L'eredità di Pete (capitoli 6-7)

607Report
L'eredità di Pete (capitoli 6-7)

Il mattino arrivò presto come al solito per Pete. Si sedette sul bordo del letto ripensando agli avvenimenti della sera prima. Aveva scopato Sara davanti alle sue sorelle e poi tutte e 4 le donne lo avevano portato ad un altro orgasmo. Gli era stato assegnato il posto a capotavola, dove una volta sedeva suo padre. Sentì dei rumori in casa come se qualcuno fosse sveglio, cosa insolita a quell'ora del mattino. Si infilò i jeans e la maglietta e si diresse verso la cucina da dove provenivano i rumori. Entrò in cucina vedendo Sara.

"Cosa stai facendo?" Chiese

"Il mio lavoro! Siediti, tra un attimo ti porto il caffè." rispose Sara sorridendogli. indossava una vestaglia di terriccio con una cintura annodata davanti. Pete era un po' confuso dal fatto che lei dicesse il suo lavoro. Non si alzava così presto da quando papà era vivo. Pete sedette al tavolo della sala da pranzo, prese una sigaretta dal pacchetto e l'accese. Sara entrò con una tazza di caffè posata davanti a lui "ecco qua. Abbiamo finito le uova, vanno bene i fiocchi d'avena e il bacon?"

"Sì. A cosa serve tutto questo trattamento speciale?" chiese Pete.

"Non è un trattamento speciale! Avrei dovuto già farlo. Tu ci stai provvedendo, io dovrei prendermi cura di te." Sara spiegò che si sporse in avanti e lo baciò dolcemente. Pete la avvolse tra le braccia, attirandola in grembo. Infilò un dito nella cintura e la slacciò. Sara non si lamentò né si mosse per fermarlo. La sua mano sinistra scivolò dentro per prenderle il seno destro. La strinse dolcemente mentre il suo indice le sfiorava il capezzolo. "Mmmm tesoro, inizierai qualcosa!"

"Qualcosa che non vuoi?" Pete si sentiva ancora in colpa per la notte prima. Sara si appoggiò a lui, le labbra premute contro le sue, poi la sua lingua si intrecciò con la sua.

"Vieni con me, tesoro." Sara rimase lì a prendergli la mano. Lei mi fece strada verso la sua stanza. Entrarono. Pete si fermò per chiudere la porta, Sara lasciò cadere la vestaglia a terra e strisciò sul letto. Pete si tolse la maglietta e poi i jeans, poi si avvicinò al letto. "Tesoro, voglio che tu mi lecchi la figa, per favore."

"Lo farò per te in qualsiasi momento, con gioia!" Pete sedeva sul letto, chinandosi con la testa tra le gambe di Sara. La baciò prima su un lato delle labbra esterne, poi sull'altro, baciandole leggermente e stringendole delicatamente l'interno delle cosce. Sara gemette e cercò di far entrare Pete nelle sue labbra. Aveva tagliato il cespuglio con una linea sottile che puntava verso la parte superiore della fessura, il resto liscio e pulito.

"Tesoro, per favore, mi stai facendo impazzire! Ti voglio...." Le sue parole diventarono un strillo mentre lui le infilava la lingua tra le labbra mentre le sue mani la aprivano permettendole l'accesso direttamente alle sue pieghe interne. Un piccolo movimento della sua lingua le aprì le labbra interne e quasi immediatamente circondò l'ingresso del suo buco. Sara strillò e gemette mentre la sensazione la arrestava. Il suo cervello si annebbiò quando la lingua di Pete trovò il suo clitoride. Lo colpì con un leggero tocco della lingua. Le circondò il clitoride e poi lo colpì di nuovo. Sara tremò e si contrasse mentre Pete ridiscendeva nella fessura attorno al suo ingresso. Era già molto bagnata mentre la sua lingua circondava il suo ingresso. Pete aveva letto riviste su come compiacere una donna e una parte gli era sembrata così confusa quando l'aveva letta, ma ora pensava che fosse la mossa giusta. Voleva provare, quindi scivolò leggermente verso il basso mentre sollevava le gambe di Sara. La sua lingua le colpì il buco del culo. Sara urlò, si sollevò, si scosse, si dimenò e mosse i fianchi mentre la lingua di Pete le entrava effettivamente nel culo. "Oh dannazione! Oh Dio! oh Dio! cazzo sì! Aaa fottimi il culo con la tua lingua!"

