Decoratore d'interni

1.2KReport
Decoratore d'interni

Maria ha venticinque anni, single, giovane decoratrice d'interni e commessa nel negozio di mobili di famiglia. Aveva bisogno di un accordo stretto. Il compito, tuttavia, si stava rivelando più difficile di quanto avesse sperato. Vari ritardi stavano inducendo gli acquirenti a ripensarci. Oggi sperava che un acquirente entrasse e chiudesse un affare. Non essendo una che usa abitualmente il suo bell'aspetto naturale a proprio vantaggio quando ha a che fare con gli uomini, Maria ha tirato con riluttanza un maglione senza maniche attillato dal suo armadio e una gonna corta complementare. Con solo un piccolo paio di mutandine sotto, si sentiva goffamente vestita.

Ma questo è stato un grosso problema per lei personalmente: essere in grado di fare la mossa senza il coinvolgimento dei membri della sua famiglia. Fissò lo specchio con determinazione, spazzolando i suoi capelli neri in una forma perfetta e mettendo in risalto le sue labbra per il giusto bagliore. Maria rabbrividì per la quantità di scollatura che mostrava sotto il maglione. Poi si voltò e si diresse verso il negozio.

Così, ero entusiasta di andare da Haverity's a cercare mobili e un decoratore d'interni. Maria mi è stata consigliata da un'amica, poi l'ho incontrata brevemente al negozio. O si. La bellezza dai capelli scuri con gli occhi favolosi e le gambe lunghe e il seno pieno. Quella Maria. Avevo buone notizie per Maria, ma lei non lo sapeva... ancora. Maria è arrivata al negozio con cinque minuti di anticipo e si è fermata nervosamente nello show room. Si tirò la gonna, cercando di infilarsela almeno a metà delle cosce. Era pazzesco, pensò. Ma doveva fare questa vendita.

Presto, mi vide avvicinarsi al negozio. "Ciao, Maria. Piacere di rivederti." Tesi la mano nello stesso momento in cui Maria stava aprendo la porta. "Ciao John." I miei occhi non incontrarono i suoi fino a quando non condussi un'analisi approfondita del suo corpo snello. "Entra." Entrai nel negozio e camminai fianco a fianco con lei per lo show room, finché non entrarono nel suo piccolo ufficio. Ho chiuso la porta dietro di loro. «Siediti», disse. Mi sono seduto su una sedia da ufficio di fronte alla scrivania di Maria. Ho tirato fuori dalla tasca un piccolo libro. "Beh, penso che abbiamo delle buone notizie." Ho guardato per la sua risposta.

"Oh? Che c'è?" chiese, sporgendosi leggermente in avanti sulla sedia. Ho continuato spiegando la complessità dei requisiti di decorazione e quanto Maria fosse vicina a soddisfare i miei prerequisiti per la chiusura. Ha riconosciuto il mio piacere che erano vicini al completamento dell'accordo. Durante la loro discussione, ho combattuto il forte impulso di fissare i suoi seni, spingendo contro il tessuto morbido del suo maglione. La pelle abbronzata che si vedeva era impeccabile. E le sue gambe avevano l'aspetto liscio e setoso di un'adolescente.

Alla fine, dopo quindici minuti di dialogo, mi sono alzato e mi sono avvicinato alla sedia di Maria. Mi studiò mentre mi muovevo accanto a lei, poi lentamente dietro di lei. "Mi dispiacerebbe che questo accordo fallisse dopo tutto il tuo lavoro." Ho detto.
Maria sussultò quando le mie dita toccarono le sue braccia nude. M le mani le scivolarono sulle spalle. Mi ha sentito giocare con la nuca, poi con il collo. «È possibile che tu debba portare a casa mia gli ultimi scartoffie», dissi.

