Un sogno diventato realtà_(3)

639Report
Un sogno diventato realtà_(3)

Mi siedo da solo nella stanza d'albergo, aspettando nervosamente il tuo arrivo. Il mio cuore batte forte, la mia mente corre. Ho sognato questo momento fin dalla prima volta che ci siamo scambiati messaggi. Quel fuoco e quel desiderio per te bruciano incessantemente da quando ti ho visto per la prima volta e ho baciato le tue labbra carnose e sexy in quel parco. Mi è venuta l'acquolina in bocca per quel piccolissimo sapore che ho sentito dalle mie dita dopo averti fatto venire in macchina. Tutti questi pensieri insieme a milioni di altri derivanti dalle nostre numerose conversazioni mi attraversano la testa mentre aspetto il tuo arrivo.

Un colpo alla porta. Vado sull'attenti perché so che potresti essere solo tu. Il mio cuore batte ancora più forte di prima mentre giro la manopola.

Eccoti lì davanti a me con addosso solo un soprabito che ti ho chiesto (ascolti sempre quello che dice papà da brava ragazzina) che tu lo indossi senza niente sotto. Dio, sei così perfetto lì in piedi. Posso dire che anche tu sei nervoso, quindi prendi delicatamente la tua mano, ti tiro dentro e chiudi la porta dietro di noi.

Mi chino e bacio quelle labbra che mi sono mancate così tanto. Posso dire che sei ancora nervoso, quindi inizio a baciarti lentamente e delicatamente finché non sento che inizi a rilassarti in me. Sento le sue mani che iniziano lentamente a lavorare lungo la mia schiena finché non si appoggiano sul mio sedere. Lo prendo come un buon segno e comincio a fare lo stesso. Adoro la sensazione del tuo culo tra le mie mani. Riporto le mani sul tuo viso, le faccio scorrere tra i tuoi capelli e ti tiro dolcemente mentre iniziamo a baciarci un po' più forte. Le nostre lingue combattono tra loro mentre aumentiamo il ritmo.
Non ce la faccio più, quindi allungo la mano e slego il soprabito che indossi e te lo tiro sopra le braccia, fissandole leggermente dietro la schiena mentre faccio scorrere le labbra e la lingua lungo il tuo collo e giù fino a quelle bellissime tette e roccia capezzoli duri. Lievi gemiti sfuggono alle tue labbra mentre le mie labbra entrano in contatto con il tuo capezzolo. Lo succhio lentamente in bocca tirandolo dolcemente e poi mordicchiandolo, tu gemi ancora più forte. Le parole oh papà, per favore, sfuggono alle tue labbra, quindi ho morso un po' più forte. Aspiri aria nei polmoni mentre il piacere e il dolore rapidi e acuti prendono il sopravvento. Alzo lo sguardo per vederti mordere il tuo labbro inferiore sexy e so che ti piace.

Tolgo completamente la giacca liberandoti le braccia e le mani affinché tu possa finalmente usarle ma non interrompo mai il contatto con il seno destro e il capezzolo. Dopo aver tolto la giacca prendo tra le mani il tuo seno sinistro e stringo e tiro il capezzolo mentre continuo a succhiare e mordere quello destro. Dio, adoro il tuo seno, è tutto ciò che riesco a pensare. Potrei passare giorni interi a darti piacere semplicemente giocando con il tuo seno. Mentre continuo a passare avanti e indietro tra i capezzoli, le tue mani sono tra i miei capelli e mi attirano così forte contro di te mentre mi dici quanto è bello e quanto ti sto eccitando. Mi dici di mordere quei fottuti capezzoli, tirarli forte e stringerti le tette come un uomo. Dio, sai quanto mi ecciti quando parli in modo così dannatamente cattivo. Stai iniziando davvero ad aprirti con me. Le tue mani si spostano dalla mia testa verso la maglietta mentre me la infili sopra la testa. Mi stacchi la testa dai capezzoli mentre attacchi i miei. Morderli e far scorrere la lingua su di essi proprio come piace a me. Ti ho detto molte volte quanto mi piace essere morso al telefono e te lo ricordi mentre mi mordi i capezzoli e mi mordi il petto. Mordere e mordicchiare fino alla mia cintura. Stai diventando più aggressivo ora e oh, come lo adoro. Mi togli la cintura e la getti sul letto, mi sbottoni velocemente i pantaloni e li metti a terra insieme ai boxer con un solo movimento. Il mio cazzo duro balza in avanti proprio davanti al tuo viso e tu non esiti nemmeno ad avvolgere immediatamente le tue labbra carnose attorno alla testa. Dio, è così bello avere finalmente quelle labbra sexy avvolte attorno al mio cazzo. Lentamente muovi il mio cazzo sempre più giù in gola ad ogni movimento della testa finché il tuo naso non si appoggia contro la mia pancia e il mio cazzo è nelle palle in profondità nella tua bocca. Lentamente tiri indietro di nuovo in avanti, portando lentamente il mio cazzo fino in fondo con ogni movimento fluido. Rilasci il mio cazzo giusto il tempo necessario per guardarmi negli occhi e dire fanculo, papà, per favore. Vengo quasi all'istante solo per le parole che escono dalla tua piccola bocca sporca. Ti guardo negli occhi e ti dico sicuramente, tesoro, cosa vuole la mia sporca ragazzina, la mia sporca ragazzina ottiene. Quindi afferro due mani piene di capelli e inizio a martellarti il ​​cazzo in gola senza sosta e tu lo prendi tutto con questo sguardo di pura gioia negli occhi. Mi tiro fuori e ti dico di sputarmi sul cazzo, di bagnarlo bene e di lasciarti prendere il controllo per un po'. Mi hai detto molte volte che adori fare pompini sciatti, quindi ora ti guardo fare proprio questo. Lo sputo esce dalla tua bocca mentre allinei il mio cazzo così bene mentre lo succhi e lo accarezzi come un professionista.

