Avventure sessuali 3: La mamma dei miei amici

345Report
Avventure sessuali 3: La mamma dei miei amici

Le cose tra me e mia sorella sono cambiate dopo quella notte. Per i primi due giorni non mi ha parlato e poi non mi ha guardato negli occhi mentre mi parlava. Avevo paura che lo dicesse ai nostri genitori e l'ho pregata di non farlo. Dopo una settimana mi assicurò che non avrebbe detto nulla e che si era divertita ma sapeva che era sbagliato. Le ho chiesto se voleva farlo di nuovo prima o poi e lei ha detto di sì, ma non ancora.

Ma io e Carla era una storia diversa, scopavamo quasi ogni volta che potevamo, mentre andavamo a scuola in qualche bosco locale, mentre tornavamo a casa (nello stesso posto), nei fine settimana ci organizzavamo per incontrarci di notte e scopare e basta. Non ho rivelato ai miei amici cosa stavo facendo. Ho pensato che meno persone sapevano, minori erano le possibilità che fossimo scoperti. E hanno iniziato a fare schifo con me perché passavo sempre meno tempo con loro. Così un fine settimana decido di passare del tempo con i miei amici e di saltare il fine settimana con Carla.

Sabato mattina sono andato a casa di John (il mio compagno) e l'ho chiamato. Ho bussato alla porta e mi ha risposto sua madre. Ora, la mamma di John era una MILF, penso avesse la stessa età di mia zia Helen, circa 33 anni, era formosa e un po' grande in alcune zone e aveva delle tette grosse, non riuscivo nemmeno a indovinare di che taglia fossero ma entrambe le mie mani ne avrebbero coperto una, lei venne ad aprire in vestaglia, che stava ancora allacciando mentre apriva la porta
"Ciao John, c'è?" Ho chiesto nel modo più educato possibile, cercando di non fissare il suo corpo, che prima non avevo mai notato ma che da quando ho perso la verginità era diventato per me un'enorme attrazione.
"No, lui e alcuni amici sono andati in campeggio con suo padre" rispose dolcemente, i genitori di John erano divorziati da quando ricordo e ogni tanto lui andava a trascorrere i fine settimana con suo padre.
Ero sbalordito, non potevo credere che fossero andati in campeggio senza di me, quei bastardi, anche se in fondo sapevo che era colpa mia perché passavo così tanto tempo con Carla, ma questo significava che sua mamma era a casa da sola.
"Oh sì, mi ero dimenticato, non potevo andare" ho mentito "John ha detto che potevo prendere in prestito un gioco, va bene se vado nella sua stanza a prenderlo?"
"Certo" mi ha risposto e mi ha fatto entrare.