Maria sedeva in silenzio mentre le mie mani si muovevano intorno al suo collo e lungo la parte anteriore del suo maglione. Mi sentì premere contro la sua sedia da dietro. Le mie dita hanno seguito la curva della scollatura a V del maglione fino alla sommità del seno. Rimasero lì, assorbendo la setosità della sua pelle.

"Vuoi un accordo, vero?" chiesi piano. Sapeva cosa aveva da dire. La parola arrivò lentamente.
"Sì." Era quasi un sussurro. Le mie mani erano sui suoi seni, ma sopra il suo maglione. Ho sentito i suoi capezzoli e li ho spremuti leggermente. Maria ha sentito la sensazione fino alla figa. "Eccellente", ho risposto. "Perché voglio lavorare con te." Mi alternavo tra l'abbracciare i seni di Maria e il manipolare i capezzoli finché non urlavano per avere più attenzione. Voleva alzarsi dalla sedia, ma non poteva... per qualsiasi motivo.
Mi chinai finché la mia faccia non fu vicino all'orecchio di Maria. "Allarga le gambe."

Maria sollevò la gamba superiore e piantò il piede sul pavimento. Poi ha separato le gambe di pochi centimetri. Contemporaneamente, la mia mano destra scivolò dentro il suo maglione e le toccò il seno sinistro. "Alza la gonna."
La mia mano le strinse il capezzolo più forte di quanto avessi stretto prima. Il corpo di Maria tremava di piacere, il cuore che batteva per la paura. Nonostante quello che la sua mente le diceva, si tirò su ai lati della gonna finché le mutandine nere che le coprivano la figa non sbucarono da sotto. "Toccali", sussurrai.

"Io non... ehm," iniziò Maria. Ho messo quasi tutto il suo seno nella mia mano e l'ho impastato grossolanamente, finendo con un pizzico stretto del suo capezzolo. "Ho detto di toccarti le mutandine." Maria ha messo un dito all'esterno delle sue mutandine, non sapendo cosa volevo dopo. "Sfregalo. Strofina la figa e il clitoride." Lei obbedì. Guardai in basso il suo corpo, la mano parzialmente nascosta sotto la gonna. Poi mi sono concentrato sull'altro seno. Maria chiuse gli occhi.
"Metti le dita dentro le mutandine." L'ho vista farli scivolare sotto il fondo delle sue mutandine vicino alla sua figa. "Sei bagnato?" Maria annuì.

"Scoprilo. Metti il ​​dito nella figa." L'ha fatto. I suoi capezzoli erano pronti ad esplodere tra le mie mani. La sua figa era intrisa di desiderio. L'ho lasciata indugiare lì per un secondo. "Fammi vedere." Tirò fuori la mano e sollevò il dito che era stato dentro di lei. La luce brillava sull'umidità. "Leccalo. Fai finta che sia il mio cazzo."
Il dito scomparve nella bocca di Maria e lei assaggiò i suoi succhi dolci. Il mio cazzo duro come una roccia premette contro la sedia, dolorante per il bisogno di sborrare.

"Molto bene." Le mie mani si posarono ancora una volta sui suoi seni dall'esterno del suo maglione. "Quando puoi venire con le ultime scartoffie?" La mente di Maria riusciva a malapena a pensare abbastanza chiaramente da rispondere. "Uh, va bene venerdì?" balbettava. "Verso mezzogiorno?" "Perfetto." Mi sono allontanato dalla sedia e mi sono spostato al fianco di Maria. Quando alla fine si è girata verso di me, non ha potuto fare a meno di notare il rigonfiamento nella parte anteriore dei miei pantaloni. "Venerdì è mezzogiorno. Oh. Un'altra cosa." Maria alzò lo sguardo. "Stesso vestito."