Mi dici di andare verso il letto mentre ti lascio prendere il controllo. Mi spingi sul letto e mi dici di alzare il culo oltre il limite. Quindi inizi a succhiare entrambe le mie palle in bocca e ci passi sopra la lingua mentre mi accarezzi il cazzo con una mano libera e mi accarezzi delicatamente il buco del culo con l'altra. Dio, è così dannatamente bello. Abbassi la bocca sul mio culo e inizi delicatamente a sfiorare il mio buco con la lingua, io gemo forte e questo e ti dico quanto è fantastico. Mi dici che non ho ancora sentito niente. Poi acceleri il ritmo con la lingua mentre continui ad accarezzarmi il cazzo. Poi sento la tua lingua irrigidirsi mentre inizi a infilarmela nel culo e mio Dio, quasi mi manda oltre il limite. Avevi ragione, non avevo ancora sentito nulla. È stato fantastico. Ti avevo detto che avevo un po' di feticismo per il buco del culo perché amo scopare con la lingua e giocare con il buco del culo di una donna, ma questa è la prima volta che mi viene fatto ed è meglio di quanto potessi mai immaginare. In effetti, è così bello che devo tirarti su di dosso prima di scaricarmi troppo presto. Voglio che duri qualche ora, non qualche minuto, e posso già dire che sarà una lotta con te.

Tocca a me farti piacere, dico. Mi alzo e ti spingo sul letto un po' violentemente. Mi metto a cavalcioni su di te e ti fermo le mani sopra la testa e inizio immediatamente ad aggredirti di nuovo i capezzoli. Mordirli, tirarli e torcerli mentre ti dimeni di piacere sotto di me. Mi siedo su di te e ti colpisco prima il seno destro e poi quello sinistro. Ti mordi ancora una volta il labbro per trattenerti dall'urlare di piacere. Ti chiedo se ti piace e tu dici che lo amo di più papà la prossima volta (anche se non siamo padre figlia, adori quando ti chiamo la mia sporca ragazzina e adoro quando mi chiami papà) quindi questa volta io colpiscili più forte e gemi forte e ripeti così lo faccio di nuovo, questo mi eccita così tanto che ami il dolore e il piacere tanto quanto me. Ti afferro immediatamente per le ginocchia, ti apro le gambe e seppellisco la faccia nella fica che desidero da tanto tempo assaggiare. Non sono rimasto deluso. Hai un sapore ancora migliore di quanto avrei mai potuto immaginare. Mi ci immergo subito. Leccando, succhiando e facendo del mio meglio per farti venire sulla mia faccia il più velocemente possibile. Allungo la lingua e la faccio scorrere sul tuo clitoride extra large. Salti di piacere e dici succhiami il clitoride, papà, per favore, ho così tanto bisogno di venire. Ti tiro subito il clitoride tra le labbra per succhiarlo mentre infilo un dito nella tua figa calda e bagnata per massaggiarti il ​​punto G. Inizi a sbattermi contro la faccia dicendo: scopami la figa con le dita, papà, mi stai succhiando il clitoride così bene, papà, sto per venire per te, papà, per favore, non fermarti. Ooooooohhhhhhh fffffffffuuuuuuucccccckkkkkkk yyyyyyyeeeesssss urli mentre la tua figa mi premia con uno spruzzo potente dopo l'altro di quel gustoso succo di figa nella mia bocca e su tutta la faccia. Non ti do nemmeno il tempo di scendere dal tuo orgasmo mentre faccio scivolare due o tre dita dentro di te e faccio scorrere forte la mia lingua sul tuo clitoride gonfio. Vieni di nuovo così forte quasi immediatamente mentre urli continuamente, per favore, non fermare papà. La tua figa manda uno zampillo dopo l'altro ad ogni spasmo della figa. Ho appena fatto scivolare un altro dito dentro di te, che fa quattro dita dentro, per quanto riesco a metterle in bocca, ancora sul tuo clitoride, poi ti sorprendo mentre faccio scivolare un dito dalla mia mano libera nel tuo piccolo buco del culo destro. Lavoro entrambe le mani avanti e indietro dentro di te e ti tocco il clitoride e tu continui a gridare di piacere mentre sei in uno stato costante di orgasmo ormai per circa un minuto intero. Mi prendi per la testa e mi allontani dicendo che non ne puoi più adesso.