Corsi di sopra e nella stanza di John, presi un gioco e me lo infilai in tasca, mentre mi giravo per andarmene potevo sentire il mio cazzo iniziare a indurirsi. Scesi lentamente le scale e potevo sentire la madre di John in cucina, entrai e la guardai per qualche secondo prima che si accorgesse che ero lì. Lei mi ha chiamato in cucina e mi ha offerto da bere, ho accettato e mi sono seduta su uno sgabello, lasciando che il mio eretto premesse contro i pantaloni creando un evidente rigonfiamento.
"Quindi è da un po' che non ti vedo" disse "Pensavo che tu e John aveste litigato"
"No, signorina Kerman" ho risposto "Sono stato occupato"
"Per favore chiamami Sue" mi chiese porgendomi un bicchiere di succo d'arancia "e sei impegnata con cosa hai una ragazza?" mentre diceva questo la sua voce si spense quando notai che i suoi occhi avevano notato il mio rigonfiamento nei pantaloni, sentii un suo piccolo sussulto e cominciò a bere dal suo bicchiere.
"No, ho fatto sesso" ho detto con orgoglio e Sue quasi si è strozzata con il suo drink
"CHE COSA?" ansimò "Sei troppo giovane per fare sesso"
Ho riso, mi sono alzata dallo sgabello e mi sono diretta verso la mamma di John, "va bene, nessuno lo sa e non ho intenzione di dirlo a nessuno, niente" Sue sembrava scioccata
"con chi hai fatto sesso?" mi ha chiesto, ma io non ho risposto, invece l'ho baciata e ho messo la mano sul suo grande seno e l'ho stretto, ho sentito il suo bacio di rimando brevemente poi Sue si è allontanata da me e mi ha dato uno schiaffo in faccia, ho fatto un passo indietro con la faccia che mi pizzicava per l'impatto e mi sono voltato per andarmene sconvolto dal fatto che non fosse andata come volevo.
"Mi dispiace" ho sentito dire Sue e mi sono voltato per guardarla, lei ha messo la mano sulla mia guancia rossa e mi sono chinato per baciarla di nuovo ma lei ha girato la testa dall'altra parte.
"Penso che dovresti andartene" sussurrò. Lei si alzò e si allontanò da me appoggiando entrambe le mani sul bancone della cucina ma invece di andarmene io le andai dietro e premetti il ​​mio corpo contro il suo, il mio cazzo premeva contro il suo sedere con la stoffa dei miei pantaloni e la sua vestaglia impedendo il contatto. Ha girato la testa con rabbia ma io avevo già iniziato a baciarle il collo e la mia mano destra l'aveva avvolta attorno al davanti ed era scivolata dentro l'abito e stava toccando la sua figa sorprendentemente già bagnata. Ho sentito la sua mano afferrarmi il polso e all'inizio ha iniziato a provare a tirarmelo via, ma poi ha allentato la presa e ha iniziato a muovere il mio polso al ritmo che le piaceva
"Jay, non possiamo," gemette con una certa riluttanza
Mentre diceva questo, ho sollevato la parte posteriore della sua vestaglia, esponendomi il suo culo, le mie mani hanno cominciato a fare la loro magia sulla sua fica bagnata. Gettò indietro la testa e gemette ad alta voce. Le sue mani erano ancora piatte sul bancone della cucina mentre cominciava a girare il culo sulla punta del mio cazzo che ora sporgeva attraverso la patta dei miei pantaloni. Le ho messo una mano sulla spalla e con l'altra mano ho guidato il mio cazzo palpitante nella sua figa affamata. Mentre faccio scivolare il mio cazzo dentro, Sue emette un gemito tranquillo ma piacevole e allarga le gambe in modo da potersi abbassare di più sulla mia asta. Mi guardò da sopra la spalla.
"Prometti che non lo dirai mai a nessuno?" lei chiese
"Promettere!' ho risposto
Dopo aver sentito la mia risposta si è voltata e ha iniziato a muovere i fianchi in modo che la sua figa scivolasse su e giù sul mio cazzo duro.
"È passato così tanto tempo" la sentii mormorare tra sé
Ho iniziato ad aggiungere i miei movimenti ai suoi e la nostra spinta è diventata sempre più forte, i suoi succhi scorrevano sulla mia asta mentre la sua fica accettava con entusiasmo ogni pompata del mio cazzo. Poi si fermò e si sollevò usando una mano per tirarmi fuori il cazzo e si voltò verso di me. Si tolse la vestaglia e la lasciò cadere a terra e rimase nuda davanti a me. afferrandomi la testa tra le mani mi trascinò in un bacio appassionato con la lingua esplorando la mia bocca, i suoi seni schiacciati contro il mio petto, agganciando una gamba sopra una delle mie braccia si spostò e scivolò indietro sul mio cazzo, con un braccio attorno al mio collo e l'altra sul bancone dandole sostegno, iniziò a spostare il peso su e giù per la mia asta, avevo una mano che afferrava una guancia e un'altra che le afferrava il seno, sollevandolo in modo da poterle succhiare le tette. Ho sentito il mio cazzo gonfiarsi pronto a venire, quindi ho chiuso gli occhi, ho stretto i denti e mi sono concentrato sul trattenermi
"Hai intenzione di venire?" Ho sentito Sue ansimare mentre continuava a lavorare la sua figa sul mio cazzo
"Sì" sono riuscito a gridare
"Allora vieni tesoro" con questo mi sono rilassato e ho sentito le mie palle stringersi mentre il mio liquido caldo e appiccicoso penetrava in profondità nella figa della mamma della mia amica. Dopo un altro paio di pompate mi tirai fuori e feci un passo indietro. Potevo vedere il mio sperma gocciolare fuori dalla sua figa e lungo la gamba, Sue si stava massaggiando il clitoride e mordendosi il labbro, mi guardò con un luccichio negli occhi e poi un lento sorriso si insinuò sul suo viso
"Mi è venuta un'idea!" ha affermato prima di alzare la cornetta, l'ho guardata mentre componeva il mio numero, ero confusa, ho messo via il cazzo bagnato e mi sono allacciata i pantaloni.
"Ciao Jane, sono Sue, la madre di John" Ha detto, ero un po' spaventata mentre parlava con mia mamma, glielo avrebbe detto? non può esserlo, sarebbe più nei guai di me, non è vero?
"Mi stavo solo chiedendo" continuò Sue "Mark può dormire stasera, John sta facendo un pigiama party e guarderanno dei film e mangeranno pizza" mentì, ci fu una breve pausa mentre Sue ascoltava la risposta di mia mamma "Può benissimo" , Ok lo manderò a casa a prendere dei vestiti, ok ci sentiamo presto, ciao" Sue mise giù il telefono e si voltò verso di me.
"Bene" disse "prima torni qui, più ne potrai avere" indicò la sua figa e le sue tette. Non ho mai corso così veloce in tutta la mia vita. Corsi attraverso la porta d'ingresso, presi dei vestiti, li infilai in una borsa e corsi di nuovo a casa di John. Sono entrato e ho chiuso la porta dietro di me.
"Sono di sopra" la sentii gridare, corsi di sopra e andai nella camera da letto principale, dove Sue mi aspettava, con le gambe divaricate e ancora accarezzava il clitoride
"vieni a prenderlo" ordinò