Pete riuscì a mettere il pollice sul suo clitoride esercitando pressione mentre i movimenti di Sara stimolavano il suo clitoride. Pete in realtà aveva qualche problema a tenere Sara sollevata dal letto con tutto il suo dimenarsi e sbattersi. Tenne pressione sul suo clitoride. Sara lanciò un getto di liquido colpendo Pete in faccia e poi un altro. All'inizio pensò che avesse perso il controllo e gli avesse pisciato addosso, poi si ricordò che aveva squittato la sera prima. Lui smise di scopare e di leccarle il buco del culo lasciandola di nuovo sul letto. Sara giaceva immobile, con il cervello annebbiato dall'orgasmo. Pete andò in bagno a prendere un asciugamano, Amy era nel corridoio.

"Che cazzo sta succedendo?" chiese Amy mentre Pete passava per prendere l'asciugamano. Eccitò il bagno spingendosi di nuovo davanti ad Amy ma si fermò solo per baciarla sulle labbra mentre lo sperma di Sara gli colava ancora dal mento. Entrò nella stanza di Sara con Amy alle calcagna. Amy ha visto sua madre rannicchiata sul letto, c'è una grande macchia bagnata sul letto sotto il suo sedere e fino quasi alle ginocchia. "Oh mio Dio, ha fatto pipì? Oh diavolo, le stavi facendo sesso orale! Questo è quello che hai sulla faccia e quello che ho assaggiato sulle tue labbra! È una cosa così incasinata! Perché l'hai fatto?"

"Finché non te ne rendi conto, ti sei comportato come se ti fosse piaciuto. Aveva un sapore cattivo?" chiese Pete sentendosi sicuro, quasi arrogante. Amy sembrava scioccata, ma Pete vide che era più che eccitata. I suoi capezzoli sporgevano spingendo contro la maglietta del pigiama. Potrebbe essere solo una coppa A, ma Pete era stupito dai suoi capezzoli proiettili. La osservò spostarsi da un piede all'altro e vide che aveva dei succhi che le scorrevano lungo l'interno della coscia. Pensava che o avesse completamente inzuppato le mutandine oppure non ne avesse addosso. Il pensiero che lei non avesse le mutandine gli fece sobbalzare il cazzo spingendolo oltre la cintura. Era così duro che gli faceva male che si asciugò la faccia con l'asciugamano e poi ripulì Sara. Mentre asciugava Sara, scivolò su un ginocchio sul pavimento, sedendosi sulla caviglia, ora poteva vedere che non aveva mutandine. Lui allungò la mano e le posò la mano sulle cosce. Amy sembrava nervosa ma allargò le gambe per consentire l'accesso a Pete. La sua mano scivolò tra le sue gambe, il suo dito medio allargò la fessura trovando il suo buco quasi correndo per l'eccitazione. Il suo indice e l'anulare le strinsero le labbra esterne. Amy gemette alla sensazione che il suo dito medio scivolò completamente oltre l'ingresso nella sua macchia, poi lo tirò indietro, il suo dito medio le aveva premuto il clitoride contro se stessa. Amy rabbrividì mentre gemeva.

"Ti piace, vero tesoro?" Sara si era svegliata. Aveva ancora il bagliore post orgasmico. "Pete l'ha lasciata sedersi qui. Dalle un po' di quello che hai dato a me, lo adorerà!"