Mentre mi sollevi la testa, il succo della fica mi scorre lungo il viso e mi scende dalla barba mentre mi lecco le labbra e mi frusto la faccia. Dio, quanto era caldo è tutto quello che posso dire. Dimmi quanto è stato fantastico e che non sei mai venuto così forte per così tanto tempo in vita tua. Faccio l'occhiolino e dico che non hai ancora sentito nulla. Aspetta solo più tardi, dico mentre iniziamo a ridere l'uno dell'altro.

Mi guardi e dico ancora il mio turno. Mi giri sul letto, mi strisci sopra e inizi a baciarmi e a leccarmi il succo dalle labbra e dal viso. Dio, è così sexy, è tutto quello che riesco a pensare. Niente di più piccante di una donna che ama assaggiare il proprio succo. Ti alzi e passi la tua figa proprio sopra il mio cazzo. Ti metti in mezzo a noi e punti il ​​mio cazzo dritto verso la tua apertura. Non vedo l'ora di sentire che cosa dici e dico che non posso farlo neanche io. Sogno questo giorno da così tanto tempo. Come ti sentirai ad avere le palle nel profondo di te. Ti abbassi lentamente su di me e mentre la testa scompare dentro di te un gemito esce da entrambe le nostre bocche. Lentamente lavori su e giù, prendendone un po' ogni volta finché non ti siedi completamente sulle mie ginocchia. Ti fermi per un minuto mentre sento la tua figa contrarsi e stringere il mio cazzo. Accidenti, è così bello. Lentamente ti alzi e questa volta mi sbatti la figa addosso ed entrambi gemiamo forte. Mi allungo e afferro entrambe le tue tette e le stringo mentre aumenti il ​​ritmo, lavorando la tua figa sul mio cazzo sempre più velocemente. Entrambi respiriamo, gemiamo e parliamo di merda l'uno con l'altro mentre tu urli che sei deciso a venire di nuovo. Sentendo questo, ti afferro per i fianchi e inizio ad incontrarti a metà strada mentre il mio cazzo si sbatte contro così forte e veloce. Mi tiri il cazzo e mi schizzi dappertutto sul cazzo e sulle palle. Lo sento scorrere lungo le mie palle e giù nel letto, schizzare dopo schizzare su tutto il mio cazzo ed è una sensazione fantastica.

Ti giro velocemente e ti metto le caviglie intorno alle orecchie e sbatto le palle del mio cazzo dentro di te in un unico movimento. Urli con "per favore" e dici "vaffanculo, papà", scopami così forte e profondo, per favore, ne ho bisogno, fammi venire sul tuo cazzo. Faccio quello che mi viene detto e mi sbatto nella tua figa con forza e velocità. Ti chiedo se ti piace il modo in cui papà scopa la tua piccola figa stretta e tu dici sì, papà, dammi tutto quel cazzo. Sudoku Sento la tua figa stringersi sul mio cazzo e so che stai venendo, quindi tira fuori il mio cazzo mentre la tua figa schizza in alto nell'aria colpendomi sul petto e correndo giù, poi molti altri piccoli schizzi atterrano sul mio cazzo.