(continua)
(se vuoi ascoltare la seconda parte)

Storie simili

Attraverso l'eternità (L'infinito) Libro 3 - Capitolo 12

Il Cavalierato Dopo quella maledetta serata, Noah non aveva fretta di uscire dai bagni, e il fatto di avere la stanza tutta per sé era una gradita serenità. Inoltre presto sarebbe tornato a vivere per strada, dove i bagni caldi erano pochi e rari. Era bello assaporarlo finché poteva, così come la sensazione di un'uniforme fresca. Si fermò nella sala mensa e prese del pane e una mela, poi tornò al suo dormitorio, dopo aver trascorso le ultime ore bramando la morbidezza del suo letto come una vecchia fiamma. Sembrava che non appena chiudeva gli occhi, si aprivano al suono di...

500 I più visti

Likes 0

Scottature inaspettate

Mi è sempre piaciuta la vita crescendo, mio ​​padre si era risposato dopo che mia madre era scappata con un altro ragazzo quando ero bambino e avevo una sorellastra molto sexy con cui andare con una matrigna follemente sexy. Ricordo che ogni volta che facevamo una festa in piscina invitavo tutti i miei amici a venire solo per vederla in bikini, poi quando la mia sorellastra avrebbe compiuto 18 anni sarei stato il ragazzo con cui i ragazzi avrebbero stretto amicizia solo per avere la possibilità di avvicinarsi a lei. Quello che non potevo dire loro era che vederla in bikini...

498 I più visti

Likes 0

La ciliegia di Internet

Ricordo di aver ricevuto il mio primo massaggiatore AOL quando avevo 11 anni. So che i computer non esistevano più da allora, ma ho vissuto una vita protetta ed era la prima volta che mia madre pensava di comprarci un computer. Non passò molto tempo prima che mi innamorassi di Internet e di tutto ciò che offriva. Tutto è iniziato quando mi sono annoiato e ho trovato un sito di giochi dove potevi giocare a giochi da tavolo e parlare con le persone direttamente online. La chat presto mi ha indirizzato alle chat room e a chiunque volesse parlare con una...

383 I più visti

Likes 0

Fratello adottivo nuova vita parte 1

Ciao, mi chiamo Shawn Roberts, ho 19 anni (compiego il 20 il 2 luglio), 5'10, afroamericano, con capelli corti e neri e occhi neri (marrone scuro ma sembrano neri come la pece). Ti racconterò una storia interessante su come è cambiata la mia vita sessuale durante il liceo. Ehi Shawn! Ho sentito una voce chiamare il mio nome da lontano mentre ero alle prove di pista. Ho guardato in lontananza e ho visto le mie 3 migliori amiche più vicine. Sono tutti ridicolmente stupendi (per fortuna). Ho finito il mio giro e ho attraversato il campo di calcio per vedere cosa...