Pete quasi la sollevò con la mano tra le gambe e la fece sedere sul bordo del letto. Si slacciò la cintura, poi sbottonò i jeans e aprì la cerniera, lasciando che i jeans scivolassero lungo le gambe, poi tirò fuori una gamba e poi l'altra. Sia Sara che Amy fissarono il suo corpo muscoloso: era solido, il suo addome increspato dai muscoli, i suoi bicipiti e tricipiti ben definiti. I suoi polpacci e le sue cosce sporgevano e, naturalmente, il suo palo increspato sporgeva grande e fiero. Pete si inginocchiò sul bordo del letto. La sua mascella era un po' stretta ma voleva assaggiare lo sperma di Amy come aveva fatto con quello di Sara. Sentiva che se si fossero arresi liberamente, ne avrebbe goduto ogni piccola parte. Si sedette accanto ad Amy sul letto. Avvicinò il culo al limite. Pete si sporse in avanti, appiattì la lingua e la tirò dalla macchia di Amy al suo clitoride, fece un cerchio attorno al suo clitoride ma non lo toccò, poi tornò giù. Sara sbottonò il top di Amy e lo aprì esponendo il seno a coppa A di Amy e i suoi capezzoli proiettili. Le sue aura si sollevarono e divennero quasi la base di grandi capezzoli solidi. Sono arrivati ​​quasi al punto. Pete mantenne gli occhi sul suo seno mentre le apriva le labbra spingendo la lingua nella sua entrata. Sara mise una mano sul seno di Amy facendola scorrere delicatamente sul seno destro di Amy. Amy gemette per la stimolazione e poi si chiuse a chiave

"Questo è davvero strano! Mmmm. Oh diavolo! È così bello, ma mio fratello e mia madre sono la mia prima esperienza sessuale con qualcuno oltre a me! Oh oh Dio proprio lì! Ohhhhh." Amy tremò e si dimenò mentre Pete faceva scivolare il dito medio nel suo buco fradicio andando solo oltre la prima nocca e chiudendo le labbra attorno al suo clitoride succhiandolo mentre la sua lingua lo attraversava. Amy non squirtava come sua madre, ma i suoi succhi scorrevano lungo la mano e il braccio di Pete. Sara diede un colpetto sulla testa a Pete per attirare la sua attenzione e farlo allontanare. Amy lasciò cadere le gambe dal bordo del letto, facendo penzolare i piedi senza toccare il pavimento. Pete ha un disperato bisogno di sollievo perché in realtà stava soffrendo. Si avvicina a Sara pizzicandole leggermente il capezzolo mentre si alza, prima di spostarsi verso Sara, Amy lo raggiunge. Lui si sporge per baciarla sulle labbra poi le lingue ballano insieme. Il bacio si interruppe

"Prova a metterlo dentro di me, Pete! Non riesco a pensare a un modo migliore per perdere la mia verginità. Ho due persone di cui mi fido e amo! Per favore, Pete!"

"Tesoro, sei proprio sicura? È così grosso! Se entra probabilmente farà male!" Sara lo dice ad Amy. La guardo con molta preoccupazione, ma Amy annuisce di sì "Pete sii molto lento e attento, se non lo fai le farai molto male!"

"Sei davvero sicura, Amy?" Pete chiede di nuovo Amy annuisce sì. Pete la solleva delicatamente dal letto e la fa salire sul letto. Pete si siede con le ginocchia sul letto e il sedere sui piedi. Lui allinea il suo cazzo con l'entrata bagnata di lei. Il suo cazzo è leggermente piegato verso il basso mentre attira delicatamente Amy a sé, la sua testa ne allarga l'apertura, ma entra di circa un pollice. Sara vede la reazione di Amy e dà a Pete il segnale di fermarsi. Rimangono così per un momento o due, poi Amy annuisce. Pete spinge in avanti mentre attira Amy a sé, il suo cazzo scivola dentro di circa tre pollici.