Il mio turno è tutto ciò che dici facendomi rotolare di nuovo sulla schiena mentre mi metti a cavalcioni di nuovo, questa volta a cavalcioni della mia faccia, cosa che adoro. Abbassi la tua figa sulla mia faccia e inizi a macinare avanti e indietro. Parlarmi di merda tutto il tempo. Mi chiedi se mi piace il sapore della fica delle mie sporche ragazzine ben scopate, ti afferro il culo e ti tiro giù anche stretto sulla mia faccia. Mi dici di leccare quel grosso clitoride così puoi venirmi in faccia e mi viene detto. Bastano pochi colpi della mia lingua prima che tu mi sollevi in ​​modo incontrollabile su tutto il viso e mi strizzi la bocca riempiendola. Ingoio tutto quello che posso e il resto mi si riversa in faccia. Dici che è tutto, papà, bevi il mio succo di figa, sai che lo adori. Poi ti alzi sul letto, incombendo ancora su di me e dici che ho una sorpresa per papà, spero che ti piaccia proprio mentre ti abbassi e allarghi le labbra della figa e la pipì inizia a fuoriuscire nel mio petto. Sono quasi arrivato sul posto. Ne abbiamo già parlato ma non avrei mai pensato che la mia fantasia si sarebbe avverata. Inizi a ridere quando vedi lo shock e la sorpresa sul mio viso mentre continui a pisciarmi sul petto e sul collo. Mi chiedi se a papà piace la sua sorpresa e io dico diavolo sì, papà la adora. Mentre continui a pisciare mi chino verso di te per avvicinarmi al ruscello. Mi oppongo completamente alla tua spinta per sentirlo da vicino. Lascio che mi colpisca il mento e scenda lungo il petto. Poi, mentre il tuo flusso sta morendo, metto la mia bocca sulla tua figa e sopra il flusso e ti lecco il clitoride mentre finisci, il che ti manda in un altro orgasmo quasi immediatamente. Con le gambe che tremano Ti aiuto lentamente a tornare a letto mentre ci baciamo in modo così profondo e appassionato. Ti guardo e ti dico grazie tesoro, sai che è qualcosa che ho sempre desiderato provare e tu hai reso la fantasia una realtà, quindi grazie per questo. Guardi in profondità e nei miei occhi e dici il tuo benvenuto papà, dopo tutto questo è ciò che sento per trasformare ogni tua fantasia in realtà.

Mentre siamo sdraiati lì, guardandoci l'un l'altro, passandoci le mani sui corpi e riprendendo fiato, non posso fare a meno di chiedermi quanto sono stato fortunato a imbattermi nel suo profilo. E quanto sono stato fortunato che tu abbia risposto alla mia email. Da tutto ciò di cui abbiamo parlato mi sembra di conoscerti da anni ma erano solo mesi. Abbiamo così tanto in comune sessualmente che è quasi spaventoso. Peccato che non avremmo potuto incontrarci prima di sposarci. Ma in questo momento, posandola, baciandole le labbra e facendo scorrere le mie dita lungo il suo viso e lungo il suo corpo, sono semplicemente felice che ci siamo ritrovati e che finalmente fosse arrivato il momento giusto per trascorrere del tempo privato insieme. Mentre continuiamo a baciarci e le cose iniziano a scaldarsi, la guardo negli occhi e dico, è il mio turno di far sì che alcune fantasie diventino realtà. E con uno sguardo di pura lussuria sul viso ha detto: cosa hai in mente papà?

