Cappello da sole

623Report
Cappello da sole

Non avevo un caso da una settimana e la bottiglia di whisky si stava esaurendo. Il costante tamburellare della pioggia sulla mia finestra aveva provocato una perdita dal soffitto nel mio cestino della carta straccia, e stava iniziando a convincermi che dovevo tornare a casa presto quando vidi la sua sagoma balenare attraverso la finestra sulla porta del mio ufficio contro un fulmine improvviso. Mi misi a sedere un po', aggiustandomi la cravatta e il fedora fuori posto mentre lei girava la maniglia e apriva timidamente la porta. Ho visto la mia parte di ragazze che potrebbero far girare la testa o due, ma niente mi ha preparato per quello che ha attraversato quella porta.

La tesa del suo cappellino da sole viola chiaro entrò per prima, e lei se la tolse e la mise da parte mentre chiudeva la porta. Era chiaro che non aveva un ombrello e il suo cappello era fradicio quanto lei. L'ho guardata bene mentre si allontanava dalla porta e si avvicinava alla mia scrivania, respirando affannosamente come se stesse correndo. Indossava un prendisole color viola che si intonava ai nastri gialli del suo cappello, ma con la pioggia non scorreva come dovrebbe fare un prendisole; aderiva al suo corpo nudo come un sottile strato di vernice.

I suoi capezzoli si drizzarono contro il freddo ma il suo vestito era così scollato che potevi quasi vederli comunque e non dovetti perquisirla per sapere che non stava contrabbandando reggiseno e mutandine sotto quel vestito. Se fosse stata asciutta, il vestito sarebbe sceso dalla linea del busto fino quasi alle cosce, e ho sentito i miei pantaloni stringersi mentre i miei occhi correvano su e giù per le sue curve generose che il vestito spolverato non riusciva a nascondere. La sua gonna si era sollevata per la fretta e non dovevo immaginare che si tenesse rasata dove conta.

Deve aver sentito i miei occhi su di lei perché si è tirata indietro l'orlo del vestito fino alla parte superiore della coscia mentre si sedeva e incrociava le gambe. Ho chiesto se potevo aiutarla, sporgendomi in avanti per nascondere il rigonfiamento nei miei boxer. "Lo spero," disse disperata, sistemandosi i capelli e cercando di non sembrare così pietosa. Strinse la borsetta viola tra le mani irrequiete, guantate di pizzo; una posizione difensiva nervosa mi dissi. Ho cercato di calmarla dicendole di cominciare dall'inizio. Ero ancora un investigatore privato e avevo una reputazione da recuperare, indipendentemente da ciò che questa donna stava facendo ai miei livelli di adrenalina.

Si calmò un po' e iniziò a tessere il suo filo. Era la stessa triste storia che avevo sentito migliaia di volte: un fratello fannullone a cui è devota, sperpera i risparmi di famiglia e ora è scomparso, e lei non riesce a calmarsi. Le porsi il mio fazzoletto e le rivolsi un'occhiata comprensiva; le emittenti adorano quel genere di cose. Continua e i miei occhi scivolano verso il basso per guardare i suoi seni mentre si sollevano sempre più lentamente e lei inizia a respirare normalmente. Erano come un buon vino, e io ero già un alcolizzato furioso. Sta dicendo qualcosa su "ogni centesimo che aveva" quando mi sposto sulla sedia per sistemare casualmente il mio uccello in una posizione meno visibile.

Dopo circa cinque minuti, mi alzo, ascoltando ancora la sua storia singhiozzante, e vado a sedermi di fronte a lei sul bordo della mia scrivania. Faccio finta che sia perché sono interessata, ma non potrei sedermi lì un altro minuto senza guardarle bene le gambe. Erano ancora luccicanti per la pioggia ei miei occhi le seguirono dalle caviglie fino al sedere. Indossava una specie di tacco alto con il cinturino che si allacciava con un nastro in un fiocco alla caviglia. Era sicuramente un lavoro da fare e, che potessi aiutarla o meno, ero sicuramente felice che fosse venuta nel mio ufficio.

Mentre tornavo a sedermi, annuii un paio di volte e le assicurai che suo fratello prima o poi sarebbe arrivato senza alcun aiuto da parte mia. Mi ha dato la battuta "Oh ma devi" e ha ricominciato ad asciugarsi gli occhi. Sapevo che non valeva la pena che prendessi il caso; mi aveva quasi detto che non poteva pagarmi. Devo essere sembrato piuttosto disinteressato, perché ha iniziato con il suo fascino femminile.