"Pete non spingere più dentro per ora. Tira indietro solo un po' e poi scivola dentro lentamente e delicatamente." Sara dà istruzioni a Pete. Amy sta cercando di non far vedere che fa male, ma sua madre lo sa, da ieri, quando lui gliel'ha piantato addosso. Pete si dondola avanti e indietro con poche uscite o entrate, ma Amy sta iniziando a rilassarsi e a divertirsi. È una bella sensazione, tesoro? Vuoi che ne metta un po' di più in te? Attento Pete, solo un po'! So che devi essere arrapato da morire e vuoi solo raggiungere l'orgasmo, ma Amy ha bisogno che tu sia molto gentile."

"Ci sto provando! Dio, è così stretta che penso che potrebbe tagliarmelo!" Pete grugnisce mentre spinge altri cinque centimetri contro Amy

"OH SANTA MERDA! STO PER SPACCARMI! Santo Inferno!" Amy grida.

"Vuoi che la smetta, tesoro?" chiese Sara molto preoccupata. Amy scosse la testa in senso negativo. Fa un respiro profondo e spinge verso Pete scivolando più dentro, sente che le colpisce la cervice. Amy strizza gli occhi per il dolore mentre Pete resta fermo, vede una lacrima che le scorre lungo la guancia e cerca di tirarsi indietro e uscire. Lei lo afferra scuotendo la testa in segno di no. Pete rimase a circa 7 pollici con la testa contro la sua cervice. Si sporse in avanti torcendo il corpo in modo da poter prendere in bocca il capezzolo sinistro di lei. Baciò e leccò poi succhiò facendo scorrere le labbra sui denti e mordendolo delicatamente. Sara giocò e strofinò il seno destro di Amy con la mano sinistra, la sua destra scivolò lungo l'addome di Amy attraverso il suo monticello. L'indice di Sara trovò il clitoride gonfio di Amy, era duro e fuori dal cappuccio. Amy gemette. La sua mano sinistra corse tra i capelli di Pete premendolo contro il suo seno. La sua mano destra si era allungata per toccare Sara. La sua mano sfiorò il capezzolo sinistro di Sara. "Sei pronta tesoro? Ricordati, rilassati con lei. Se non riesci a trattenerti, tira fuori la piccola e la prendo io. Sarà un po' dolorante solo per lo stiramento, ma può adattarsi se tu..." è facile."

"Non so quanto potrò resistere! È così dannatamente stretta! Posso sentire le sue pareti stringermi e liberarmi." Pete grugnì. Amy gemeva forte mentre Sara faceva dei cerchi sul suo clitoride. Pete si tirò fuori a metà strada e poi spinse dentro con facilità fino a urtarle la cervice. Lentamente Pete fece entrare e uscire il suo cazzo dal buco caldo e stretto di Amy. È stato lento e facile per quasi 5 minuti