Ricordi prima quando ho detto che non hai ancora sentito nulla? Apro la borsa e prendo una bottiglia di lubrificante consigliata dalla donna del negozio di libri per adulti. Tu dici "perché" io ti dico di rilassarti e divertirti. Mi sono ricordato durante le nostre conversazioni che hai detto che hai sempre desiderato essere preso a pugni, quindi immagino che non ci sia momento migliore del presente per almeno lavorarci. Uno dei motivi per cui prima ti ho messo 4 dita dentro era per vedere se fosse possibile e sono abbastanza sicuro di poterlo fare. Metto molto lubrificante sulla tua figa già fradicia e poi una grande quantità sulla mia mano e inizio a strofinare la mano contro la tua figa per distribuire bene il lubrificante. Poi ho fatto scivolare prima due dita per aiutare a diffondere il lubrificante all'interno. Poi arriva il terzo dito, ti chiedo se stai bene e tu hai detto sì, papà, metti dentro un altro dito, ancora una volta faccio come desideri e aggiungo il mignolo per il numero 4. Mi prendo il tempo di lavorare dentro e fuori le quattro dita lentamente e diventando ogni volta più profondo. Una volta che ho raggiunto tutte e 4 le dita il più in profondità possibile, utilizzo la mano libera per aggiungere altro lubrificante sulla parte superiore della mano e sull'area del pollice. Tutto lubrificato ti chiedo se sei pronto e tu hai detto sì, papà. Infilo il pollice sotto le altre dita e inizio a lavorare dentro e fuori. Sento che la tua figa inizia a rilassarsi mentre spingo più in profondità. Ora arriva la parte più difficile, superare le mie nocche. Ti porto fino al punto più ampio e ti chiedo se stai bene e lo sguardo di puro piacere sul tuo viso e i gemiti che escono dalla tua bocca mi dicono che sei pronto. Spingo un po' più forte e scivola oltre il punto più largo e la mia mano scompare lentamente nella tua figa mentre gemi profondamente. Resto fermo per un secondo poi inizio a torcere il polso, cosa che ti manda oltre il limite, urli ancora di più mentre inizi a schizzarmi su tutto il braccio. Ora che ti ho sciolto e acceso, comincio lentamente a far entrare e uscire la mano poco a poco finché non riesco a tirare fuori completamente e spingere indietro fino in fondo. Applico più lubrificante mentre sto per raccogliere alzare un po' il ritmo. Mentre infilo il mio pugno dentro di te fino al polso, urli "fanculo, sì, papà". Mi tiro fuori e poi torno indietro più velocemente dentro e fuori più dentro e fuori. Ti stai agitando e gemendo in modo incontrollabile mentre ti sbatti nel mio pugno. Urli più forte, papà, più veloce, papà, fai venire la tua sporca ragazzina sul tuo pugno. Scopami con un pugno, papà oooooooohhhhhhhh ggggooooodddddd yyyyyeeeeeessss Sto venendo così forte per te papà, non fermarti papà, scopami con un pugno la mia piccola figa sporca papà oooooooohhhhhhhh ggggoooooodddddd ddddddaaaadddddddyyyyyy Sto venendo di nuovo, non riesco a fermarlo papà. Proprio in quel momento alzo lo sguardo mentre ti afflosci e vedo che sei svenuto dal piacere.

Tolgo il mio pugno dalla tua figa inzuppata di sperma da dove hai spruzzato secchi dopo il tuo primo fisting. Mi sdraio accanto a te baciandoti la guancia e la fronte finché non inizi a riprenderti. Mi guardi negli occhi e mi chiedi cosa è successo? Ti ho detto che sei svenuto, hai detto papà che non sono mai svenuto per aver svenuto così forte prima. Mi guardi profondamente negli occhi e mi ringrazi per aver reso realtà quella fantasia per te. Ti bacio appassionatamente e poi ti dico il benvenuto, tesoro. A dire il vero, è sempre stata una mia fantasia dare un pugno a una donna, quindi abbiamo ucciso tutti con una fava.