Maria non riusciva a resistere abbastanza in fretta, principalmente per abbassare di nuovo la gonna, ma anche per scappare dall'ufficio. Si sono stretti la mano. Potevo sentire l'umidità che le restava sul dito. Ho sorriso e me ne sono andato. Non sapeva se piangere o farsi sborrare mentre tornava a casa. Si rimproverò per essere stata così vicina all'orgasmo nel suo ufficio. Ma ha pensato al progetto di vendita e decorazione. Non ho pensato a nient'altro nei due giorni successivi, tranne che alla giovane donna ingenua. Maria non sapeva se pregare per l'arrivo del venerdì o temere che si avvicinasse. Decise di desiderare che arrivasse qui, aspettandosi non peggio dell'imbarazzo che aveva sofferto nel suo ufficio. Almeno sarebbero in privato.

Venerdì mattina ha indossato le mutandine nere, la gonnellina e il maglione. Di proposito non ha fatto molto con i suoi capelli o il trucco. Come se ciò potesse fare la differenza per me. Era poco passato mezzogiorno quando suonò il campanello e la feci entrare. La portai al tavolo in cucina per permettere alla sua stanza di stendere le carte nella sua valigetta. Ho offerto un rinfresco, ma lei ha rifiutato. Pochi minuti dopo stavano discutendo di altri argomenti solo vagamente comprensibili da lei. Con grande sorpresa e soddisfazione di Maria, stavo firmando i documenti subito dopo.

"Quest'ultimo modulo," dissi, tenendolo in mano, "è quello che più mi turba. Qualcuno della tua età non ha avuto molta esperienza in questo tipo di progetti. Ho bisogno di assicurazioni che i miei soldi lo faranno. ..la persona giusta." Maria ebbe solo brevemente il tempo di chiedersi se le mie parole fossero, in effetti, discriminatorie. Poi la sua mente tornò alla giornata nel suo ufficio. E ha sentito lo stesso tono nella mia voce. "Abbiamo fatto molta strada, Maria. Mi ha guardato negli occhi, ma non ha parlato. Invece, ha allungato la mano per prendere il pezzo di carta.

La mia mano è caduta forte su di esso... il mio palmo che sbatteva contro il tavolo. Maria si appoggiò allo schienale della sedia. La paura le usciva dalla bocca del suo stomaco. Ho sorriso. "Non ancora." Maria mi fissò, pronta a uscire di casa. "Alzati," dissi.

La bella giovane donna fissò la pila di fogli, pensò al futuro e si alzò dalla sedia.
"Spogliati." Maria si bloccò. Poi eruttò. "No, maledizione. Non lo farò..." Saltai dalla sedia così velocemente che Maria ebbe appena il tempo di fare un passo indietro. Le mie mani erano su di lei prima che potesse difendersi. L'ho fatta girare e l'ho presa per le braccia. "Ora ascoltami," ringhiai tra i denti. "Ho detto di spogliarti." Metto le braccia intorno alla sua vita, liberandole le braccia. "Fallo."

Maria si tirò su il maglione. Il suo corpo tremava mentre lo sollevava sopra la testa e lo lasciava cadere a terra. Non ho mai lasciato andare. Il mio corpo è stato premuto contro il suo culo e lei ha sentito il mio cazzo indurirsi. L'ho spinta in avanti e lei è inciampata contro il tavolo. L'ho spinta in mezzo alla schiena, piegandola in vita. Le carte volavano sul tavolo mentre le sue mani scivolavano sulla superficie. Le ho sollevato la gonna sopra la vita, poi le ho afferrato la parte superiore delle mutandine e le ho tirate giù con violenza. Li ho tirati giù per le gambe, rimuovendo le mutandine e i talloni contemporaneamente.

Ho fatto un passo indietro e ho ammirato la bellezza quasi nuda per alcuni secondi. Il culo rotondo e le cosce lucide erano migliori di quanto avessi immaginato nei giorni precedenti. Alla fine, l'avrei presa. Le ho toccato il culo. Prima un lato, poi l'altro. Avvolsi le mie dita attorno alla pelle morbida su entrambi i lati della sua crepa. L'ho modellato e ho bevuto la sensazione meravigliosa. Il mio cazzo premette contro l'interno dei miei pantaloni, volendo essere libero.