"Sono sicura di avere una sua foto qui da qualche parte," disse mentre guardava a malincuore attraverso la borsetta. Con il minimo dei pretesti si alzò e rovesciò il contenuto della borsetta sulla sedia, poi si chinò finché la sua faccia fu a un centimetro dai soprammobili che stava infilando. Non era la solita sgualdrina di strada e teneva le gambe premute insieme mentre faceva oscillare il fondoschiena da una parte all'altra; questa era una tangente, non un peep show, e i miei occhi non hanno mai lasciato quei fianchi, gambe e culo perfetti a forma di cuore per un secondo.

"Eccolo qui", ha detto e mi è sembrato di svegliarmi da un sogno quando si è alzata e io sono uscito di scatto. Cancellai il sorriso stupido dalla mia faccia proprio mentre lei si voltava e si chinava sulla mia scrivania per mostrarmi la foto che aveva trovato. Ho cercato di sembrare interessata mentre si appoggiava alla mia scrivania con entrambe le braccia e parlava della foto, ma il modo in cui era appoggiata ha reso i suoi capezzoli l'ultima linea di difesa, aggrappandosi alla cucitura del suo vestito per evitare che la sua scollatura fuoriuscisse davanti a me.

Si sporse per sottolineare qualche dettaglio, e se fosse stato un altro giorno il suo vestito non sarebbe mai rimasto addosso. Quando spostò la spalla, entrambe le cinghie scivolarono via e penzolarono ai suoi gomiti, staccandosi per rivelare i suoi capezzoli. Ma il suo prendisole era ancora gocciolante e aderiva al suo corpo e alla parte inferiore dei suoi seni pendenti.

Era sorpresa e imbarazzata; si tirò indietro con un sussulto e si gettò il braccio sulle tette mentre si aggiustava freneticamente il vestito. Mi sono alzato e mi sono avvicinato a lei mentre lanciava nervosamente una serie di scuse e scaricava il contenuto nella borsetta. Si è bloccata quando ho messo la mia mano sulla sua spalla, essendo il più gentile possibile. Le ho detto che mentre non sapevo se potevo aiutarla con il caso, il minimo che potevo fare era lasciarla passare la notte. Avevo un minuscolo appartamento nella stanza accanto per la protezione dei testimoni e, dopo alcune persuasioni, lei mi ha seguito con riluttanza.

Era probabilmente il tuffo più semplice che avesse mai visto. C'era un letto proprio al centro della stanza, con un minuscolo angolo cottura in un angolo e un lungo specchio che correva lungo la parete. Di fronte c'erano una doccia e uno scarico, senza tenda né vasca, e un gabinetto; non c'era nemmeno un comodino. Ma le luci funzionavano e c'era una piccola finestra in una parete così non si sarebbe sentita troppo confinata, e sapeva di non avere molta scelta. Gli addetti alle pulizie erano lì dall'ultima volta che era stato usato, quindi era molto più pulito del mio ufficio, anche se forse un po' polveroso. Alla fine ha accettato e le ho detto buonanotte.

Mentre tornavo nel mio ufficio, l'ho sentita chiudere la porta dietro di me e ho sorriso. Mi avvicinai a un piccolo armadio nell'angolo e mi infilai dentro. Spostando un pannello nell'oscurità, sono scivolato in un sottile corridoio tra le stanze con un lungo specchio a due vie che guardava nel minuscolo appartamento. Potevo vederla voltare lo sguardo verso la porta sprangata e coprire la finestrella con le tende a brandelli. Rabbrividì e si avvicinò alla doccia, aprendo l'acqua calda. Come avevo sperato, non sospettava nulla.

Si sedette sul letto di fronte allo specchio e si slacciò i tacchi alti, sfilandoli e lasciandoli cadere a terra. Come ho detto, la stanza era minuscola e lei era a poco più di un metro o due di distanza. Potevo vederla mentre si passava le mani lungo le gambe mentre iniziava a rilassarsi dopo una giornata lunga e dura. Si alzò e mi voltò le spalle mentre agganciava le bretelle del prendisole con i pollici e le tirava fino in fondo sul pavimento. Ho guardato mentre il vestito si staccava dal suo corpo e mentre ne usciva mi sono aperto i pantaloni. Ho preso dei fazzoletti che tenevo a portata di mano e ho iniziato a pompare il mio cazzo mentre le bevevo la schiena nuda, il culo e le gambe. Era il concerto del secolo e avevo il miglior posto in casa.