"Scopatemi e basta! Datemelo, dannazione! Sbattetelo. PETE, PER FAVORE!" Amy urlò spingendosi contro Pete. Sara gli fece un cenno. Pete si mosse più velocemente. Cercò di trattenersi dal martellarle la cervice. Pete pompava velocemente mentre Sara si strofinava più velocemente sul clitoride di Amy e le pizzicava un po' più forte il capezzolo destro. La testa di Amy tornò a infilarsi nel materasso. Sara si sporse per prendere in bocca il capezzolo destro di Amy. Amy cadeva sotto Pete mentre lui pompava dentro e fuori. La mano destra di Amy era sul seno di Sara, ma ora scivolò tra le gambe di Sara, il suo indice, il medio e l'anulare entrarono facilmente nell'apertura di Sara. Solo qualche breve spinta poi il suo mignolo si unì alle altre dita. La sua mano scivolò nel suo ingresso bagnato, il pollice di Amy premette contro il suo clitoride facendo gemere Sara nel capezzolo di Amy che era molto sensibile. Sara stimolò il clitoride di Amy, gemendo involontariamente sul capezzolo sensibile di Amy, e Pete pompando dentro e fuori la figa appena deflorata di Amy, spinse Amy oltre il limite. Ha avuto un forte orgasmo. Le sue pareti si strinsero sul membro di Pete quasi in una morsa schiacciante. Pete aveva appena notato la mano di Amy nella figa di Sara, Sara che succhiava e mordeva il capezzolo di Amy, era troppo, spinse forte nella cervice di Amy guadagnando circa un altro centimetro dentro di lei. Premuto con forza contro la cervice di Amy, Pete esplose. Il suo primo colpo gli fece tremare e tremare il corpo. L'orgasmo di Amy martellava il suo corpo in ondate di piacere. Mentre si girava, tremava e si infilava in Pete. La sua mano spinse e si contrasse contro Sara. Il suo pollice, ancora sul clitoride di Sara, la strofinò e la stimolò. Con suo figlio che infila il suo enorme cazzo in profondità nella figlia più giovane che viene espulsa e le dita di sua figlia nella sua figa, è stato troppo. Sara ha avuto un altro forte orgasmo. Scuotendo e spingendo la figa sulle dita di Amy cercando di farle entrare più in profondità. Pete lanciò la sua prima corda e rimase rigido dentro Amy. Mentre veniva, le sue pareti interne si strinsero e si rilassarono, strinsero ancora, mungendo una corda dopo l'altra dalle palle di Pete attraverso il suo cazzo. Aveva la testa leggera, sudava e tremava mentre l'orgasmo di Amy cominciava a placarsi. Pete dovette rotolare sulla schiena mentre usciva da Amy. Il suo cazzo si stava sgonfiando velocemente. Il respiro di Pete era corto e rimase senza fiato per un momento. Poteva dire che Amy e Sara stavano facendo lo stesso.

Storie simili

Compagni di stanza

L'università è complicata indipendentemente dalle circostanze, ma per Nick Kotsopoulous è stato molto più difficile. Lasciando la sua famiglia e tutto ciò che aveva mai conosciuto, ha viaggiato per mezzo mondo per avere la possibilità di espandere i suoi orizzonti ottenendo il suo dottorato in inglese alla Yale University. La decisione è stata difficile da prendere, ma la sua famiglia sapeva bene quanto lei che per ottenere la migliore istruzione possibile e aprire molte porte di opportunità lungo la strada, doveva lasciare il suo paese d'origine e cercare una guida all'estero. Giovane e brillante, Nick è stato immediatamente accettato nel corso...

1.4K I più visti

Likes 0

Mia moglie troia, parte 2

Quando ho scoperto che la sorella di mia moglie, Leesa, e il suo ragazzo Jackson sarebbero venuti a cena, non sapevo davvero cosa aspettarmi. Avevo imparato che essere sposato con la mia moglie troia Mandy significava che tutto ciò che potevi fare era aspettarti l'inaspettato! Leesa ha un paio d'anni più di Mandy e puoi vedere la somiglianza familiare. Ma mentre mia moglie Mandy ha la figura di una modella, Leesa è un po' più pesante e ha un seno molto più grande. Il suo ragazzo Jackson era un bravo ragazzo... Ma era un ragazzone. Più che un po' sovrappeso, e...

658 I più visti

Likes 0

Un compleanno incesto capitolo 15

Nota: ho studiato come un matto per questo capitolo cercando di entrare nella mente femminile, quindi fammi sapere come ho fatto. È il più lungo di sempre con 35 pagine, le donne mostrano i loro sentimenti più degli uomini, quindi ho dovuto scrivere di conseguenza. La storia è vista da Rita, in questo modo puoi vedere tutte le sue emozioni e cose del genere, e c'è una sezione in cui la vista è dalla mamma, così puoi vedere come funziona la sua mente astuta. Mi ci è voluto un po' per scrivere questo, ma è perché stavo lavorando ad altre storie...

1.6K I più visti

Likes 0

Enormi tette messicane

Storia di Fbailey numero 392 Enormi tette messicane Camille era senza dubbio la ragazza più grande della mia classe. A quindici anni era una testa più alta della maggior parte dei ragazzi e le sue tette erano probabilmente più grandi di dieci ragazze messe insieme. Ho ammirato Camille dall'inizio della scuola, quando si è trasferita. Parlava un buon inglese e anche meglio lo spagnolo. Era una ragazza grande ma era anche carina. Aveva una grande pancia, un grosso sedere e tette ancora più grandi. Mi ha ricordato una versione più giovane e carina di mia madre. Un giorno ho avuto il...