"Così va meglio," dissi. "Ora ti lascio togliere la gonna." Maria sapeva che non poteva scappare. Si alzò e si tolse la gonna nel poco spazio che aveva. "Appoggiati di nuovo sul tavolo", le dissi. Si chinò. Ha sentito la mia cintura e la cerniera. Quindi i vestiti sono stati posti sul pavimento. La sua testa era sul tavolo, i capelli che le ricadevano sul viso. Fortunatamente, non poteva vedere molto. "Ricordi quanto eri bagnato l'altro giorno?"
"Sì," mormorò Maria.

"Facciamolo di nuovo. Solo che questa volta ti sarà permesso di venire, proprio come volevi nel tuo ufficio."
"Non volevo..." Spinsi il mio corpo contro il suo e spinsi verso il basso dietro la sua testa.
"Volevi venire. Eri fradicio. Oggi verrai. Lo faremo ENTRAMBI", dissi ad alta voce.
Dopo aver allentato la pressione, ho detto: "Vuoi la vendita e il progetto. Giusto?" Non ha risposto.

"Vuoi l'accordo. Vero, Maria?" "Sì." "Volevi venire nel tuo ufficio. Vero, Maria?" Ci fu una lunga pausa. "Sì." "Verrai oggi così puoi avere l'accordo. Giusto?" "Sì." Ho sorriso. "Allora facciamolo."
Metto le mani sui suoi fianchi, a pochi centimetri dai suoi seni. Maria istintivamente si china e lascia che le metta i palmi delle mani sui capezzoli. Immediatamente, la sensazione che provava nel suo ufficio è tornata nella sua figa. Solo che questa volta sarebbe stato qualcosa di più del suo dito dentro di lei.

Maria ha sentito il mio cazzo colpire per prima la parte superiore del suo culo. L'ho appoggiato su una delle sue guance e l'ho fatto scivolare indietro finché non è caduto. Poi l'ho messo sopra la sua crepa e l'ho lasciato riposare tra le sue guance. Poteva percepire quanto fosse già grande. Molto lentamente l'ho lasciato scivolare su e giù sulla sua pelle. Per tutto il tempo, i suoi capezzoli venivano pizzicati sempre più forte. Lei allargò le gambe. Non avevo bisogno di altro incoraggiamento.

Ho guardato le labbra su entrambi i lati della sua figa e ho messo la mia mano su di loro. L'ho strofinata delicatamente, poi ho spostato un dito fino al suo clitoride. Maria gemette "MMMMMMMM..OOOOOOHHHHHHHH...AAAAAAAAAHHH" per la prima volta e alzò i fianchi dal tavolo. Ho giocato con il suo clitoride, strofinandolo e passandoci sopra il dito, stuzzicandola ancora di più. Una mano teneva un capezzolo e l'altra le massaggiava il clitoride. Maria poteva sentire l'umidità che si accumulava intorno alla sua figa.

"Dimmi che ne vuoi di più", ordinai. "Non fermarti," riuscì a dire Maria. "Dimmi quello che vuoi."
"Voglio venire. Per favore, fammi venire." Ho messo la testa di cazzo all'ingresso della sua figa. Le sue gambe erano divaricate il più possibile divaricate. Si aggrappò a qualcosa a cui aggrapparsi, ma non trovò altro che carte. Allora era troppo tardi. Lei strillò mentre il mio lungo e grosso cazzo duro entrava in lei. "OMG..OH DIO..OOOHHH."
Poteva sentire il mio corpo sbattere contro il suo culo. Poi mi sono tirato indietro e mi sono spinto di nuovo in avanti. Maria gridò ancora una volta. " OMG..TU BASTARDO..AAAAAAAHHHHHH."