Ci stiamo lavorando da più di un'ora ormai. Mi alzo per andare a bere un bicchiere d'acqua. Ti chiedo se vuoi qualcosa da bere hai detto sì papà. Vado in bagno per fare una pipì veloce prima di prendere un po' d'acqua. Proprio mentre sollevo il coperchio, arrivi dietro di me e raggiungi il mio cazzo. Ti chiedo cosa stai facendo, hai detto che ti avevo detto che volevo qualcosa da bere. Vedi lo shock e la sorpresa sul mio viso perché sai che è qualcosa che ho sempre desiderato. Metti un asciugamano sul pavimento del bagno mentre ti inginocchi davanti a me. Lo shock di tutto questo mi ha improvvisamente fatto venire la paura del palcoscenico. Lo percepisci, allunghi la mano e inizi ad accarezzarmi il cazzo delicatamente, come se cercassi di mungermelo fuori. Appoggi la testa e inizi a succhiarla delicatamente. Questo è tutto ciò che serve, ti dico che ho intenzione di pisciare, tesoro, mentre ti appoggi allo schienale e dici pisciami addosso, papà, per favore. Prendi il mio cazzo e lo punti al capezzolo destro mentre la pipì inizia a scorrere. Passi avanti e indietro tra i capezzoli per un po', poi mi dici di fermare il flusso e io faccio come mi viene detto. Ti sdrai sul pavimento, apri le gambe e la figa e dici "riempimi, papà". Restando in piedi, miro al meglio che posso e inizio a pisciare sulla tua figa pelosa e sul tuo grasso clitoride. Gemi mentre lo faccio e dici che è così, scarica quel cazzo di piscio sulla mia figa, papà. Diventa sempre più difficile mantenere attivo il flusso ora perché il mio cazzo è così duro da vedere quanto piacere stai ricevendo da questa pioggia dorata. Mentre il ruscello inizia a rallentare fino a diventare un rivolo, ancora una volta ti metti in ginocchio e ti appoggi a me. Ho detto, sei sicuro, tesoro, sì, papà, ti ho detto che volevo qualcosa da bere, questo è quello che hai detto mentre ti chinavi e prendevi il mio cazzo in bocca. Gemi mentre la pipì calda ti colpisce la lingua. Lasci che ti riempia la bocca, poi ti appoggi all'indietro e lasci che fuoriesca dalla bocca e scenda lungo il tuo corpo. Una volta che hai la bocca vuota ti pieghi per finire gli ultimi schizzi di pipì che apri la bocca per mostrarmi e poi ingoi come la ragazzina sporca che sei. Mi abbasso e ti faccio alzare in piedi per darti un bacio profondo e appassionato, più profondo di qualsiasi cosa abbiamo condiviso tutta la notte. Il sapore della mia pipì è ancora sulle tue labbra e lo adoro.

Non ne posso più, ho bisogno di stare dentro di te. Basta passione, è ora di scopare e scopare forte. Ti prendo la mano, ti conduco al letto e ti piego sopra. Ti chiedo se sei pronto per essere scopato e tu rispondi sì, papà, scopami, per favore, scopa la tua sporca ragazzina. Ti schiaffeggio prima la guancia destra e poi la sinistra piuttosto forte e tu strilli e con mia sorpresa dici più forte papà. La prossima volta ti colpirò il culo molto più forte e un gemito profondo ti sfugge dalle labbra e dici più forte. Ti ho dato un colpo sul culo così forte che mi ha punto la mano e tu gemi di nuovo e dici, per favore, scopami adesso, papà. Mi infilo il cazzo nelle palle in profondità senza nemmeno esitare. Gridi in estasi. Ti colpisco così dannatamente forte e veloce. Le mie palle sbattono contro il tuo clitoride ad ogni spinta. Ti piace quel bambino? Ti piace papà che sbatte quella figa da dietro? Ti piace che papà ti scopi forte e profondo? Yyyyyyyeeeeeessss dddaaaddddddyyyy è tutto ciò che puoi dire ancora e ancora. Sento la tua figa stringersi attorno al mio cazzo e so che stai per venire così forte per me. Tira fuori papà, è quello che hai detto prima di esplodere su di me e sul pavimento. Uno spruzzo dopo l'altro ti sfugge dalla figa mentre vieni così forte per papà. Non appena smetti di squirtare infilo di nuovo dentro il mio cazzo e non passano nemmeno trenta secondi e dici di tirarlo fuori di nuovo mentre mi vieni di nuovo addosso. Ancora una volta infilo di nuovo il mio cazzo dentro di te e ricomincio da capo. Questa volta riesco a riempire il mio orgasmo che si avvicina. Mentre le mie palle si stringono e raggiungo il punto di non ritorno, ti dico che sto preparandomi a venire per te, tesoro. Dici subito vieni per me, papà, riempi questa figa sporca. Vieni con me papà, per favore. Questo è tutto ciò che è servito. Ho infilato le palle del mio cazzo in profondità un'ultima volta mentre una corda dopo l'altra di sperma lascia le mie palle e riempie la tua figa mentre sento che ti contrai intorno a me dal tuo stesso orgasmo. . C'è così tanto sperma che inizia a fuoriuscire dai lati e a correre lungo la tua figa. Continui a urlare oh mio Dio, papà, è così dannatamente bello quando scendi dal tuo orgasmo.

