte le sue tette.

"John... Grazie..." disse tra un respiro e l'altro.

"No, grazie, è stato fantastico." le sussurrai all'orecchio e mi alzai per vestirmi. "Ma devo comportarmi come se non fosse mai successo." dissi mentre mi mettevo i pantaloni

"Oh, non sarà un problema John, ma se ne avessi ancora bisogno, potrei farti dormire di nuovo." lei disse.

Mi voltai per uscire dalla porta, ancora a torso nudo, e mentre chiudevo la porta dietro di me, trovai mio cugino Jack che mi aspettava, a braccia incrociate. "Ho visto tutto", ha detto.

************************************************** ************************************************** ***********

Sempre in attesa di feedback. Messaggio privato mi idee.

Storie simili

L'afair2

HO PENSATO CHE VISTO CHE STIAMO PROVANDO COSE NUOVE PRIMA DI ENTRARE NEL SUO CULO, VOGLIO CHE LEI MI PREGA DI SCOPARE IL SUO CULO. Sono andato e ho preso del ghiaccio e 3 mollette. LE HO CHIESTO SE LE PIACE ESSERE LEGATA AL LETTO NON HA RISPOSTO, COSÌ L'HO SCHIACCIATO IL CULO PIÙ DURAMENTE CHE POTREBBE POI afferrerle i capelli tirando indietro la testa e le ho detto che TI HO CHIESTO A? RISPONDI O TI SCHIACCIA ANCORA. CON LA PAURA NEGLI OCCHI E IL DESIDERIO CHE GOCCIA DALLA FIGA, HA DETTO CHE LE PIACIUTO. Sono scivolato sotto di lei...

1.4K I più visti

Likes 0

HOBO - Capitolo 15

CAPITOLO QUINDICI Iniziammo l'anno successivo ancora più frenetico del precedente. Il ristorante era decollato molto più velocemente del previsto e Michelle lavorava dalle dodici alle quattordici ore al giorno. Aveva assunto Eddie Sampson come manager che la teneva libera di occuparsi della cucina. Aveva anche assunto un altro cuoco e un'altra cameriera. Entro giugno quasi tutte le sere dovresti aspettare un tavolo tra i trenta ei quarantacinque minuti. Michelle sarebbe tornata a casa fino a dopo mezzanotte quasi tutti i giorni. Il primo luglio di quell'anno, ero seduto sul divano a guardare la televisione in attesa che Michelle tornasse a casa...

1.3K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

1.8K I più visti

Likes 0

Paghi uno prendi due

Michael ha deciso di prendersi una notte libera dal suo lavoro di scorta, poiché una serata fuori in città era proprio ciò di cui aveva bisogno per ricaricare le batterie dopo una settimana davvero frenetica. Il molo 22 era un vecchio magazzino ristrutturato in una discoteca di recente apertura situata sulle rive del canale navale di Manchester. Era vicino al centro del paese ma abbastanza lontano da non arrecare disturbo a nessuno dei quartieri vicini. Dotato di un ristorante sul tetto che si affaccia sulle brughiere del Lancashire/Yorkshire, di un casinò con una cocktail lounge e di una delle sale da...

2.1K I più visti

Likes 0

House Girl X - Mongolia

Alle 9 del mattino, ora locale, io e Rick Cheney eravamo in volo, volando verso nord da Negombo, Sri Lanka, a Ordos, Mongolia Interna, Cina. Il nostro aereo era più pesante di due passeggeri, una mora inglese di alabastro con un passato danneggiato e una focosa ragazza irlandese con capelli rosso fuoco e una passione da eguagliare. Dopo aver raggiunto l'altitudine, il mio prototipo di aereo aveva adattato la sua aerodinamica alla sua configurazione ultra-elegante per la velocità. Una rotta diretta verso la nostra destinazione richiederebbe solo un paio d'ore di volo, ma non potremmo rischiare di essere scoperti volando a...

821 I più visti

Likes 0

Orrori combinati - cap. 02 - La caccia

Orrori combinati. Se questo è il tuo primo capitolo da leggere, sarebbe meglio leggere prima il capitolo 1, per digerire questa storia, grazie per la tua preoccupazione.. http://www.sexstories.com/story/83926/ Capitolo 2: la caccia. Nella stessa notte (Mado) non era ancora sicuro di cosa intendesse la creatura dicendo ... AVRAI POTERI SULLE FEMMINE, NESSUNA FEMMINA SAREBBE MAI IN GRADO DI RESISTERE AL TUO FASCINO... Cosa diavolo significa? Aveva bisogno di provare prima di mettersi in viaggio con (Noga). Non riusciva a pensare a una vittima migliore della giovane cameriera che avevano in casa, e per giovane significa che era più giovane di (Noga)...

998 I più visti

Likes 0

Sarah incontra un pazzo

Sarah incontra un pazzo Quando mi hanno lasciato andare, hanno detto che non ero più un pericolo per me o per gli altri. Cinque vittime in cinque stati diversi in seguito potrebbero averle convinte a rivedere la loro opinione. Le mie foto che mostrano in TV sono state scattate anni fa, quando mi hanno beccato per la prima volta. Mostrano un disegno di come un artista pensa che potrei apparire se dovessi farmi crescere la barba. È incredibile quanto poco mi assomigli. Mi piace piuttosto la mia barba. Quando raggiungi la mia età, dicono che hai la faccia che meriti. E...

831 I più visti

Likes 0

Detenzione 15 Conclusione Parte 1

Hanno bussato alla porta... mia madre. Non mi ero accorto che era tornata a casa. Ero così preso dai miei pensieri su Chris e Luke, che tutto intorno a me svanì e scomparve. Ma il suono della sua voce mi riportò alla realtà. Avrei voluto che mi avesse appena lasciato in pace, così potevo essere pacificamente infelice con i miei pensieri. Brandon, sei qui? Ho pensato di stare zitto, sperando che pensasse che me ne fossi andato e non mi avrebbe disturbato. Ma anche comunque, avrebbe aperto la porta ed sarebbe entrata comunque nella mia stanza. Non c'era davvero modo di...

731 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

196 I più visti

Likes 0

Mio marito non lo sa_(0)

Ciao a tutti, beh, questa è la mia prima storia che scrivo sulle mie esperienze sessuali e spero che vi piaccia. Mi chiamo Kristy, ho 29 anni, vivo sulla costa settentrionale del NSW, molto piccola solo circa 5 piedi 2, ho un seno estremamente grande per la mia taglia, una bella figa e un culo piccoli da abbinare, questa storia parla di un incontro sessuale che ho avuto con un ragazzo con cui sono diventato amico mentre lavoravo per una grande azienda di vendita al dettaglio. Era il nostro fattorino ed era molto più anziano, sulla cinquantina ma sembrava molto più...

642 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.