Anche con le spalle rivolte a me, questa donna mi stava eccitando. Allungò le braccia sopra la testa, poi fece scivolare le mani lungo le curve mentre si dirigeva verso la doccia. Ha assaggiato l'acqua con la mano e il vapore che ne usciva mi ha detto che era più calda che mai. L'ho vista entrare nella pioggia e il mio cazzo è diventato duro come una roccia mentre si girava verso di me. Si stava passando le mani tra i capelli e il suo corpo pieno e nudo rimase congelato in quell'istante mentre i miei occhi osservavano la scena.

Le sue tette luccicavano mentre l'acqua calda scorreva su di loro, in una posa perfetta con le mani tra i capelli, le braccia sopra la testa. I suoi fianchi danzavano un po' mentre lavava via la pioggia fredda, e la guardai mentre si insaponava e passava le mani su ogni centimetro di quel fisico luccicante. Non era troppo magra e i suoi fianchi si curvavano proprio come dovrebbero fare quelli di una donna. Aveva gambe forti e le spalle più belle che tu abbia mai visto. La stanza era così piccola che, anche se la doccia era dall'altra parte del letto rispetto a me, lei non distava più di tre o quattro metri.

Potevo sentire le mie palle dolere mentre si girava e si lavava il culo e le gambe, muovendo lentamente le mani sulla sua pelle liscia e seducente. Ho iniziato a pompare più velocemente quando si è leccata due dita e le ha strofinate dentro e intorno alle labbra della sua figa, uno sguardo di evidente piacere incollato sul suo viso. Mi ha guardato dritto negli occhi, ma tutto ciò che ha visto è stato uno specchio, e ha mostrato a se stessa una mezza dozzina di pose sexy mentre guardavo con impazienza dall'ombra. Il mio cazzo stava implorando di crema mentre lei tornava a lavarsi e massaggiarsi le tette. Erano di dimensioni perfette e rimbalzavano giocosamente mentre guardavo con stupore. Ho provato a trattenermi e ad assaporare il momento, ma quando ha iniziato a pizzicarsi i capezzoli e gemere è stato troppo per me; Ho sparato il mio carico così forte che riuscivo a malapena a tenerlo nel fazzoletto.

Mi ci sono voluti solo pochi minuti per pulire, ma quando ho finito ho alzato lo sguardo per scoprire che aveva finito la doccia e ora era sdraiata sul letto con un asciugamano avvolto intorno al busto. Avevo pensato che lo spettacolo fosse finito e stesse per andarsene quando l'ho sentita emettere un lieve gemito. Alzai lo sguardo per vederla sfregare il clitoride e massaggiarsi i capezzoli. Mi sono seduto di nuovo sulla sedia e mi sono lasciato venire duro di nuovo mentre guardavo questa piccola cosa carina giocare con se stessa.

Il suo asciugamano si aprì con noncuranza mentre si rilassava nella sua stessa carezza. Una mano danzò leggermente sulla sua pelle diventando amichevole con il paesaggio, mentre l'altra mano infilò la mano nella borsetta che giaceva accanto al letto e tirò fuori un dildo. Nemmeno questa era una di quelle cose di plastica da quattro soldi, era un sex toy davvero costoso. Sembrava un vero cazzo con la testa affusolata e le vene lungo l'asta, sottile quanto il mio pollice e lungo solo il doppio. Se è abituata a questo, non avrebbe alcuna possibilità contro il mio cazzo.

Si circondò il capezzolo con l'indice di una mano e spostò il cazzo in posizione sulla sua figa con l'altra mano. Ho sentito i miei pantaloni iniziare a contrarsi di nuovo mentre guardavo quel cazzo strofinare su e giù per la sua fessura e farsi ricoprire dai succhi della sua figa prima di preparare la testa per la penetrazione. Era così piccola che dovette premere a lungo e con forza prima che la sua fessura inghiottisse volentieri il membro invasore, nonostante quanto fosse bagnata. Lentamente si allungò su di esso e lentamente scivolò nelle sue regioni inferiori esposte in attesa. Il modo in cui tutto il suo corpo si irrigidì mentre si insinuava sempre più dentro di lei e il suono del lungo rantolo lamentoso che le sfuggì dalle labbra quando scomparve dentro di lei mi dissero che non aveva un uomo da un bel po'.