"Vuoi che ti scopi?" Ho chiesto. "Oh, sì. Per favore. Scopami, John. Fammi venire." Il suono della sua voce mi ha reso ancora più difficile. Maria poteva sentire il mio cazzo palpitante seppellito in profondità nella sua figa. Mi strinse, desiderando che il suo clitoride fosse ancora nella mia mano. Ma sapeva che se avessi continuato a scoparla in questo modo, sarebbe venuta abbastanza presto. Le tenni la parte anteriore delle gambe, tirandola indietro ogni volta che le infilavo il cazzo dentro. In caso contrario, sarebbe stata spinta in avanti sul tavolo ancora più in là. Alla fine, le ho semplicemente tenuto le gambe e lei le ha allungate dritte dietro di sé.
Era una sensazione leggera e fragile contro il mio corpo grande e forte. Ho speronato tutti i 9 "in profondità dentro di lei, tutto il suo corpo si è teso mentre gridava:" OMG! FUUUUUUUUUUCCCCCCKKKKK”, a causa della continua intrusione nella sua figa stretta. .”Oh cazzo sì piccola….fottimi con quel grosso cazzo duro. Voglio che mi spacchi". . Non ho aspettato che la sua figa stretta si adattasse. Stavo speronando violentemente nella sua figa. Era così fottutamente stretta e chiusa intorno al mio cazzo.
Entrambi abbiamo iniziato a macinare i nostri corpi il più forte e veloce possibile l'uno contro l'altro. I miei fianchi sbattevano forte e in profondità contro il suo corpo snello, impalandola in profondità sul mio cazzo. Maria lavora ansiosamente per riempire la sua fica stretta con il mio cazzo più forte che poteva. . .In pochi minuti Maria stava esplodendo in orgasmi sul mio cazzo, urlando "OHHH! OHHH!! UUHHH! OHHH! UH-UH-UH-UUUHHHHHOOOOOOOOO!!!!" La sua figa si strinse come le mascelle di un pitbull, rifiutandosi di lasciarla andare. È stata la scopata più stretta che ho avuto da un po' di tempo.
Sono stato contento di aver sborrato così forte prima, perché sono stato in grado di scopare questa dolce ragazza con tutto ciò che avevo. Mentre i suoi orgasmi continuavano a lacerare il suo corpo. Potevo sentire il dolore trasformarsi in piacere quando ha raggiunto il mio cazzo. Mentre gettava indietro la testa verso di me, le restituii il favore; la mia bocca si strinse forte al suo collo e le conficcai i denti. Si è dimenata sul mio cazzo grugnendo una varietà di oscenità, " FFFFFFFFUUUUUUUCCCCCCCKKKK! OMG! TU FFFUUUCCCKKKING BASTARDO! mentre i suoi orgasmi prendevano il sopravvento. La sua figa diventava sempre più stretta sul mio cazzo ad ogni spasmo, e sapevo che non potevo sopportare molto di più.
I miei rumorosi grugniti "UUUUUHHHH..UUUUUHHHH..UUUUUHHHH" sono stati seguiti da un flusso dopo l'altro di sperma che la riempiva. Ho rallentato il ritmo in modo che ogni volta un altro flusso di sperma la riempisse. Continuo a speronarle il mio cazzo. Entrambi gemiamo al potere delle mie spinte, i nostri orgasmi si stanno esaurendo lentamente. Rimango dentro di lei fino a quando l'ultimo rivolo di sperma scorre dal mio cazzo. Maria strinse i muscoli della fica per drenarmi completamente.