Dopo che i nostri orgasmi si sono calmati, tiro fuori il cazzo e guardo mentre entrambi i nostri succhi iniziano a finire. Ti giro immediatamente, allargo le gambe e mi tuffo. Vado a lavorare sul tuo clitoride mentre faccio scivolare 3 dita dentro con facilità e ti scopo con le dita la figa piena di sperma. Vieni velocemente e questo non fa altro che spingere fuori da te più del nostro succo che io lecco velocemente. Stai urlando oh mio Dio, è così dannatamente caldo. Leccalo lo sperma fuori dalla figa sporca della tua bambina, papà, leccalo pulito, papà. Tutto questo parlare non fa altro che stimolarmi, quindi succhio il tuo clitoride tra le labbra e accelero la velocità con le dita finché non vieni di nuovo. Rilascio il tuo clitoride, faccio scivolare fuori le dita e te le offro, le lecchi e le succhi avidamente mentre continuo a leccarti la figa il più pulita possibile.

Una volta che ti ho leccato la figa, mi sdraio sopra di te esausto mentre ci baciamo. Girandoci restiamo sdraiati a guardarci per un po' mentre riprendiamo fiato e sistemiamo i nostri cuori che battono forte. Mi guardi e alla fine viene pronunciata solo una parola, WOW è quello che hai detto. Abbiamo iniziato entrambi a ridere e ho detto AMEN.

Siamo entrambi un disastro appiccicoso. La stanza odora di sesso e piscio. Lo adoro. Grazie a Dio questa è una stanza d'albergo e non devo pulirla. Decidiamo di fare una doccia veloce prima di prendere strade separate perché il tempo sta per scadere. Ci siamo baciati e ci siamo messi le mani insaponate sotto la doccia e ti ho piegato per un minuto o due, ma questa volta abbiamo avuto solo questo tempo. Forse la prossima volta che ci incontreremo avremo più tempo per divertirci un po' sotto la doccia.

Ci baciamo prima di aprire la porta della stanza e ti accarezzo il sedere mentre usciamo. Alla prossima, tesoro mio. Papà non vede l'ora di scopare di nuovo la sua sporca ragazzina. Mi fai l'occhiolino e dici che ho qualche altra sorpresa per la prossima volta e poi sorridi. Io strizzo l'occhio e dico che papà lo fa, tesoro.

Continua............

Storie simili

Compagni di stanza

L'università è complicata indipendentemente dalle circostanze, ma per Nick Kotsopoulous è stato molto più difficile. Lasciando la sua famiglia e tutto ciò che aveva mai conosciuto, ha viaggiato per mezzo mondo per avere la possibilità di espandere i suoi orizzonti ottenendo il suo dottorato in inglese alla Yale University. La decisione è stata difficile da prendere, ma la sua famiglia sapeva bene quanto lei che per ottenere la migliore istruzione possibile e aprire molte porte di opportunità lungo la strada, doveva lasciare il suo paese d'origine e cercare una guida all'estero. Giovane e brillante, Nick è stato immediatamente accettato nel corso...

1.4K I più visti

Likes 0

Salvezza cap. 26 lezioni dolorose

Il vero capitolo 26. La signorina Hilda Ashton sedeva alla sua scrivania a rivedere i rapporti del nuovo arrivato, il il più recente è quello di Emily Ashby. Ricordava Emily dal lezione speciale che le ha dato durante la sua intervista, un avvertimento se nient'altro, ma comunque un'opportunità per godere del suo incantevole fascino. Dal rapporto di Emily, la signorina Ashton ha potuto vedere che si era sistemata bene e stava diventando un'abile e studiosa allieva, ma segretamente sperava che il bambino si sarebbe ribellato. Sono state costruite diverse stanze insonorizzate il seminterrato per correggere gli alunni ribelli. Mentre la signorina...

1.2K I più visti

Likes 0

The Breeders Life 6: La punizione è la vita

The Breeders Life 6: La punizione è la vita Per quelli di voi che sono troppo stupidi per ricordare tutto ciò che vi ho detto sulla nostra vita dopo la guerra. Eccolo in poche parole... se sei una donna fa schifo, se sei gay fa schifo, se ti rifiuti di giocare secondo le regole allora saprai cos'è il dolore. Questo è ciò che accade quando non rispetti. Al liceo avevamo un ragazzo nella nostra classe aveva quattordici anni quando è stato sorpreso a fare sesso con un insegnante maschio. Non che avesse una scelta secondo lui comunque. Le leggi sono comunque...

1.4K I più visti

Likes 0

Un compleanno incesto capitolo 15

Nota: ho studiato come un matto per questo capitolo cercando di entrare nella mente femminile, quindi fammi sapere come ho fatto. È il più lungo di sempre con 35 pagine, le donne mostrano i loro sentimenti più degli uomini, quindi ho dovuto scrivere di conseguenza. La storia è vista da Rita, in questo modo puoi vedere tutte le sue emozioni e cose del genere, e c'è una sezione in cui la vista è dalla mamma, così puoi vedere come funziona la sua mente astuta. Mi ci è voluto un po' per scrivere questo, ma è perché stavo lavorando ad altre storie...