Potevo vedere che voleva godersi il momento e guardavo mentre si costruiva lentamente verso un climax. Con colpi regolari e uniformi, il suo respiro controllato e ritmico divenne sempre più faticoso finché non inarcò la schiena, spinse il pene a casa e tese ogni muscolo del suo corpo in un orgasmo. Un grido sommesso e prolungato di estasi sfuggì inconsciamente alle sue labbra e io iniziai ad accarezzare il mio cazzo duro come la roccia attraverso il tessuto dei miei pantaloni. Rimase congelata nel tempo, lo sguardo sul suo viso di beatitudine dolcemente preoccupata, la sua schiena arcuata che metteva in mostra le sue tette e le sue gambe bloccate in estasi.

Dopo che si fu nuovamente rilassata rimase distesa lì per un po', mettendo da parte il dildo e coprendosi con il lenzuolo più sottile che possedevo. Ho pensato che si fosse appisolata quando si è seduta lentamente con l'aria di avere un'idea in quella sua graziosa testolina. Il lenzuolo si staccò e lei si ritrovò davanti allo specchio, ancora radiosamente nuda e sistemandosi i capelli a non più di un braccio di distanza.

Si rimise quella sottoveste, per quanto bagnata, e si riallacciò le scarpe. Quando si è sistemata i capelli un'ultima volta allo specchio, ho preso spunto e sono tornata di corsa alla mia scrivania, sedendomi proprio mentre la sua porta si apriva e lei entrava nella stanza. Ho chiesto se c'era qualcosa che non andava, cercando di far sembrare che non l'avessi solo spiata negli ultimi trentacinque minuti. Con aria risoluta, si è messa dietro la mia scrivania e ha detto: "Non credo che tu mi abbia capito prima. Vedi, sono molto disperata". Con uno sguardo sensuale che quasi mi ha bruciato un buco nella testa, ha fatto scivolare le spalline del vestito lungo entrambe le spalle e si è tolta la stoffa dalle tette. Spinse indietro le braccia e si chinò in avanti, muovendo leggermente le spalle in modo che potessi guardarle le brocche ondeggiare. Anche se avevo passato l'ultima mezz'ora a fissarli, mi facevano comunque sobbalzare il cazzo e lei lo vedeva attraverso i pantaloni.

Un rossore si diffuse sulle sue guance, chiuse gli occhi e si appoggiò allo schienale della mia scrivania, inarcando la schiena e appoggiando un piede sui cassetti di legno. Si leccò due dita di una mano e le mandò a giocare sui suoi capezzoli. Si leccò due dita dell'altra mano e iniziò a giocare con il clitoride. Sapevo che stava fingendo i suoi gemiti perché avevo sentito quelli veri, ma non mi importava; reale o no, stavano accendendo un fuoco nei miei boxer.

Con una mano ho infilato la mia asta nella sua prigione di stoffa e con l'altra ho allungato la mano e le ho accarezzato la gamba. Un'ondata di calore mi attraversò il corpo dalla gola alle palle e lei sembrò sorpresa e si mise a sedere. Non so cosa si aspettasse, ma il suo viso arrossì di nuovo e mi lanciò quello sguardo sensuale e mi agitò timidamente il dito. Facendo un passo indietro, mi fece l'occhiolino e si voltò. Tenendo le gambe unite si chinò e si slegò una delle scarpe, prendendosi il suo tempo e lasciandomi dare un'occhiata. Non è stata attenta come l'ultima volta e anche se probabilmente non voleva che lo facessi, ho dato una buona occhiata alla sua passera. Mi leccai le labbra e osservai il panorama.

Si tolse una scarpa e mise l'altra sulla mia scrivania per slacciarla, mostrando le gambe mentre lo faceva. Una volta che fu scalza, saltò di nuovo sulla mia scrivania e si avvicinò a me. Con un piede mi spinse indietro sulla sedia e con l'altro iniziò a massaggiarmi l'inguine. Ha buttato indietro la testa, si è appoggiata indietro sulle braccia e ha spinto in fuori le tette, ma ha tenuto le ginocchia unite mentre mi accarezzava il cazzo attraverso i pantaloni con entrambi i piedi. Questa donna stava spingendo tutti i miei pulsanti, e se non fossi venuto prima avrei sicuramente sparato il mio carico proprio in quel momento. Così com'era, mi sono semplicemente seduto e mi sono divertito; la mia testa rotolò all'indietro con un ampio sorriso sul viso e persi la cognizione del tempo.