"Sfregati il ​​clitoride. È ora di venire." Ero di nuovo dentro di lei. Maria si strofina volentieri il clitoride e si appoggia al tavolo.
La sensazione di scopare il piccolo culo vergine e stretto di una giovane donna è indescrivibile. Il mio cazzo duro gocciolava con i suoi succhi, quindi sarebbe bastato come lubrificante. Le ho afferrato i fianchi assicurandomi che il suo culo fosse nella posizione giusta e le ho aperto le guance brutalmente mentre lei gridava "AHI! OMG! NON FERMARSI PER FAVORE! ". Quando ho strofinato la testa del mio cazzo contro il suo piccolo ano stretto e increspato, si è scatenata, lottando contro di me con vigore mentre urlava suppliche disperate "STOP! STOP! NOOOO! NOOO! ". Risi, osservando le sue patetiche lotte, ascoltando le sue urla.
Be', non è un momento migliore del presente. Ho allineato il mio strumento duro e mi sono appoggiato con forza, spingendo la testa gonfia contro l'anello di resistenza. Il suo intero corpo si tese, nel tentativo di resistere all'imminente impalamento con tutte le sue forze. Ho esperienza nel scopare un culo stretto, per sapere che vincerò questa battaglia. Spingendo forte, ho dovuto aggrapparmi al mio cazzo per evitare che le scivolasse via dal culo. Si dimenò, strinse lo sfintere e grugnì per lo sforzo mentre la mia testa di cazzo combatteva contro il suo anello di resistenza. Sentivo che l'anello stava iniziando a cedere, anche se leggermente.
Anche lei poteva percepirlo, e iniziò a gridare "OMG! STOP! STOP!" per lo sforzo e la paura mentre l'anello iniziava lentamente a perdere la battaglia. Ho spinto un po' più forte e all'improvviso il suo ano ha perso la battaglia e si è aperto quando la mia testa di cazzo ha fatto irruzione. Il suo intero corpo tremava, la testa tornava indietro mentre emetteva uno strillo agonizzante "OMG! AAAAAGGGG!" quando il suo ano è stato costretto ad allargarsi di quanto non fosse mai stato in vita sua.
Era scioccata e rabbrividita mentre cercava di scrollarsi di dosso il dolore dal suo corpo, ma non riusciva a liberarsene.
Il dolore stava per peggiorare... molto peggio. Una volta che la testa era dentro, era l'inizio della fine poiché ora potevo spingere centimetro per centimetro, lentamente nel suo retto mentre lei aveva le convulsioni e ululava "OMG! OMG! OHHH! OHHH!! UUHHH! OHHH! UH-UH- UH-UUUHHHHHOOOOOOOOO" dal dolore mentre il suo retto era allungato e forzato ad aprirsi profondamente dentro di lei. Alla fine ho ottenuto il mio intero albero, le mie palle appoggiate contro il suo culo. Il suo sfintere traumatizzato si strinse e si convulse attorno alla base del mio duro strumento. Era così fottutamente fantastico, così incredibilmente stretto. La violazione del suo corpo, con la mia testa di cazzo nelle sue viscere, è stata per me pura estasi come è stata un'agonia per lei. Era pazza per il dolore, per l'asta d'invasione che le allungava le viscere.
Mi sono tirato indietro e poi l'ho spinto dentro di nuovo, provocandole folli convulsioni e rumori acuti " OHHH! OHHH!! UUHHH! OHHH! UH-UH-UH-UUUHHHHHOOOOOOOOO!!!!" . Il suo culo ha costretto le mie spinte a essere lente, poiché ha resistito a ogni centimetro del mio albero. Presto sarebbe cambiato. Ho iniziato a speronare come un battipalo il suo "AAAAAAAAAHHH, OWWWWWW", mi sta strappando, tiralo fuori, non spingerlo dentro ", ha urlato. Ho iniziato a far entrare e uscire il mio cazzo, con lunghe spinte profonde mentre urlava "AAAAAAAAAHHH, OWWWWWW" e ho pianto. Ho speronato i miei fianchi contro il suo culo con spinte ripetitive, WAP! WAP! WAP! WAP! picchiandola. Le sue natiche e le sue cosce continuavano a tremare in risposta alla violazione del suo culo.
Ha lottato all'infinito. Le sue grida erano pietose "AAAAAAAAAHHH, OWWWWWW". Ho continuato a sbattere il mio cazzo nel suo retto stretto mentre lei ululava "OHHH! OHHH!! UUHHH! OHHH! UH-UH-UH-UUUHHHHHOOOOOOOOO!!!! "AAAAAAAAAHHH, OWWWWWW" , ancora cercando di dimenarsi, ma senza riuscirci . Dopo altri 10 minuti, sento il mio orgasmo arrivare e mi piaccio in profondità nel suo buco del culo che si stringe mentre lei tende tutti i muscoli del suo corpo. Vengo con potenti getti di sperma che le sparano in profondità mentre grida ad alta voce. " OHHH! OHHH!! UUHHH! OHHH! UH-UH-UH-UUUHHHHHOOOOOOOOO!!!! "AAAAAAAAAHHH, OWWWWWW" Quando ho finito, lo tengo lì per qualche altro minuto, quindi lo tiro fuori. Poi era finita. "Vaffanculo," disse Maria con voce stanca.
"Dove devo firmare?" "Quando inizierai il progetto?" " Non vedo l'ora di lavorare con lei."