328 I più visti

Likes 0

Una storia per donne

Prima di iniziare... Facciamo un patto. Se ami la mia storia, aggiungi SnapC. Desidero incontrare persone di mentalità aperta e amo condividere e ricevere foto. Affare? Utente: Kazaragh Le mie fantasie e desideri sono infiniti, tutti abbiamo voglie e feticci. Il piacere è la cosa più naturale che noi umani possiamo desiderare, e desiderare è umano. Lascia che la mia scrittura si imprima nella tua mente, prenditi il ​​tuo tempo per immaginarla e per gli anni a venire ricordala. Vi scrivo con il desiderio di condurvi in ​​un viaggio della mente tentando di prendere la lussuria dentro di me e mettendola...

2K I più visti

Likes 0

Ora è la tua occasione, ragazzo

Storia di Fbailey numero 415 Ora è la tua occasione, ragazzo La nostra famiglia è piuttosto unita e abbiamo sempre compagnia nei fine settimana. Papà è vicepresidente in un'azienda manifatturiera qui in città, mamma è segretaria esecutiva in un'altra azienda manifatturiera in città, e io ho quattordici anni e andrò al liceo in autunno. La terza media è un po' spaventosa per me. Essere un nerd informatico, vergine, e avere una grande casa nella parte migliore della città mi renderà sicuramente un bersaglio per gli atleti. Non vedo l'ora di farlo. La nostra camera familiare era il luogo d'incontro generale. Aveva...

903 I più visti

Likes 0

Il Bar 3

Questo posto ti stava facendo impazzire. Ti girava la testa. Stai bene? Mio Dio quella voce. Uno dei motivi principali per cui ti girava la testa. Questa donna. Il barista. La guardi profondamente negli occhi. Perso in una mente piena di pensieri sporchi. Il suo sguardo non lasciava mai il tuo e per i brevi secondi prima che tu parlassi, sembravano ore. “Sto bene,” dissi severamente. Si è avvicinata a te. Puoi fermarti in qualsiasi momento, disse Mila. Le sue morbide labbra a pochi centimetri dalle tue. Perché stava facendo questo? Doveva sapere che ti stava facendo impazzire. Le scosti una...

646 I più visti

Likes 0

Intervista con il demone tentacolo Capitolo 10: Trio

CAPITOLO 10: TRIO Lauren si è lanciata nel ruolo di troia insaziabile, ed è andata da Gruthsorik per una scopata tentacolare ogni giorno, a volte anche due volte in un giorno. Non passò molto tempo prima che prendesse due tentacoli ciascuno sia nel culo che nella figa ora nuda, e ne amasse ogni momento. Le piaceva molto lo sperma del mostro, usando le mani per toglierselo dal corpo e portarlo in bocca, a volte anche leccandolo dal pavimento. Di notte Lauren dormiva rannicchiata vicino al demone, spesso in uno stretto abbraccio tentacolare. Hanno sperimentato nuove posizioni. Lauren trovava che farsi scopare...

637 I più visti

Likes 0

Catturato Parcheggio I

Ho limitato la sezione dei commenti ai soli membri a causa di spammer e altri idioti. Non esitate a mandarmi i vostri commenti in PM. Fortunato Mann Catturato Parcheggio I Mi chiamo Jim e sono un poliziotto notturno di 30 anni in un grande complesso di magazzini. Parte dei miei compiti include il pattugliamento di un grande lotto dove molti dei camionisti che vengono ai magazzini lasciano i loro rimorchi vuoti. Il parcheggio per roulotte è di proprietà privata della società di magazzini. Essendo al di fuori della recinzione di sicurezza del magazzino, vi si accede dalla strada provinciale che lo...

667 I più visti

Likes 0

Il rapimento e lo stupro di Trac 1

Traci sta percorrendo un sentiero nel bosco appena fuori dalla sua città natale. È una bellissima ragazza nera che indossa un paio di pantaloncini corti bianchi, una camicetta nera, mutandine nere e reggiseno. Mentre percorreva il sentiero pensava al suo nuovo amico online in Texas. Gli aveva fatto sapere che voleva saperne di più sul BD/SM e gli aveva confidato che aveva fantasie di stupro che la rendevano molto bagnata quando ci pensava. Le aveva promesso di aiutarla a realizzare la sua fantasia se fosse venuta a trovarlo. Era talmente immersa nei suoi pensieri che non sentì i passi che si...

602 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.