Probabilmente è durato solo un minuto o due, ma subito dopo si è alzata dalla mia scrivania con uno sguardo negli occhi come se non avesse pensato così lontano e si fosse aspettata che io pulissi i miei boxer nel modo giusto circa ora. Le ho dato uno sguardo che ha mostrato quanto fossi preso da lei e lei è stata veloce nell'accogliere. Si è messa a cavalcioni sulla mia sedia e ha fatto sedere la sua piccola figa stretta proprio sul rigonfiamento dei miei pantaloni, spingendomi indietro sulla sedia e sbottonandomi la camicia. I suoi seni si strinsero e ondeggiarono come una dea dell'Elisio mentre mi apriva la camicia e mi faceva scorrere le dita sul petto.

Presi mentalmente nota di ringraziare Dio per le sedie senza braccioli mentre la attiravo a me e non perdevo tempo a seppellire il viso nel suo seno. Finalmente sono riuscito ad accarezzare quella coppia meravigliosa mentre sentivo le sue mani correre lungo la mia schiena e i suoi fianchi che stridevano contro il mio cazzo duro come una roccia. Ero in paradiso a baciare, leccare, succhiare ogni centimetro del suo seno mentre lei faceva scorrere le mani lungo la mia cintura e la slacciava. La mia lingua stava muovendo i suoi capezzoli quando mi ha sbottonato i pantaloni e ha raggiunto i miei boxer. La sua mano si bloccò e i suoi occhi si spalancarono. Chiaramente non aveva tenuto conto di questo e si tirò indietro e si alzò, incerta su cosa fare.

Il mio sorriso si allargò. Mi alzai anch'io e mi abbassai i pantaloni. Ora, certo, sono un po' più grande della media, ma avendo visto a cosa era abituata deve essere stato un mostro per lei. Tutto il suo viso è diventato rosso barbabietola e si è appoggiata alla mia scrivania per vedere meglio. Mi sono seduto sul bordo del mio sedile per accontentare i suoi begli occhi e ho fatto scorrere le mani sul mio cazzo e sulle mie palle mentre lei osservava lo spettacolo. Lentamente si sporse in avanti e si inginocchiò, mettendo la faccia a un centimetro dal mio cazzo e le sue mani si alzarono dai fianchi per toccarlo. Si chinò e gli diede un bacio proprio sulla testa.

Le sue mani iniziarono a esplorare l'asta, la testa e le sfere. Mi sono seduto in estasi mentre le sue mani morbide e inesperte mi facevano impazzire. Ha fatto scivolare le dita lungo la mia asta e mi ha toccato la testa come se stesse incidendo la scena nel suo cervello. Le punte delle sue unghie baciarono le mie palle con colpi delicati e lei si leccò le labbra. Inclinando la testa in avanti, attirò il mio cazzo alla sua bocca e premette le sue labbra contro la mia testa gonfia in un lungo bacio, poi lasciò che si aprissero per prendere la testa nella sua bocca. Ha leccato la morbida parte inferiore del mio cazzo e l'ha lasciato gonfiare mentre lo teneva in bocca, e io ho allungato una mano per toccarle la mascella e le labbra attorno al mio membro. Allontanando la testa in modo ombroso e spingendo il petto in avanti, avvolse la mia verga tra le sue tette e gettò indietro la testa mentre iniziava a massaggiare la mia virilità con le mani e la carne del seno.

Ho guardato i suoi seni rimbalzare mentre dondolava su e giù sul mio cazzo con le mani che accarezzavano la mia dotazione così come la sua. Le mie mani le accarezzarono le spalle, la clavicola e il collo, scendendo pericolosamente vicino ai suoi seni ma indietreggiando sempre prima che potesse obiettare. Alla fine si alzò, prendendomi le mani tra le sue e restituendomele con un sorriso seducente. Arretrando di un passo, mise le braccia sopra la testa e fece piroettare per me un paio di volte, fermandosi per chinarsi e ostentare il suo splendido culo in faccia. Le mie mani sembravano muoversi da sole per afferrarle il sedere e prima che me ne rendessi conto i miei pollici correvano lungo la sua fessura.

Sembrava sorpresa ed eccitata, e dopo un attimo indietreggiò di nuovo, stuzzicandomi con il suo corpo. Le ho detto che avrebbe dovuto darmi di più se avesse preso sul serio questo caso, e lei sembrava aver compreso bene le mie intenzioni. Saltò sulla mia scrivania con le mani sul bordo e fece penzolare le gambe, guardandomi con un dolce sorriso mentre mi slacciavo le scarpe e toglievo tutto sotto la vita. Tutto ciò che mi restava era il cappello di feltro e la camicia sbottonata, mentre il mio cazzo duro e il mio culo duro erano esposti all'aria umida e buia della notte nel mio ufficio.