Storie simili

Tesoro parte 3

In questa parte ho cambiato il mio stile di contorcersi. PS Mi piacerebbe sapere chi è la tua ragazza preferita, quindi per favore commenta. 'bussare' 'bussare' 'bussare' John si svegliò di soprassalto, dimenticando per un istante dov'era. Poi l'ha sentito di nuovo. 'Knock' 'Knock' 'Knock' ma questa volta è stato accompagnato da una voce dolce e salata, “servizio in camera”. Era Rosa. John si tolse le coperte dalla testa in tempo per vederla aprire il suo vestito da cameriera con un vassoio di pancake e sciroppo. Vedendo che John era alzato, Rose fece uno dei suoi allettanti sorrisi e si diresse...

1.1K I più visti

Likes 0

Lo Studio xxx

Arthur era il proprietario di 20 anni di uno studio porno, sua madre Sonia era attualmente a carponi leccando la figa della sua ragazza di 19 anni Betty Rogers, amava girare film lesbici ed era il suo più grande produttore di soldi. Anche Arthur aveva un segreto: era un maestro ipnotizzatore. Quindi sia sua madre Sonia che la sua ragazza Betty erano sotto il controllo mentale (suo). La mamma ora era un'esperta lecca fica, quando è stata ipnotizzata 3 mesi fa ha dovuto essere addestrata, da allora è apparsa in oltre 15 film lez, inclusa una coppia in cui recitava con...

1.1K I più visti

Likes 0

Il dominio finanziario di Steven Miller

Capitolo 1: Riparazioni Per la maggior parte dei bianchi, la loro risposta istintiva e condizionata alla semplice menzione della parola riparazione è gridare: La mia famiglia non ha mai avuto schiavi. Non pago alcun risarcimento! Voi neri dovete semplicemente superarla, la schiavitù era nel passato, lasciate perdere, per l'amor di Dio. Per Werner Steven Miller, Steven per molti, le sue percezioni erano completamente opposte. Steven aveva un desiderio radicato e irresistibile di pagare per i peccati del suo ipotetico padre; desiderava essere il cattivo animale domestico di una sadica dea d'ebano che lo avrebbe sottoposto alle sue richieste erotiche. Dato che...

940 I più visti

Likes 0

L'ascesa e la caduta di un ragazzo chiamato Rave parte 6

Affrontare la frustrazione sessuale Avevo 13 anni e mi odiavo ma non odiavo la mia vita. Avevo una ragazza che mi amava, la rispettata della mia banda, la paura dei miei nemici e più soldi di quanti ne avessi mai visti. Erano passati più di sei mesi da quando avevo conosciuto la vera fame, avevo un gruppo di amici che sarebbero andati al muro per me, avrei potuto fare sesso con una dozzina di ragazze diverse se avessi voluto, e non vivevo più nella paura i miei impulsi violenti potevo assecondare alcuni e ora potevo reprimere gli altri. Tutta questa nuova...