1.6K I più visti

Likes 0

Mandi Parte 3

Era sabato. Finalmente ho potuto vedere Mandi e il suo corpo stupendo, oh quelle tette. Mi morsi il labbro mentre pensavo a lei. Oh merda, cosa avrei indossato? Balzai in piedi e guardai nel mio armadio, nient'altro che magliette e jeans. Niente di tutto questo era appropriato per un appuntamento. Sono sgattaiolato fuori dalla mia stanza e sono andato in camera di mia madre. Per fortuna se n'era andata. Ho aperto il suo armadio lentamente ed è stata la prima cosa che ho visto. Era appeso a circa tre quarti a sinistra nel suo armadio. Era uno splendido vestito di pizzo...

907 I più visti

Likes 0

Enormi tette messicane

Storia di Fbailey numero 392 Enormi tette messicane Camille era senza dubbio la ragazza più grande della mia classe. A quindici anni era una testa più alta della maggior parte dei ragazzi e le sue tette erano probabilmente più grandi di dieci ragazze messe insieme. Ho ammirato Camille dall'inizio della scuola, quando si è trasferita. Parlava un buon inglese e anche meglio lo spagnolo. Era una ragazza grande ma era anche carina. Aveva una grande pancia, un grosso sedere e tette ancora più grandi. Mi ha ricordato una versione più giovane e carina di mia madre. Un giorno ho avuto il...

1.3K I più visti

Likes 0

Il Bar_(0)

Sono entrato nel bar circa un'ora prima dell'orario di chiusura. Mi ero avvicinato al bar per prendere un drink quando la cameriera del bar fu chiamata dall'altra parte del bar mentre iniziava a mescolare il mio Jack e Coca-Cola. Ho guardato il suo culetto stretto ondeggiare lontano da me sotto i suoi lunghi capelli biondi e ho pensato che essere stata chiamata via prima che prendessi il mio drink non fosse una brutta cosa, il suo vestito nero attillato le aderiva così bene al culo che potevo vedere il suo perizoma. Quando la cameriera del bar è tornata ho visto che...

742 I più visti

Likes 0

Aspirante attrice - La storia di Chelsea parte 4 Il dilemma di Robs

Chelsea aveva un disperato bisogno di cazzo adesso e Rob intuì la sua opportunità, spostò Keira di lato e andò ad allineare il suo cazzo quando Micheal lo interruppe, Hai fatto bene, ma questo è mio, avrai sempre e solo quello che ti passo. Ora guarda mentre scopo tua sorella davanti a te. Puoi usare il tuo giocattolino quando ti senti in forma. Rob era devastato, aveva bisogno di scopare sua sorella in quel momento ma si ritrovò a obbedire, si mise di lato mentre il vecchio le si avvicinava alle spalle, allungandosi in avanti le tirò indietro i capelli con...

632 I più visti

Likes 0

Apparecchiare la prima tavola

Apparecchiare la prima tavola Darien Kingford sollevò la maniglia del telefono, premendo il pulsante lampeggiante della sua linea privata. L'ID chiamante mostrava un numero che non riconosceva. “Sì, ciao,” disse, quasi con un morso nella voce. «Salve, signor Kingford», salutò una ragazza. Bello parlare con te. Spero ti ricordi di me? Sono la ragazza il cui papà mi ha affittato a te tre settimane fa, e ti ho succhiato il cazzo e ingoiato tutto il tuo sperma. Hai detto che volevi stare di nuovo con me, quindi eccomi qui. Come sei stato? Di che diavolo stai parlando? “Vuoi che ti mandi...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia grande famiglia felice! (Parte quarta)

Perché dobbiamo andare a casa loro? Mi sono lamentato con mia madre mentre salivamo in macchina per andare a casa di mio cugino Jack e Mia. Perché tuo zio è via tutto il giorno oggi e hanno bisogno di qualcuno che si prenda cura di loro mentre la loro mamma è via a fare delle cose. Sarà solo per un po'. Ha detto mentre avviava la macchina, e stavamo arrivando. Andare a casa di mio cugino è sempre stato davvero fastidioso per me. Non mi dispiaceva stare con loro, soprattutto dopo la serata speciale a casa mia con Mia, ma a...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.