Allungandomi in avanti, le feci scorrere una mano lungo le gambe fino alle caviglie e le misi l'altra sulla spalla, convincendola a sdraiarsi mentre le sollevavo le gambe. Si è aggrappata alla mia scrivania per tutta la vita mentre tenevo le sue gambe dritte in aria e posizionavo la testa del mio cazzo all'ingresso del suo piccolo angolo di paradiso. Chiuse gli occhi con un'espressione preoccupata in attesa di essere allungata dalla mia asta, ma le dissi di non preoccuparsi e di godersi tutto ciò che le avrei fatto.

Si rilassò e si prese i seni a coppa mentre io passavo le mani lungo le cosce più sexy che avessi mai visto. Il mio cazzo era affamato per la sua figa e non potevo più tenerli separati. Tenendo le sue gambe contro il mio petto, le sue bellissime gambe sensuali, ho posizionato la testa del mio cazzo all'ingresso del suo minuscolo angolo di paradiso e ho aperto il suo passaggio con la mia mano libera. Era così stretta che la testa del mio cazzo non riusciva a seppellirsi del tutto nella carne della sua figa, e ho iniziato a oscillare lentamente da un lato all'altro per allungarla. Emise un sussulto quando la mia testa si spinse attraverso il velo della sua femminilità e io iniziai a spingere delicatamente dentro e fuori per far sì che i suoi succhi sessuali ricoprissero la punta del mio membro palpitante.

Pollice dopo centimetro euforico, la mia verga affondò nel suo caldo santuario interiore, inzuppandomi mentre scivolava e la allungava a rantoli e gemiti più forti e più lunghi. Questa volta sapevo che erano reali e una o due volte ho pensato che potesse provare a fermarmi, ma la sensazione impressa sul suo viso era così intensa che sapevo che non poteva né voleva farlo. Alla fine, il mio cazzo ha toccato il fondo dentro di lei e lei ha emesso un pianto sommesso. Le allargai le gambe e le afferrai le cosce per sostenerla mentre ruotavo i fianchi ed esploravo le sue parti più intime.

Questa azione sembrò eccitarla, e lei inarcò la schiena e mosse una mano verso il basso per afferrare il mio cazzo. La sua figa era piccola, come ho detto, e c'era abbastanza della mia asta che sporgeva perché potesse accarezzarne la base e le mie palle mentre mi spingevo dolcemente dentro di lei con un ritmo lento ma costante. Con una mano sulla mia virilità e l'altra sulle sue tette si toccava il clitoride e si pizzicava i capezzoli mentre il suo corpo rotolava verso l'orgasmo.

Ho accelerato il mio ritmo nella mia eccitazione e lei ha raggiunto il suo primo piccolo orgasmo. Non avrei mai lasciato che tutto questo finisse, quindi l'ho afferrata per le gambe e l'ho fatta girare sul mio cazzo in modo che le sue tette si posassero sulla mia scrivania. Si è alzata in punta di piedi, ha allungato la schiena indescrivibilmente sexy attraverso il mio spazio di lavoro e si è aggrappata al bordo più lontano mentre iniziavo a speronarla forte da dietro. Il mio barattolo di matita e una casella di posta si sono rovesciati dalla mia scrivania mentre tremava a tempo con il mio feroce assalto. La sua gola emise un gemito lamentoso mentre le battevo il culo, le sue dita si strinsero sulla mia scrivania mentre risuonavo con la mia asta e le palle a casa ancora e ancora. Potevo sentire la pelle della sua figa allungarsi per accogliermi mentre i suoi muscoli vaginali si irrigidivano intorno alla mia pulsante invasione.

Le mie palle erano così vicine a sparare il loro carico che ero sorpreso che non fossero ancora esplose, e il suo orgasmo rotolante stava lentamente crescendo mentre rimbombava attraverso ogni parte del suo corpo. Rallentai il passo, mi staccai da lei e feci un passo indietro per riprendere fiato. Non appena l'ho fatto, lei si è girata, i suoi occhi infiammati dalla lussuria per il mio cazzo, e mi ha spinto indietro sulla sedia. È praticamente saltata sui miei fianchi e ha impalato il suo organo sessuale allungato e gonfio sul mio. Le mie mani sono volate automaticamente sui suoi fianchi e sul suo sedere, e l'ho aiutata a cavalcare il mio cazzo in un galoppo furioso, scavandole un buco nella figa con il mio membro lussurioso.