1.6K I più visti

Likes 0

Sabato pomeriggio_(0)

Come pretesto: questo è tutto vero al 100%. Nessun abbellimento, nessuna esagerazione e nessuna componente di fantasia. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che avevo visto Jim. Non parlavamo più come prima. Ci frequentavamo da adolescenti. Bevi qualche birra, mettiti a nudo. Per lo più esperimenti adolescenziali. Stavamo chattando online e all'improvviso mi ha detto Voglio venire a trovarti, è passato troppo tempo. Non ne ero sicuro, ma aveva ragione, era passato molto tempo. Aveva sempre avuto una certa presa su di me. Non posso spiegarlo. Ma da adolescente, aveva sempre amato venire su tutto il mio viso, pulirlo...

934 I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

906 I più visti

Likes 0

Una lezione per Liz

Capitolo 1 Sam e sua sorella minore Liz si sono incontrati per un caffè un pomeriggio di quest'estate. Sam e Liz non erano mai stati molto legati, soprattutto perché Sam aveva 11 anni in più di sua sorella minore Elizabeth o Liz, come le piaceva essere chiamata. Non si vedevano da un paio di mesi eppure vivevano nella stessa città. Sam era il tipo che ha lasciato che la sua carriera guidasse la sua vita e non si era mai sposato o si era sistemato davvero. Avrebbe avuto una ragazza occasionale, ma non ne è mai venuto fuori nulla e gli...

1.1K I più visti

Likes 0

Diventare Omega, parte 4

Diventare Omega, parte 4 Uomini intorno a lei. Lei, nuda e col colletto sul pavimento, le labbra ringhianti e gli occhi svolazzanti. La droga le scorre nelle vene e la fica palpitante. Telecamere intorno a lei, il mondo che guarda. L'avrebbero distrutta. Omega sentì il suo cuore saltare un battito e sapeva che, se tutto fosse finito adesso, lei sarebbe stata dove avrebbe dovuto essere. ___ Lei sorrise. I suoi occhi svolazzarono. Picchiami, sussurrò. Si fecero avanti, silenziosi. Mi ha picchiato, cazzo, ha urlato. Più vicino ora. Eppure, non hanno detto nulla. Uccidimi se vuoi. Loro hanno riso. Farà davvero qualsiasi...

884 I più visti

Likes 0

Il preside, capitoli da 1 a 11

Capitolo 1. L'opportunità e la configurazione. Mia moglie ed io abbiamo deciso di uscire dalla corsia di sorpasso del mondo high tech. Abbiamo avuto l'opportunità di accettare i lavori che ci sono stati offerti da un amico che sapeva che eravamo un po' esausti. Era nel consiglio di una scuola privata che si occupava di bambini o giovani adulti che cercavano di mettere insieme le loro vite. Era per coloro che avevano preso la decisione difficile di provare a ottenere un diploma di scuola superiore dopo gli scontri con la legge. Era una specie di collegio per malviventi. Dal momento che...

1.4K I più visti

Likes 0

Macinazione Nella Sabbia

Sono sdraiato sulla spiaggia a prendere il sole. La giornata non poteva andare meglio. Ero a migliaia di miglia dal lavoro, dal traffico dell'ora di punta, da chiunque conoscessi e non avevo niente in programma. Mentre guardavo le onde rotolare e tornare indietro, ho iniziato a pensare alla vita notturna qui. Non riesco a sedermi molto bene sulla spiaggia tutto il tempo. Voglio dire, l'ho adorato, ma avevo bisogno di farmi pompare il sangue. Un po' di eccitazione! Sono passato dalla reception del resort in cui alloggiavo e ho chiesto cosa facevano per passare il loro tempo. Non volevo andare in...

710 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.