1.3K I più visti

Likes 0

La piccola Amanda, parte 3b

Dopo la gara di sci nuda Amanda è tornata a scuola. Non si è ammalata e inizialmente nessuno ha menzionato la sua gara di sci nuda - significava che nessuno aveva letto questo articolo. Ma all'improvviso, la settimana successiva, l'insegnante di classe chiamò Amanda per parlare. „Oh, Amanda, cosa hai fatto!? Potrebbe essere un grande scandalo, ha detto. Amanda, ovviamente, ha capito di cosa si tratta. Il Maestro ha continuato: „Voglio dirti subito che non sarai punito o condannato. Tuttavia vorrei chiederti direttamente perché hai preso parte a questa stupida e ridicola gara di sci o carnevale, non importa come lo...

907 I più visti

Likes 0

Migliori amiche moglie incinta pt 2

Questo è per te, disse, tenendo in mano il vibratore blu. Se lo portò alle labbra e lo fece scivolare quasi completamente dentro, senza mai distogliere lo sguardo dai miei. Ma non ancora. Nicki ha appoggiato il vibratore sul lavandino e ha abbassato la sua figa gocciolante di piscio sulla mia faccia. Ho avvolto le mie mani intorno al suo bel culo grosso e l'ho tirata giù su di me mentre iniziavo a mangiarmela. In qualche modo ora aveva un sapore ancora migliore di prima. La mia lingua ha trovato il punto giusto e lei ha avuto un orgasmo. La mia...

845 I più visti

Likes 0

Aspirante attrice - La storia di Chelsea parte 4 Il dilemma di Robs

Chelsea aveva un disperato bisogno di cazzo adesso e Rob intuì la sua opportunità, spostò Keira di lato e andò ad allineare il suo cazzo quando Micheal lo interruppe, Hai fatto bene, ma questo è mio, avrai sempre e solo quello che ti passo. Ora guarda mentre scopo tua sorella davanti a te. Puoi usare il tuo giocattolino quando ti senti in forma. Rob era devastato, aveva bisogno di scopare sua sorella in quel momento ma si ritrovò a obbedire, si mise di lato mentre il vecchio le si avvicinava alle spalle, allungandosi in avanti le tirò indietro i capelli con...

614 I più visti

Likes 0

Amico e figlia

Sono un uomo felicemente sposato, ma ho un lato perverso che mia moglie conosce in parte, ma non tutto, ho molto da condividere ma potrebbe non essere tutto in ordine cronologico. Questa è la prima esperienza che ho condiviso con il mio migliore amico Wayne, Wayne e io ci conosciamo da un po', infatti entrambi stavamo scopando la stessa donna prima di sposarci, anche se non nello stesso momento. infatti Wayne ha sposato mia cugina Cindy e hanno una bambina, Lil deb (Debbie), è una bambina molto carina e dolce, (suppongo di aver sempre avuto un debole per le ragazze giovani)...

1.5K I più visti

Likes 0

HOBO capitoli 12 e 13

CAPITOLO DODICI Mi sono svegliato presto la mattina dopo e sono riuscito ad alzarmi dal letto senza svegliare Michelle. Sono andato in cucina, ho acceso una caffettiera. Poi ho cucinato uova strapazzate, pancetta e salsiccia e stavo finendo quando Michelle è entrata in cucina stropicciandosi gli occhi. “Cosa stai facendo?”, chiese sbadigliando. “Ci prepariamo la colazione. Per favore, siediti sullo sgabello.”, mi sorrise, fece il giro del bar e si sedette. Le sistemai un piatto e glielo posai davanti, poi le versai una tazza di caffè. Allora aggiustai il mio piatto e mi sedetti accanto a lei. Non appena fui al...

905 I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

888 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.