Il suo climax scosse tutto il suo corpo mentre il mio stesso orgasmo esplodeva dentro di lei. Eravamo congelati in un paradiso comune, il mio cazzo infuriava sfrenato dentro di lei, la sua figa si stringeva con tutte le sue forze sul mio cazzo. Il mio battito cardiaco correva a un milione di miglia al minuto e i globi dei suoi seni luccicavano di sudore divino come una dea, tremando a ogni battito del suo battito cardiaco. Sembrava un'eternità mentre mi gonfiavo e pompavo il mio sperma nella sua figa struggente ancora e ancora e ancora. La sua stessa testa e le sue braccia erano gettate indietro mostrando le sue tette dorate mentre abbassava i fianchi per seppellire il mio bastoncino di piacere dentro di lei il più possibile.

Quando finalmente la sua euforia si placò, si spostò in avanti e si accasciò su di me, i suoi seni a cavalcioni sul mio viso e mandando un fulmine che echeggiava attraverso il mio cazzo. Le accarezzai teneramente il sedere e la schiena per qualche minuto prima di aiutarla a scendere da me. Sembrava essere in uno stato di beato shock e si limitò ad annuire con un gemito malinconico quando le dissi che avrei accettato il caso. La ricondussi nell'appartamento e le tolsi il prendisole prima di adagiarla sul letto. In qualsiasi altra occasione mi verrei nei pantaloni facendo qualcosa del genere, ma proprio in quel momento ero così esausto che il mio cazzo sobbalzò solo due volte prima di calmarsi. L'ho coperta con il lenzuolo e l'ho guardata addormentarsi prima di uscire silenziosamente e chiudere la porta.

Storie simili

Realizzazione di un uomo danneggiato parte 1

La creazione di un uomo danneggiato • Questa è la mia prima storia. La prima parte avrà poco o nessun sesso poiché inizierò con una storia di fondo che si basa sulla mia vita. Gli eventi di cui scriverò sono accaduti a me. I nomi saranno cambiati per proteggere i non così innocenti. Passerò alla finzione quando inizierà la vendetta, ma sento che il retroscena o la storia, come la si chiami, è importante per capire da dove viene il personaggio principale. Ora ecco la domanda se sarà buono o cattivo mentre si vendica di coloro che lo hanno danneggiato. L'infanzia...

2.4K I più visti

Likes 0

Cintura della Bibbia - Parte 3 (FINALE)

Vado in un campo cristiano, annunciò Anne a colazione un giorno, circa due settimane dopo. Le nostre visite notturne erano ancora in corso, ma più a lungo continuavamo, più ero risoluto che doveva cessare. Ho risposto a mia sorella quasi soffocando con i miei Cheerios, ma sono riuscito a coprirlo con un colpo di tosse. Se fossi stato davvero il bravo ragazzo che volevo essere, il mio pensiero iniziale sarebbe stato preoccuparsi di come sarebbe sopravvissuta senza accesso alla sua dipendenza, ma onestamente, la mia prima preoccupazione era come avrei fatto a sopravvivere senza sesso per una settimana . I miei...

2.2K I più visti

Likes 0

La mia cugina cagna e la sua amica

È iniziato come un giorno come nessun altro, alzarsi la mattina e fare la mia pulizia regolare e nutrirmi bene come fanno tutti. L'unica cosa che non era proprio come le altre mattine che avevo due bellissime ragazze qui con mia madre era come la maggior parte delle altre che mi trattava come se avessi tre anni quando in realtà ho 17 anni ha insistito sul fatto che mia cugina Sadia stesse con me. Ora mia cugina pesava 112 libbre, capelli biondi, occhi azzurri, seno 36C, culo perfetto e stretto, e le labbra succulente quelle se le avessi baciate probabilmente saresti...

2.1K I più visti

Likes 0

Lo spettacolo via webcam di Tasha

La trasmissione sexy della webcam della diciottenne Tasha viene interrotta dall'animale domestico di famiglia. Sono Tasha, ma tutti mi chiamano Ta-Ta. A causa dei miei seni al cioccolato 38 C. Ho 18 anni e sono piccola, alta 5'6 pollici, 115 libbre di cioccolato fondente. Faccio un taglio di capelli corto alla Halle Berry. Con un fondoschiena di mela che farebbe dire a J-Lo Dannazione Vivo ancora con i miei genitori e il mio stupido fratellino quindicenne Calvin Jr (soprannominato C.J) Inoltre, abbiamo un pitbull di 3 anni di nome Bullet. Di chi mi fissa costantemente con quei penetranti occhi azzurri, mentre...

2.2K I più visti

Likes 0

Nirvana celeste: parte 1

Come la maggior parte dei miei altri lavori, questa storia si concentra più sul dramma e sulla storia che sul sesso (ma c'è il sesso, non preoccuparti). Per una migliore esperienza di lettura, ti consiglio di sballarti prima di procedere. Capitolo 1 La giovane donna infilò per l'ennesima volta le sue dita tra le succose labbra gonfie della sua fessura, mordendosi il cuscino per attutire i suoi gemiti di piacere. Era sdraiata a letto, il sole si avvicinava all'orizzonte orientale mentre i minuti scorrevano sulla sua sveglia. L'ora era presto, prima del risveglio dei suoi genitori, ma era così che le...

2.3K I più visti

Likes 0

Decoratore d'interni

Maria ha venticinque anni, single, giovane decoratrice d'interni e commessa nel negozio di mobili di famiglia. Aveva bisogno di un accordo stretto. Il compito, tuttavia, si stava rivelando più difficile di quanto avesse sperato. Vari ritardi stavano inducendo gli acquirenti a ripensarci. Oggi sperava che un acquirente entrasse e chiudesse un affare. Non essendo una che usa abitualmente il suo bell'aspetto naturale a proprio vantaggio quando ha a che fare con gli uomini, Maria ha tirato con riluttanza un maglione senza maniche attillato dal suo armadio e una gonna corta complementare. Con solo un piccolo paio di mutandine sotto, si sentiva...

2.5K I più visti

Likes 0

L'ascesa e la caduta di un ragazzo chiamato Rave parte 6

Affrontare la frustrazione sessuale Avevo 13 anni e mi odiavo ma non odiavo la mia vita. Avevo una ragazza che mi amava, la rispettata della mia banda, la paura dei miei nemici e più soldi di quanti ne avessi mai visti. Erano passati più di sei mesi da quando avevo conosciuto la vera fame, avevo un gruppo di amici che sarebbero andati al muro per me, avrei potuto fare sesso con una dozzina di ragazze diverse se avessi voluto, e non vivevo più nella paura i miei impulsi violenti potevo assecondare alcuni e ora potevo reprimere gli altri. Tutta questa nuova...

2.8K I più visti

Likes 0

Nel bene e nel male: la storia di Robert

La storia di Roberto Robert si svegliò quella mattina da una sensazione incredibile che non provava da molto tempo. Aprì gli occhi e guardò in basso per vedere sua moglie, Janet, che faceva scorrere lentamente la bocca su e giù per il suo cazzo. Alzò lo sguardo quando si svegliò e gli sorrise. Smise quello che stava facendo e si spostò sul suo corpo. Ha iniziato a baciarlo mentre si metteva a cavalcioni su di lui, allungandosi e guidando il suo cazzo dentro di lei. Una volta dentro, si è seduta e ha iniziato lentamente a cavalcare il cazzo di Robert...

2K I più visti

Likes 0

Una lezione per Liz

Capitolo 1 Sam e sua sorella minore Liz si sono incontrati per un caffè un pomeriggio di quest'estate. Sam e Liz non erano mai stati molto legati, soprattutto perché Sam aveva 11 anni in più di sua sorella minore Elizabeth o Liz, come le piaceva essere chiamata. Non si vedevano da un paio di mesi eppure vivevano nella stessa città. Sam era il tipo che ha lasciato che la sua carriera guidasse la sua vita e non si era mai sposato o si era sistemato davvero. Avrebbe avuto una ragazza occasionale, ma non ne è mai venuto fuori nulla e gli...

2.2K I più visti

Likes 0

Dormitorio 1 di GF

Questa è la storia di Teagan, la mia ragazza ai tempi dell'università e della sua coinquilina, Sarah. Teagan è di origine asiatica che le ha concesso una corporatura snella e minuta, occhi nocciola, lunghi capelli scuri e pelle naturalmente abbronzata. È benedetta con coppe B sode, pancia piatta e glutei magri e formosi: va in palestra per fare squat abbastanza frequentemente. E per finire, è molto carina con un dolce sorriso. Essendo un'introversa, è molto gentile e timida. Solo dopo un anno di uscite insieme, abbiamo finalmente fatto sesso: sono stato il suo primo partner sessuale. All'inizio era timida, ma era...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.